ALLERTA PERICOLI INFORMATICI

REVENGE PORN : GIA’ DAI 14 ANNI E’ POSSIBILE RIVOLGERSI AL GARANTE DELLA PRIVACY

REVENGE PORN : GIA’ DAI 14 ANNI E’ POSSIBILE RIVOLGERSI DAL GARANTE DELLA PRIVACY
Written by gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
Google Play
Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
Google Play
Apple Store

L’articolo 9 del DECRETO LEGGE 8 ottobre 2021, n. 139 estende ai 14enni la possibilità di segnalazione al Garante della Privacy se si è vittime di “revenge porn”, ovvero la diffusione di immagini intime o minaccia di pubblicazione di fotografie o video sessuali da parte dell’ex, senza consenso e con scopi vendicativi, estorsivi o ricattatori.

Se sei minorenne e non puoi permetterti assistenza legale a pagamento, come quella offerta da Informatica in Azienda  [ Revenge Porn : assistenza informatica legale approfondisci qui ], da oggi puoi rivolgerti gratuitamente al Garante della Privacy [ per contattare il garante approfondisci qui ]. Il Garante per la protezione dei dati personali ha un’unica sede in Roma Piazza Venezia n. 11 – 00187 Roma Centralino telefonico: (+39) 06.696771 Fax: (+39) 06.69677.3785 — Posta elettronica: protocollo@gpdp.it — Posta elettronica certificata: protocollo@pec.gpdp.it (questo indirizzo è configurato per ricevere SOLO comunicazioni provenienti da posta elettronica certificata)

Intermezzo promozionale ... continua la lettura dopo il box:

Il tuo ex ha pubblicato materiale sessuale che ti riguarda su internet o su un gruppo whatsapp e vuoi tutelarti legalmente ? Informatica in Azienda offre un servizio completo per la rimozione di materiale pornografico o a sfondo sessuale da internet o dai gruppi whatsapp per coloro che sono stati vittima di revenge porn o vendetta dell’ex [ leggi qui ] 

——————————

Segue per esteso l’Art. 9 Disposizioni in materia di protezione dei dati personali

1. Al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, sono apportate le
seguenti modificazioni:
a) All’articolo 2-ter: 1) dopo il comma 1 e’ inserito il seguente:”1-bis. Il trattamento dei dati personali da parte di un’amministrazione pubblica di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ivi comprese le Autorita’ indipendenti e le amministrazioni inserite nell’elenco di cui all’articolo 1, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, nonche’ da parte di una societa’ a controllo pubblico statale di cui all’articolo 16 del decreto legislativo 19 agosto 2016, n. 175, con esclusione per le societa’ pubbliche dei trattamenti correlati ad attivita’ svolte in regime di libero mercato, e’ sempre consentito se necessario per l’adempimento di un compito svolto nel pubblico interesse o per l’esercizio di pubblici poteri a essa attribuiti. La
finalita’ del trattamento, se non espressamente prevista da una norma di legge o, nei casi previsti dalla legge, di regolamento, e’ indicata dall’amministrazione, dalla societa’ a controllo pubblico in coerenza al compito svolto o al potere esercitato, assicurando adeguata pubblicita’ all’identita’ del titolare del trattamento, alle finalita’ del trattamento e fornendo ogni altra informazione
necessaria ad assicurare un trattamento corretto e trasparente con riguardo ai soggetti interessati e ai loro diritti di ottenere conferma e comunicazione di un trattamento di dati personali che li riguardano.”;

2) al comma 2, al primo periodo, dopo le parole «ai sensi del comma 1» sono aggiunte le seguenti: «o se necessaria ai sensi del
comma 1-bis» e il secondo periodo e’ soppresso;

3) al comma 3, dopo le parole “ai sensi del comma 1” sono aggiunte le seguenti: “o se necessarie ai sensi del comma 1-bis”;
b) l’articolo 2-quinquesdecies e’ abrogato;
c) all’articolo 132, il comma 5 e’ abrogato;
d) all’articolo 137, al comma 2, lettera a), le parole «e ai
provvedimenti generali di cui all’articolo 2-quinquiesdecies» sono
soppresse;
e) dopo l’articolo 144 e’ inserito il seguente:
“Art. 144-bis (Revenge porn). – 1. Chiunque, compresi i minori ultraquattordicenni, abbia fondato motivo di ritenere che immagini o video a contenuto sessualmente esplicito che lo riguardano, destinati a rimanere privati, possano essere oggetto di invio, consegna, cessione, pubblicazione o diffusione senza il suo consenso in violazione dell’art. 612-ter del codice penale, puo’ rivolgersi,
mediante segnalazione o reclamo, al Garante, il quale, entro quarantotto ore dal ricevimento della richiesta, provvede ai sensi
dell’articolo 58 del regolamento (UE) 2016/679 e degli articoli 143 e 144.
2. Quando le immagini o i video riguardano minori, la richiesta al Garante puo’ essere effettuata anche dai genitori o dagli
esercenti la responsabilita’ genitoriale o la tutela.
3. Per le finalita’ di cui al comma 1, l’invio al Garante di immagini o video a contenuto sessualmente esplicito riguardanti soggetti terzi, effettuato dall’interessato, non integra il reato di cui all’articolo 612-ter del codice penale.”;
f) all’articolo 166 comma 1, primo periodo, le parole “2-quinquiesdecies” sono soppresse;
g) all’articolo 167, al comma 2 le parole “ovvero operando in violazione delle misure adottate ai sensi dell’articolo
2-quinquiesdecies” sono soppresse;
2. All’articolo 22 del decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101,
il comma 3 e’ abrogato.
3. I pareri del Garante per la protezione dei dati personali richiesti con riguardo a riforme, misure e progetti del Piano nazionale di ripresa e resilienza di cui al regolamento (UE) 2021/241 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 febbraio 2021, del Piano nazionale per gli investimenti complementari di cui al decreto-legge 6 maggio 2021, n. 59, convertito, con modificazioni, 1°
luglio 2021, n. 101, nonche’ del Piano nazionale integrato per l’energia e il clima 2030 di cui al regolamento (UE) 2018/1999 del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2018, sono resi nel termine non prorogabile di trenta giorni dalla richiesta, decorso il quale puo’ procedersi indipendentemente dall’acquisizione del parere.

Rss Feeds:

Pubblica anteprima dei nostri articoli sul tuo sito :

  Inserisci questo codice per mostrare anteprima dei nostri articoli nel tuo sito e proteggi i tuoi navigatori dai rischi informatici

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).