Convenzione sulla criminalità informatica di Budapest e modifiche al codice penale italiano


Luglio 31, 2019 Facebook Twitter LinkedIn Google+ ALLERTA PERICOLI INFORMATICI,Aspetti Legali Informatici



Allerta Pericoli Informatici : scarica la nostra app e rimani sempre informato :


Servizio di Allerta Pericoli Informatici

Pubblichiamo in questo articolo la Convenzione sulla criminalità informatica di Budapest

Attraverso il suo Programma sulla criminalità informatica, il Consiglio d’Europa fornisce assistenza tecnica ai paesi di tutto il mondo. La Convenzione sulla criminalità informatica (2001) è l’unico strumento internazionale vincolante in tale ambito.
Rappresenta una guida per ciascun paese che desideri elaborare una legislazione completa per combattere la criminalità informatica, nonché un quadro per la cooperazione tra i suoi Stati parti.
È corredata da un Protocollo sugli atti di natura razzista e xenofoba commessi a mezzo di sistemi informatici (2003).
La Convenzione stabilisce la condotta anziché la tecnologia, garantendo che le norme e le procedure rimangano valide con l’evolvere della tecnologia.
Il trattato è sostenuto dal Comitato della convenzione sulla criminalità informatica che ne monitora l’attuazione e dall’Ufficio per il programma sulla criminalità informatica di Bucarest, Romania, che sostiene i paesi in tutto il mondo attraverso programmi di creazione di competenze come il progetto GLACY (Global Action on Cybercrime).

Obiettivi
Criminalizzare le infrazioni contro la riservatezza, l’integrità e la disponibilità di dati e sistemi informatici, le infrazioni associate all’informatica, le infrazioni associate ai contenuti (ovvero pedopornografia, razzismo e xenofobia) e le infrazioni legate alla violazione del copyright e dei diritti correlati.
Stabilire procedure per aumentare l’efficienza delle indagini.
Fornire una base giuridica per la cooperazione internazionale tra gli Stati parti alla Convenzione, compresi gli scambi di informazioni su base spontanea, l’estradizione e l’assistenza reciproca a livello internazionale e punti di contatto disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

La Convenzione è il primo trattato internazionale sulle infrazioni penali commesse via internet e su altre reti informatiche, e tratta in particolare le violazioni dei diritti d’autore, la frode informatica, la pornografia infantile e le violazioni della sicurezza della rete. Contiene inoltre una serie di misure e procedure appropriate, quali la perquisizione dei sistemi di reti informatiche e l’intercettazione dei dati.

Il suo obiettivo principale, enunciato nel preambolo, è perseguire una politica penale comune per la protezione della società contro la cibercriminalità, in special modo adottando legislazioni appropriate e promuovendo la cooperazione internazionale.

GLI STATI MEMBRI DEL CONSIGLIO D’EUROPA E GLI ALTRI STATI FIRMATARI

considerando che lo scopo del Consiglio d’Europa è quello di ottenere un legame più stretto
fra i propri membri;
riconoscendo l’interesse ad intensificare la collaborazione con gli altri Stati parte in questa
Convenzione;
convinti della necessità di perseguire, come questione prioritaria, una politica comune in
campo penale finalizzata alla protezione della società contro la criminalità informatica,
adottando una legislazione appropriata e sviluppando la cooperazione internazionale;
consci dei profondi cambiamenti dipendenti dall’introduzione della tecnologia digitale, dalla
convergenza e costante globalizzazione delle reti informatiche;
preoccupati dei rischi che le reti informatiche e le informazioni in formato elettronico possano
anche essere utilizzate per commettere reati e che le prove connesse a tali reati possano
essere conservate e trasferite tramite queste reti;

Testo non ufficiale: traduzione a cura del consigliere dr. Giovanni Ilarda e del dr. Giovanni Pasqua.

3
riconoscendo la necessità della cooperazione tra gli Stati e le società private nella lotta alla
criminalità informatica e la necessità di tutelare gli interessi legittimi nell’uso e nello sviluppo
delle tecnologie informatiche;
ritenendo che una lotta sostanziale alla criminalità informatica richiede una crescente, veloce
e ben funzionante cooperazione internazionale in campo penale;
convinti che la presente Convenzione sia necessaria come deterrente per azioni dirette
contro la segretezza, l’integrità e la disponibilità dei sistemi informatici, delle reti e dei dati
informatici, così come per l’uso improprio di questi sistemi, reti ed informazioni, attraverso la
criminalizzazione di questi comportamenti, come descritto nella presente Convenzione, e
attraverso l’adozione di poteri sufficienti per combattere realmente questi reati, facilitando la
loro individuazione, investigazione e l’esercizio dell’azione penale a livello sia nazionale che
internazionale e prevedendo accordi per una cooperazione internazionale più veloce e
affidabile;
tenendo presente la necessità di garantire un equo bilanciamento tra l’interesse per l’azione
repressiva ed il rispetto dei diritti umani fondamentali come previsto nella Convenzione del
Consiglio d’Europa del 1950 per la Tutela dei Diritti Umani e le Libertà Fondamentali, la
Convenzione Internazionale delle Nazioni Unite del 1966 sui Diritti Civili e Politici e gli altri
trattati applicabili sui diritti umani che riaffermano il diritto di ciascuno di avere opinioni
senza condizionamenti, come anche il diritto alla libertà di espressione, incluso il diritto di
cercare, ricevere, e trasmettere informazioni e idee di ogni tipo, senza limiti di frontiere, e il
diritto al rispetto della privacy;
consapevoli anche del diritto alla tutela delle informazioni personali, ad esempio, in base alla
Convenzione del 1981 del Consiglio d’Europa per la tutela degli Individui con riguardo alla
gestione automatizzata dei dati personali;
tenuto conto della Convenzione delle Nazioni Unite del 1989 sui diritti dei minori e della
Convenzione del 1999 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro sulle peggiori forme di
lavoro minorile;
tenendo presente la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla cooperazione in campo
penale ed anche i trattati simili che esistono tra gli Stati membri del Consiglio d’Europa e gli
altri Stati, e mettendo in evidenza che la presente Convenzione viene intesa come
integrazione di queste convenzioni al fine di rendere più efficienti le indagini e l’azione
penale su reati commessi in materia di sistemi informatici ed informazioni e consentire la
raccolta di prove di un reato in forma elettronica;
accogliendo con favore i recenti sviluppi, quali la migliore conoscenza in campo
internazionale e la cooperazione nella lotta alla criminalità informatica, inclusa l’azione
intrapresa dalle Nazioni Unite, l’OECD, l’Unione Europea e il G8;
4
richiamando le Raccomandazioni del Comitato dei Ministri No. R (85) 10 riguardante la
concreta applicazione della Convenzione Europea sulla Mutua Assistenza Legale in Campo
Penale nel rispetto delle Rogatorie per l’intercettazione delle telecomunicazioni, No. R (88) 2
sulla pirateria nel campo del copyright e il diritto dei vicini, No. R (87) 15 che regola l’uso di
informazioni personali da parte delle forze dell’ordine, No. R (95) 4 sulla protezione dei dati
personali nell’area dei servizi delle telecomunicazioni, con particolare riguardo ai servizi
telefonici, come anche la No. R (89) 9 sui crimini connessi all’uso di computer, prevedendo
delle linee giuda per le legislazioni nazionali riguardanti la definizione di alcuni crimini
informatici e No. R (95) 13 riguardante problemi di diritto procedurale penale collegati con
l’information technology;

avendo riguardo alla Risoluzione No. 1 adottata dai Ministri della Giustizia Europei nel corso
della loro 21° Conferenza (Praga, 10 e 11 Giugno 1997), che raccomandava che il Comitato
dei Ministri supportasse il lavoro sulla criminalità informatica svolto dal Comitato Europeo
sui Problemi Penali (CDPC) al fine di rendere le legislazioni dei singoli Paesi più simili tra
loro e di consentire l’uso di sistemi pratici nelle indagini su questi reati, così come la
Risoluzione No. 3 adottata alla 23° Conferenza dei Ministri Europei della Giustizia (Londra,
8 e 9 Giugno 2000) che incoraggia le parti a proseguire nei loro sforzi volti a trovare
soluzioni adeguate per consentire al maggior numero di Stati di divenire parti della
Convenzione e riconoscendo la necessità di un rapido ed efficiente sistema di cooperazione
internazionale che prenda nel dovuto conto la richiesta specifica di lotta contro la criminalità
informatica;
avendo anche riguardo al Piano d’Azione dei Capi di Stato e dei Governi del Consiglio
d’Europa elaborato in occasione del loro Secondo Summit (Strasburgo, 10 e 11 Ottobre
1997) per cercare risposte comuni allo sviluppo delle nuove tecnologie basate su standards
e valori propri del Consiglio d’Europa,

HANNO CONVENUTO QUANTO SEGUE

CAPITOLO I
USO DEI TERMINI

Articolo 1
Definizioni

Ai fini della presente Convenzione:
5
a. “sistema informatico” indica qualsiasi apparecchiatura o gruppo di apparecchiature
interconnesse o collegate, una o più delle quali, in base ad un programma, compiono
l’elaborazione automatica di dati;
b. “dati informatici ” indica qualunque presentazione di fatti, informazioni o concetti in forma
suscettibile di essere utilizzata in un sistema computerizzato, incluso un programma in grado
di consentire ad un sistema computerizzato di svolgere una funzione;
c. “service provider” (fornitore di servizi), indica:
1. qualunque entità pubblica o privata che fornisce agli utenti dei propri servizi la
possibilità di comunicare attraverso un sistema informatico;

2. qualunque altra entità che processa o archivia dati informatici per conto di tale
servizio di comunicazione o per utenti di tale servizio;
d. “trasmissione di dati” indica qualsiasi informazione computerizzata relativa ad una
comunicazione attraverso un sistema informatico che costituisce una parte nella catena di
comunicazione, indicando l’origine della comunicazione, la destinazione, il percorso, il
tempo, la data, la grandezza, la durata o il tipo del servizio.

CAPITOLO II
PROVVEDIMENTI DA ADOTTARE A LIVELLO NAZIONALE

SEZIONI I
DIRITTO PENALE SOSTANZIALE

TITOLO I
REATI CONTRO LA RISERVATEZZA, L’INTEGRITÀ
E LA DISPONIBILITÀ DEI DATI E DEI SISTEMI INFORMATICI

Articolo 2
Accesso Illegale ad un sistema informatico
Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per sanzionare come reato in base alla propria legge nazionale l’accesso
all’intero sistema informatico o a parte di esso senza autorizzazione.
Una Parte può richiedere che il reato venga commesso violando misure di sicurezza con
l’intenzione di ottenere informazioni all’interno di un computer o con altro intento illegale o in
relazione ad un sistema informatico che è connesso ad un altro sistema informatico.

6
Articolo 3
Intercettazione abusiva
Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale l’intercettazione
senza autorizzazione, fatta con strumenti tecnici, di trasmissioni non pubbliche di dati
informatici a, da o all’interno di un sistema informatico, incluse le emissioni
elettromagnetiche da un sistema informatico che ha tali dati informatici. Una Parte può
richiedere che il reato venga commesso con intento illegale o in relazione ad un sistema
informatico che è connesso ad un altro sistema informatico.

Articolo 4
Attentato all’integrità dei dati
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative e di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale il danneggiamento,
la cancellazione, il deterioramento, la modifica o la soppressione di dati informatici senza
autorizzazione.
2. Ogni Parte può riservarsi il diritto di richiedere che la condotta descritta nel paragrafo 1.
sia di grave danno.

Articolo 5
Attentato all’integrità di in un sistema
Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale il serio impedimento,
senza alcun diritto, del funzionamento di un sistema informatico tramite l’introduzione, la
trasmissione, il danneggiamento, la cancellazione, il deterioramento, l’alterazione o la
soppressione di dati informatici.

Articolo 6
Abuso di apparecchiature
1 Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale, se commessi
intenzionalmente e senza autorizzazione:
a. la fabbricazione, la vendita, l’approvvigionamento per l’uso, l’importazione, la
distribuzione o l’utilizzabilità in altro modo di:
1. un’apparecchiatura, incluso un programma per computer, destinato o
utilizzato principalmente al fine di commettere un qualsiasi reato in base agli
articoli da 2 a 5 di cui sopra;
7
2. una password di un computer, un codice d’accesso, o informazioni simili con
le quali l’intero sistema informatico o una sua parte sono accessibili, con
l’intento di commettere qualsiasi reato in base agli articoli da 2 a 5 di cui
sopra;
b. il possesso di uno elemento di cui ai sopra citati paragrafi a. 1. o 2., con l’intento di
utilizzarlo allo scopo di commettere qualche reato in base agli articoli da 2 a 5. Una
Parte può richiedere per legge che vi sia il possesso di un certo numero di tali
elementi perché vi sia una responsabilità penale.
2. Questo articolo non va interpretato nel senso di prevedere una responsabilità penale
laddove la produzione, la vendita, l’approvvigionamento per l’uso, l’importazione, la
distribuzione o l’utilizzazione in altro modo o il possesso di cui al paragrafo 1. di questo
articolo, non avvenga allo scopo di commettere un reato in base agli articoli da 2 a 5 di
questa Convenzione, come anche per il collaudo autorizzato o la protezione di un sistema
informatico.
3. Ogni Parte può riservarsi il diritto di non applicare il paragrafo 1. di questo articolo, purché
tale riserva non concerna la vendita, la distribuzione o l’utilizzazione in altro modo degli
elementi riferiti al paragrafo 1 a. 2. di questo articolo.

TITOLO II
REATI INFORMATICI

Articolo 7
Falsificazione informatica
Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale, se commessi
intenzionalmente e senza alcun diritto, l’introduzione, l’alterazione, il possesso o la
soppressione di dati informatici derivanti da dati non autentici con l’intento che essi siano
presi in considerazione o utilizzati con fini legali come se fossero autentici, senza avere
riguardo al fatto che i dati siano o meno direttamente leggibili o intelligibili. Una Parte può
richiedere che il reato venga commesso fraudolentemente, o con un intento illegale
paragonabile, perché vi sia una responsabilità penale.

8
Articolo 8
Frode informatica
Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale, se commesso
intenzionalmente e senza alcun diritto, il cagionare un danno patrimoniale ad altra persona:
a. con ogni introduzione, alterazione, cancellazione o soppressione di dati informatici;
b. con ogni interferenza nel funzionamento di un sistema informatico, con l’intento
fraudolento o illegale di procurare, senza alcun diritto, un beneficio economico per se stesso
o altri.

TITOLO II
REATI RELATIVI AI CONTENUTI

Articolo 9
Reati relativi alla pornografia infantile
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale, se commesse
intenzionalmente e senza alcun diritto:
a. la produzione di pornografia infantile allo scopo della sua diffusione attraverso un
sistema informatico;
b. l’offerta o la messa a disposizione di pornografia infantile attraverso un sistema
informatico;
c. la distribuzione o la trasmissione di pornografia infantile attraverso un sistema
informatico;
d. il procurare pornografia infantile attraverso un sistema informatico per se stessi o
altri;
e. il possesso di pornografia infantile attraverso un sistema informatico o uno
strumento di archiviazione di dati informatici.
2. Ai fini del Paragrafo 1. di cui sopra, l’espressione “ pornografia infantile ” include il
materiale pornografico che raffigura:
a. un minore coinvolto in un comportamento sessuale esplicito;
b. un soggetto che sembra essere un minore coinvolto in un comportamento
sessuale esplicito;
9
c. immagini realistiche raffiguranti un minore coinvolto in un comportamento
sessuale esplicito;
3. Ai fini del Paragrafo 2. di cui sopra, il termine “minore” include tutte le persone sotto i 18
anni di età. Una Parte può comunque richiedere un età minore, che non potrà essere
inferiore ai 16 anni.
4. Ogni Parte può riservarsi il diritto di non applicare in tutto o in parte il paragrafo 1.,
sottoparagrafi d. ed e., e 2, sottoparagrafi b.e c.

TITOLO IV
REATI CONTRO LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE E DIRITTI COLLEGATI

Articolo 10
Reati contro la proprietà intellettuale e diritti collegati
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale la violazione della
proprietà intellettuale, come definita in base alla legge di quella Parte, tenendo fede agli
obblighi che ha assunto in base al Paris Act del 24 luglio 1971 che ha modificato la
Convenzione di Berna sulla protezione delle opere letterarie e artistiche, l’Accordo sugli
aspetti commerciali dei diritti sulla proprietà intellettuale e il Trattato OMPI sulla proprietà
intellettuale, con l’eccezione di tutti i diritti morali conferiti da queste convenzioni, se tali atti
sono commessi deliberatamente, su scala commerciale e attraverso l’utilizzo di un sistema
informatico.
2. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale la violazione di diritti
connessi come definiti dalla legge di quello Stato Parte, tenendo fede agli obblighi che ha
assunto in base alla Convenzione Internazionale per la protezione degli artisti, interpreti ed
esecutori, produttori di fonogrammi e organismi di radiodiffusione (Convenzione di Roma),
all’Accordo sugli aspetti commerciali dei diritti sulla proprietà intellettuale e il Trattato OMPI
sull’interpretazione e l’esecuzione e i fonogrammi, con l’eccezione di tutti i diritti morali
conferiti da queste convenzioni, se tali atti sono commessi deliberatamente, su scala
commerciale e attraverso l’utilizzo di un sistema informatico.
3. Una Parte può riservarsi il diritto di non imporre la responsabilità penale in base ai
paragrafi 1. e 2. di questo articolo in determinate circostanze, a condizione che altri rimedi
efficaci siano disponibili e che tale riserva non deroghi agli obblighi internazionalmente
10
assunti da questa Parte in applicazione degli strumenti internazionali menzionati nei
paragrafi 1. e 2. di questo articolo.

TITOLO V
ALTRE FORME RESPONSABILITÀ E SANZIONI

Articolo 11
Tentativo e complicità
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale, ogni complicità
quando sia commessa intenzionalmente in vista della perpetrazione di un’infrazione di cui
agli articoli da 2 a 10 della presente Convenzione, con l’intento che tale reato venga
commesso.
2. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire come reato in base alla propria legge nazionale, se commesso
volontariamente, il tentativo di commettere ogni tipo di reato in base agli articoli da 3 a 5,
7,8,9.1 a. e c. della presente Convenzione.
3. Ogni parte può riservarsi il diritto di non applicare, in tutto o in parte, il paragrafo 2 di
questo articolo.

Articolo 12
Responsabilità delle Persone Giuridiche
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie affinché le persone giuridiche possano essere ritenute responsabili di un reato in
base a questa Convenzione commesso per loro conto da una persona fisica che agisca sia
individualmente che come membro di un organo di una persona giuridica che eserciti un
potere di direzione al suo interno, nei termini che seguono:
a. un potere di rappresentanza della persona giuridica;
b. un’autorità per assumere decisioni nel nome della persona giuridica;
c. un’autorità per esercitare un controllo all’interno della persona giuridica.
2. In aggiunta ai casi già previsti nel paragrafo 1. di questo articolo, ogni Parte deve
adottare le misure necessarie affinché una persona giuridica possa essere ritenuta
responsabile se la mancanza di sorveglianza o controllo di una persona fisica di cui al
paragrafo 1. ha reso possibile la commissione di reati previsti al paragrafo 1. per conto della
persona giuridica da parte di una persona fisica che agisca sotto la sua autorità.
11
3. Secondo i principi giuridici della Parte, la responsabilità delle persone giuridiche può
essere penale, civile o amministrativa.
4.Questa responsabilità è stabilita senza pregiudizio per la responsabilità penale delle
persone fisiche che hanno commesso il reato.

Articolo 13
Sanzioni e Strumenti
1.Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie affinché i reati previsti in applicazione degli articoli da 2 a 11 possano essere
puniti con sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive, che includano la privazione della
libertà.
2.Ogni parte deve assicurarsi che le persone giuridiche ritenute responsabili in base
all’articolo 12 siano assoggettate a sanzioni penali o non penali effettive, proporzionate e
dissuasive o ad altre misure, incluse sanzioni pecuniarie.

SEZIONE II
DIRITTO PROCEDURALE

TITOLO I
DISPOSIZIONI COMUNI

Articolo 14
Ambito di applicazione delle disposizioni procedurali
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per definire i poteri e le procedure previste in questa Sezione per indagini o
procedimenti penali specifici.
2. Salvo contraria disposizione risultante all’articolo 21, ogni Parte deve applicare i poteri e
le procedure menzionati nel paragrafo 1.:
a. ai reati previsti in conformità agli articoli da 2 a 11 della presente Convenzione;
b. a tutti gli altri reati commessi attraverso un sistema informatico;
c. all’insieme delle prove elettroniche di un reato.
3. a. Ogni Parte si può riservare il diritto di applicare le misure di cui all’articolo 20
solamente ai reati o alle categorie di reati specificati nella riserva, purché l’ambito di tali reati
o categorie di reato non sia più ristretto di quello dei reati ai quali la Parte applica le misure
di cui all’articolo 21. Ogni Pare dovrà considerare di ridurre questo tipo di riserva in modo da
consentire l’applicazione più ampia possibile delle misure di cui all’articolo 20.
12
b. Qualora una Parte, a causa dei limiti previsti nella propria legislazione al momento
dell’adozione della presente Convenzione, non è in grado di applicare le misure previste agli
articoli 20 e 21 alle comunicazioni trasmesse in un sistema informatico di un service provider
(fornitore di servizi), il cui sistema:
i. è operativo a vantaggio di un gruppo definito di utenti, e
ii. non utilizza reti di comunicazione pubblica e non è connesso con un altro
sistema informatico, sia pubblico o che privato,
questa Parte si può riservare il diritto di non applicare queste misure a tali comunicazioni.
Ogni Parte dovrà prevedere di ridurre tale riserva per consentire la più amplia applicazione
possibile delle misure di cui agli articoli 20 e 21.

Articolo 15
Condizioni e tutele
1. Ogni Parte deve assicurarsi che l’instaurazione, implementazione e applicazione dei
poteri e delle procedure previste in questa sezione siano soggette alle condizioni e alle
tutele previste dal proprio diritto interno, che deve assicurare un’adeguata tutela dei diritti
umani e delle libertà, in particolare dei diritti derivanti da obblighi assunti in base alla
Convenzione del Consiglio d’Europa del 1950 per la tutela dei diritti umani e delle libertà
fondamentali, alla Convenzione Internazionale delle Nazioni Unite del 1966 sui diritti civili e
politici, e agli altri strumenti internazionali applicabili in materia di diritti umani, e che deve
considerare il principio di proporzionalità.
2. Quando sia il caso, avuto riguardo alla natura del potere o della procedura, queste
condizioni e tutele devono includere, fra l’altro, una supervisione giudiziaria o di altra natura
purché indipendente, dei motivi che giustifichino l’applicazione e la limitazione del campo di
applicazione e della durata del potere o procedura.
3. Nella misura in cui ciò sia rispondente all’interesse pubblico e, in particolare, alla buona
amministrazione della giustizia, ogni Parte deve considerare l’impatto dei poteri e delle
procedure di questa sezione sui diritti, le responsabilità e gli interessi legittimi dei terzi.

13
TITOLO II
CONSERVAZIONE RAPIDA DI DATI INFORMATICI IMMAGAZZINATI

Articolo 16
Conservazione rapida di dati informatici immagazzinati
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per consentire alle competenti autorità di ordinare o ottenere in altro modo la
protezione rapida di specifici dati informatici, inclusi i dati sul traffico, che sono stati
conservati attraverso un sistema informatico, in particolare quando vi è motivo di ritenere
che i dati informatici siano particolarmente vulnerabili e soggetti a cancellazione o
modificazione.
2. Quando una Parte rende effettive le previsione di cui al precedente paragrafo 1.
attraverso l’ordine ad un soggetto di conservare specifici dati informatici immagazzinati che
siano in suo possesso o sotto il suo controllo, la Parte deve adottare le misure legislative e
di altra natura che siano necessarie per obbligare tale soggetto a proteggere e mantenere
l’integrità di quei dati informatici per il periodo di tempo necessario, per un massimo di
novanta giorni, per consentire alle autorità competenti di ottenere la loro divulgazione. Una
Parte può prevedere che tale ordine possa essere successivamente rinnovato.
3. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per obbligare il custode o la persona incaricata di conservare i dati informatici di
mantenere il segreto sulla procedura intrapresa per il periodo di tempo previsto dal proprio
diritto interno.
4. I poteri e le procedure di cui al presente articolo devono essere soggetti agli articoli 14 e
15.

Articolo 17
Conservazione e divulgazione rapide di dati relativi al traffico
1. Al fine di assicurare la conservazione dei dati relativi al traffico in applicazione di quanto
previsto all’articolo 16 ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che
dovessero essere necessarie per:
a. assicurare che la conservazione dei dati relativi al traffico sia disponibile
nonostante uno o più fornitori di servizi siano stati coinvolti nella trasmissione di tale
comunicazione; e
b. assicurare la rapida trasmissione all’autorità competente della Parte, o al soggetto
designato da tale autorità, di una quantità di dati relativi al traffico sufficiente per consentire
alla Parte di identificare il fornitore di servizi e la via attraverso la quale la comunicazione fu
trasmessa.
14
2. I poteri e le procedure di cui al presente articolo devono essere soggette agli articoli 14 e
15.

TITOLO III
INGIUNZIONE DI PRODURRE

Articolo 18
Ingiunzione di produrre
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per consentire alle autorità competenti di ordinare:
a. ad un soggetto nel proprio territorio di trasmettere specifici dati informatici nella
propria disponibilità o controllo, che siano immagazzinati in un sistema informatico in un
supporto informatico per la conservazione di dati; e

b. a un fornitore di servizi che offre le proprie presatazioni nel territorio della Parte di
fornire i dati in proprio possesso o sotto il suo controllo relativi ai propri abbonati e
concernenti tali servizi.
2. I poteri e le procedure di cui al presente articolo devono essere soggette agli articoli 14 e
15.
3. Ai fini del presente articolo, l’espressione “informazioni relative agli abbonati” designa ogni
informazione detenuta in forma di dato informatico o sotto altra forma da un fornitore di
servizi e relativa agli abbonati ad un proprio servizio e diversa dai dati relativi al traffico o al
contenuto e attraverso la quale è possibile stabilire:
a. il tipo di servizio di comunicazione utilizzato, le disposizioni tecniche prese a tale
riguardo e il periodo del servizio;
b. l’identità dell’abbonato, l’indirizzo postale o geografico, il telefono e gli altri numeri
d’accesso, i dati riguardanti la fatturazione e il pagamento, disponibili sulla base degli
accordi o del contratto di fornitura del servizio;
c. ogni altra informazione sul luogo di installazione dell’apparecchiatura della
comunicazione, disponibile sulla base degli accordi o del contratto di fornitura del servizio.

15
TITOLO IV
PERQUISIZIONE E SEQUESTRO DI DATI INFORMATICI IMMAGAZZINATI

Articolo 19
Perquisizione e sequestro dati informatici immagazzinati
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per consentire alle proprie autorità competenti di perquisire o accedere in modo
simile:
a. a un sistema informatico o parte di esso e ai dati informatici ivi immagazzinati; e
b. a supporto per la conservazione di dati informatici nel quale i dati stessi possono
essere immagazzinati nel proprio territorio.
2. Ogni Parte deve adottare le misure legislative e di altra natura che dovessero essere
necessarie per consentire che, qualora le proprie autorità perquisiscano o accedano in
modo simile a specifici sistemi informatici o parte di essi, in conformità al paragrafo 1.a, e
abbiano ragione di ritenere che i dati ricercati si trovino presso un altro sistema informatico
o parte di esso nel proprio territorio, e a tali dati sia possibile legalmente l’accesso dal
sistema iniziale, le stesse autorità possano estendere rapidamente la perquisizione o
l’accesso all’altro sistema.

3. Ogni Parte deve adottare le misure legislative e di altra natura che dovessero essere
necessarie per consentire alle proprie autorità competenti di sequestrare o acquisire in modo
simile i dati informatici per i quali si è proceduto all’accesso in conformità ai paragrafi 1 o 2.
Tali misure devono includere il potere di:
a. sequestrare o acquisire in modo simile un sistema informatico o parte di esso o un
supporto per la conservazione di dati informatici;
b. fare e trattenere una copia di quei dati informatici ;
c. mantenere l’integrità dei relativi dati informatici immagazzinati;
d. rendere inaccessibile o rimuovere quei dati dal sistema informatico analizzato.
4. Ogni Parte deve adottare le misure legislative e di altra natura che dovessero essere
necessarie per consentire alle proprie competenti autorità di ordinare ad ogni soggetto che
abbia conoscenza del funzionamento del sistema informatico o delle misure utilizzate per
proteggere i dati informatici in esso contenuti, di mettere a disposizione tutte le informazioni
ragionevolmente necessarie per consentire l’applicazione delle misure di cui ai paragrafi 1. e
2.
5. I poteri e le procedure di cui al presente articolo devono essere soggette agli articoli 14 e
15.

16
TITOLO V
RACCOLTA IN TEMPO REALE DI DATI INFORMATICI

Articolo 20
Raccolta in tempo reale di dati sul traffico
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative e di altra natura che dovessero essere
necessarie per consentire alle proprie competenti autorità di:
a. raccogliere o registrare attraverso l’utilizzo di strumenti tecnici nel suo territorio;
b. obbligare un fornitore di servizi, nell’ambito delle sue capacità tecniche a:
i. raccogliere o registrare attraverso l’utilizzo di strumenti tecnici esistenti nel
suo territorio, o
ii. cooperare ed assistere le autorità competenti nella raccolta o registrazione
in tempo reale di dati sul traffico associati a comunicazioni specifiche effettuate sul proprio
territorio attraverso un sistema informatico.
2. Qualora una Parte, a causa dei limiti previsti dal proprio ordinamento giuridico, non è in
grado di applicare le misure previste al paragrafo 1.a, può, invece, adottare le misure
legislative o di altra natura che dovessero essere necessarie per consentire la raccolta o la
registrazione in tempo reale dei dati relativi al traffico associati a comunicazioni specifiche
effettuate sul proprio territorio, attraverso l’utilizzo di strumenti tecnici esistenti su questo
territorio.
3. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per obbligare un fornitore di servizi a mantenere segreti il fatto che un qualsiasi
potere previsto nel presente articolo sia stato esercitato e ogni informazione relativa.
I poteri e le procedure di cui al presente articolo devono essere soggette agli articoli 14 e
15.

Articolo 21
Intercettazione di dati relativi al contenuto
1. Ogni Parte deve adottare le misure legislative e di altra natura che dovessero essere
necessarie, in relazione ad una serie di gravi infrazioni che devono essere definite dal diritto
nazionale, per consentire alle proprie competenti autorità di:
a. raccogliere o registrare attraverso l’utilizzo di strumenti tecnici esistenti nel
territorio della Parte, e
b. obbligare un fornitori di servizi, nell’ambito delle sue capacità tecniche a:
i. raccogliere o registrare attraverso l’utilizzo di strumenti tecnici esistenti nel
territorio della Parte, o
17
II. cooperare ed assistere le autorità competenti nella raccolta o registrazione
in tempo reale di dati relativi al contenuto di comunicazioni specifiche eseguite nel
proprio territorio attraverso un sistema informatico.
2. Qualora una Parte, a causa dei principi del proprio ordinamento giuridico, non è in grado
di applicare le misure previste al paragrafo 1.a, può invece adottare misure legislative e di
altra natura che dovessero essere necessarie per assicurare la raccolta o la registrazione in
tempo reale dei dati relativi al contenuto di comunicazioni specifiche eseguite sul proprio
territorio, attraverso l’utilizzo di strumenti tecnici in quel territorio.
3. Ogni Parte deve adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero essere
necessarie per obbligare un fornitore di servizi a mantenere segreto il fatto che un qualsiasi
potere previsto nel presente articolo sia stato sia stato esercitato e ogni informazione
relativa.
4.I poteri e le procedure di cui al presente articolo devono essere soggette agli articoli 14 e
15.

SEZIONE III
COMPETENZA

Articolo 22
Competenza
1.Ogni Parte deve adottare le misure legislative e di altra natura che dovessero essere
necessarie per stabilire la propria competenza per tutti i reati previsti in conformità agli
articoli da 2 a 11 della presente Convenzione, quando i reati siano commessi:
a. nel proprio territorio;
b. a bordo di una nave battente bandiera della Parte;
c. a bordo di un aeromobile immatricolato presso quella Parte;
d. da un proprio cittadino, se l’infrazione è penalmente punibile la dove è stata
commessa o se l’infrazione non rientra nella competenza territoriale di alcuno Stato.
2. Ogni Parte può riservarsi il diritto di non applicare o di applicare solo in condizioni o casi
specifici le regole di competenza definite ai paragrafi 1.b – 1.d del presente articolo o in una
parte qualunque di essi.
3. Ogni Parte deve adottare le misure che dovessero essere necessarie per stabilire la
propria competenza in ordine alle infrazioni di cui all’articolo 24, paragrafo 1 della presente
Convenzione, nel caso in cui l’autore presunto dell’infrazione si trovi nel proprio territorio e
18
non è estradabile verso un’altra Parte solo in virtù della sua nazionalità, dopo una richiesta
di estradizione.
4. La presente Convenzione non esclude alcuna competenza penale esercitata da una
Parte in base al proprio diritto interno.
5. Quando più di una Parte rivendica la propria competenza per una presunta infrazione
prevista dalla presente Convenzione, le Parti coinvolte si consultano, laddove sia opportuno,
al fine di stabilire la competenza più appropriata per esercitare l’azione penale.

CAPITOLO III
COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

SEZIONE II
PRINCIPI GENERALI

TITOLO I
PRINCIPI GENERALI RELATIVI ALLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Articolo 23
Principi generali relativi alla cooperazione internazionale
Le parti devono cooperare tra loro nella misura più ampia possibile nelle indagini o nei
procedimenti riguardanti i reati collegati a sistemi e dati informatici, o per raccogliere le
prove, in forma elettronica, di un reato, in conformità alle disposizioni di questo capitolo e in
applicazione degli strumenti internazionali sulla cooperazione internazionale in materia
penale, degli accordi stipulati sulla base di una legislazione uniforme o in condizione di
reciprocità e del loro diritto nazionale.

TITOLO II
PRINCIPI RELATIVI ALL’ESTRADIZIONE

Articolo 24
Estradizione
1. a. Il presente articolo si applica all’estradizione tra Parti per i reati stabiliti in base agli
articoli da 2 a 11 della presente Convenzione, a condizione che essi siano punibili in base
19
alla legge di entrambe le Parti con la privazione della libertà per un periodo massimo di
almeno un anno, o con una pena più severa.
b. Qualora sia richiesta una pena minima differente in base ad un trattato di estradizione
applicabile fra due o più parti, ivi compresa la Convenzione Europea d’Estradizione (STE
No. 24) o in forza di un accordo stipulato sulla base di legislazioni uniformi o reciproche, si
applica la pena minima prevista in base a questi trattati o accordi.
2. I reati descritti al paragrafo 1 del presente articolo devono essere considerati come inclusi
nel novero dei reati che possono dar luogo ad estradizione in tutti i trattati di estradizione
esistenti tra le Parti. Le Parti si impegnano ad includere tali reati fra quelli che possono
comportare l’estradizione in ogni trattato di estradizione che sarà concluso tra di esse.
3. Qualora una Parte condizioni l’estradizione all’esistenza di un trattato e riceva una
richiesta di estradizione di un’altra Parte con la quale non ha un trattato di estradizione, la
presente Convenzione può essere considerata come base giuridica per l’estradizione nei
riguardi di tutti i reati menzionati al paragrafo 1 del presente articolo.
4. Le Parti che non condizionano l’estradizione all’esistenza di un trattato devono
considerare i reati menzionati al paragrafo 1 del presente articolo come reati che possono
dar luogo ad estradizione tra di esse.
5. L’estradizione è soggetta alle condizioni previste dal diritto interno della Parte richiedente
o dai trattati di estradizione in vigore, inclusi i motivi in base ai quali la Parte richiesta può
rifiutare di concedere l’estradizione.
6. Qualora l’estradizione per un reato menzionata al paragrafo 1 del presente articolo venga
rifiutata esclusivamente sulla base della nazionalità della persona ricercata, o perché la
Parte richiesta eccepisce la propria competenza per quel reato, la Parte richiesta deve
sottoporre il caso su richiesta della Parte richiedente alla proprie autorità competenti a
procedere e dovrà trasmettere i risultati finali alla Parte richiedente in tempo utile. Tali
autorità dovranno prendere le proprie decisioni e condurre le proprie indagini e i
procedimenti allo stesso che per tutti gli altri reati comparabili per natura in base alla
legislazione di tale Parte.
7. a. Ogni Parte, al momento della firma o del deposito dello strumento di ratifica, di
accettazione, di approvazione o di adesione, deve comunicare al Segretariato Generale del
Consiglio d’Europa il nome e l’indirizzo di ogni autorità responsabile dell’invio o della
ricezione delle richieste di estradizione o di arresto provvisorio in mancanza di un trattato.
b. Il Segretariato Generale del Consiglio d’Europa deve istituire e aggiornare un registro
delle autorità a tal fine designate dalle Parti. Ogni Parte deve assicurare che i dati del
registro siano corretti in ogni momento.

20
TITOLO III
PRINCIPI GENERALI RELATIVI ALLA MUTUA ASSISTENZA

Articolo 25
Principi generali relativi alla mutua assistenza
1. Le Parti devono concedersi reciprocamente la più ampia mutua assistenza al fine delle
indagini o dei procedimenti relativi ai reati relativi a sistemi e dati informatici o per la raccolta
di prove in formato elettronico di reati.
2. Ogni Parte deve anche adottare le misure legislative ed di altra natura che dovessero
essere necessarie per l’adempimento degli obblighi assunti in base agli articoli da 27 al 35.
3. Ogni Parte può, in casi d’urgenza, fare richieste di mutua assistenza o comunicazioni ad
essa relative attraverso strumenti rapidi di comunicazione, come il fax o la posta elettronica,
a condizione che tali strumenti diano appropriate garanzie di sicurezza e autenticazione
(inclusa la criptazione, se necessaria), seguite da conferma ufficiale ulteriore se lo Stato
richiesto lo esige. Lo Stato richiesto deve accettare la domanda e rispondere alla richiesta
con uno qualsiasi di tali mezzi rapidi di comunicazione.
4. Salva contraria disposizione espressamente prevista negli articoli del presente capitolo, la
mutua assistenza è soggetta alle condizioni previste dalla legislazione della Parte richiesta o
dai trattati di mutua assistenza applicabili, inclusi i motivi sulla base dei quali la Parte
richiesta può rifiutare la cooperazione. La Parte richiesta non può esercitare il diritto di
rifiutare la mutua assistenza in relazione ai reati menzionati negli articoli da 2 a 11 per il solo
motivo che la richiesta riguarda un reato che essa reputa di natura fiscale.
5. Qualora, in conformità alle previsioni del presente capitolo, la Parte richiesta è autorizzata
a subordinare la mutua assistenza ad una doppia incriminazione, questa condizione sarà
considerata come soddisfatta, se il comportamento considerato reato per il quale la mutua
assistenza è stata richiesta costituisca reato in base al proprio diritto interno, a prescindere
dal fatto che la propria legislazione classifichi o meno il reato nella stessa categoria o lo
denomini con la stessa terminologia della legislazione della Parte richiedente.

Articolo 26
Informazioni spontanee
1. Una Parte può, nei limiti della propria legislazione nazionale e senza una richiesta
preventiva, trasmettere ad un’altra Parte informazioni ottenute nell’ambito delle proprie
indagini qualora ritenga che la comunicazione di tali informazioni possa aiutare la Parte
ricevente nell’avvio o nello svolgimento di indagini o procedimenti riguardanti reati definiti in
21
base alla presente Convenzione o possa giovare ad una richiesta di quella Parte in base al
presente capitolo.
2. Prima di trasmettere tali informazioni, la Parte trasmittente può richiedere che esse
vengano mantenute confidenziali o usate solo a determinate condizioni. Qualora la Parte
ricevente non possa adeguarsi a tale richiesta, essa deve informare l’altra Parte, che dovrà
quindi stabilire se le informazioni debbano comunque essere trasmesse. Qualora la Parte
ricevente accetti le informazioni alle condizioni stabilite, essa dovrà attenervisi.

TITOLO IV
PROCEDURE RELATIVE ALLE RICHIESTE DI MUTUA ASSISTENZA
IN ASSENZA DI ACCORDI INTERNAZIONALI APPLICABILI

Articolo 27
Procedure relative alle richieste di mutua assistenza
in assenza di accordi internazionali applicabili
1. Qualora non vi sia un trattato o un accordo di mutua assistenza concluso sulla base di
una legislazione uniforme in vigore o in condizione di reciprocità tra la Parte richiedente e
richiesta, si applicano le disposizioni dei paragrafi da 2 a 9 del presente articolo. Le stesse
non si applicano qualora vi sia un trattato, accordo o legislazione in vigore, a meno che le
Parti interessate siano d’accordo nell’applicare a loro posto in tutto o in parte questo articolo.
2. a. Ogni Parte deve designare un’autorità centrale responsabile dell’invio e delle risposte
alle richieste di mutua assistenza, dell’esecuzione di tali richieste o della loro trasmissione
alle autorità competenti per la loro esecuzione.
b. Le autorità centrali devono comunicare direttamente tra loro;
c. Ogni Parte, al momento della firma o del deposito dello strumento di ratifica, di
accettazione, di approvazione o di adesione, deve comunicare al Segretariato Generale del
Consiglio d’Europa il nome e l’indirizzo dell’autorità designata in applicazione del presente
paragrafo;
d. Il Segretariato Generale del Consiglio d’Europa deve istituire e tenere aggiornato un
registro delle autorità centrali designate dalle Parti. Ogni Parte deve assicurare che i dati del
registro siano corretti in ogni momento.
3. Le domande di mutua assistenza avanzate in base al presente articolo devono essere
eseguite in conformità alle procedure specificate dalla Parte richiedente, salvo che siano
incompatibili con la legislazione della Parte richiesta.
22
4. La Parte richiesta può, in aggiunta ai motivi di rifiuto stabiliti dall’articolo 25, paragrafo 4,
rifiutare l’assistenza se:
a. la richiesta riguarda un reato che la Parte richiesta considera politico o connesso
con un reato politico, o
b. la Parte richiesta ritenga che l’esecuzione della richiesta possa recare pregiudizio
alla propria sovranità, alla sua sicurezza, all’ordine pubblico o ad altri interessi essenziali.
5. La Parte richiesta può sospendere l’esecuzione di una richiesta se la stessa può
pregiudicare indagini o procedimenti condotti dalle proprie autorità.

6. Prima di rifiutare o sospendere l’assistenza, la Parte richiesta deve, se del caso dopo
essersi consultata con la Parte richiedente, considerare se la richiesta possa essere
eseguita in parte o sottoposta alle condizioni che ritenga necessarie.
7. La Parte richiesta deve prontamente informare la Parte richiedente del seguito che
intende dare alla richiesta di assistenza. Essa dovrà motivare ogni rifiuto o sospensione
della richiesta. La Parte richiesta deve anche informare la Parte richiedente di tutte le
motivazioni che rendono impossibile l’esecuzione della richiesta o che sono in grado di
ritardarla in modo significativo.
8. La Parte richiedente può richiedere che la Parte richiesta mantenga confidenziale il fatto e
anche l’oggetto di ogni richiesta fatta in base al presente capitolo, salvo nella misura in cui
sia necessario per la sua esecuzione. Qualora la Parte richiesta non possa adeguarsi la
richiesta di confidenzialità, essa deve prontamente informare l’altra Parte, che dovrà quindi
stabilire se la richiesta debba comunque essere eseguita.
9. a. In caso di urgenza, le richieste di mutua assistenza o le comunicazione ad essa
collegate possono essere trasmesse direttamente alle autorità giudiziarie della Parte
richiedente dalle autorità della Parte richiesta. In tale caso, una copia deve essere
trasmessa contemporaneamente all’autorità centrale della Parte richiesta attraverso
l’autorità centrale della Parte richiedente.
b. Ogni richiesta o comunicazione in base al presente paragrafo può essere
effettuata attraverso l’Organizzazione Internazionale della Polizia Criminale (Interpol).
c. Qualora una richiesta venga effettuata in base al punto a. del presente articolo e
l’autorità non sia competente ad esaminarla, essa deve trasmetterla all’autorità nazionale
competente ed informarne direttamente la Parte richiedente.
d. Le richieste o le comunicazioni effettuate in base a questo paragrafo che non
implichino azioni coercitive possono essere direttamente trasmesse dalle autorità
competenti della Parte richiedente alle autorità competenti della Parte richiesta.
e. Ogni Parte può, al momento della firma o del deposito dello strumento di ratifica, di
accettazione, di approvazione o di adesione, comunicare al Segretariato Generale del
23
Consiglio d’Europa che, per ragioni di efficienza, le richieste effettuate in base al presente
paragrafo dovranno essere indirizziate alla propria autorità centrale.

Articolo 28
Confidenzialità e limitazioni di utilizzo
1. Quando non vi è un trattato o un accordo di mutua assistenza sulla base di una
legislazione uniforme o in condizione di reciprocità in vigore tra la Parte richiedente e la
Parte richiesta, devono applicarsi le disposizioni del presente articolo. Le disposizioni del
presente articolo non si applicano qualora vi sia un trattato, accordo o legislazione in vigore,
a meno che le Parti interessate siano d’accordo nell’applicare a loro posto in tutto o in parte
il presente articolo.
2. La Parte richiesta può subordinare la comunicazione di informazioni o materiali in risposta
ad una richiesta alla condizione che :
a. vengano mantenute confidenziali qualora la richiesta di mutua assistenza legale
non possa essere soddisfatta in mancanza di tale condizione; o
b. non vengano utilizzate per indagini o procedimenti diversi da quelli indicati nella
richiesta.
3. Qualora la Parte richiedente non possa soddisfare una delle condizioni contenute nel
paragrafo 2, essa deve prontamente informare l’altra Parte, che deve stabilire se
l’informazione possa comunque essere trasmessa. Quando la Parte richiedente accetta la
condizione, essa vi si dovrà attenere.
4. Ogni Parte che fornisca un’informazione o del materiale soggetto ad una condizione in
base al paragrafo 2 può richiedere all’altra Parte precisazioni, in relazione a tale condizione,
circa l’uso fatto di tale informazione o materiale.

SEZIONE II
DISPOSIZIONI SPECIFICHE

TITOLO I
MUTUA ASSISTENZA RELATIVA A MISURE PROVVISORIE

Articolo 29
Conservazione rapida di dati informatici immagazzinati
1. Una Parte può richiedere ad un’altra Parte di ordinare od ottenere in altro modo la
conservazione rapida di dati immagazzinati attraverso un sistema informatico, situato nel
24
territorio di quest’altra Parte e nei confronti della quale la Parte richiedente intende avanzare
una richiesta di mutua assistenza per la perquisizione o altro simile mezzo di accesso, per il
sequestro o altro strumento simile, o per la divulgazione dei dati.
2. Una richiesta di conservazione effettuata in base al paragrafo 1 deve specificare:
a. l’autorità che richiede la conservazione;
b. il reato che costituisce oggetto di indagine e una breve esposizione dei fatti relativi;
c. i dati informatici immagazzinati da conservare e il loro legame con il reato;
d. tutte le informazioni utili ad identificare il custode dei dati informatici immagazzinati
o il luogo dove si trova il sistema informatico;
e. la necessità della conservazione; e
f. che la Parte intende avanzare una richiesta di mutua assistenza per la
perquisizione o altro simile mezzo di accesso, per il sequestro o uno strumento similare, o
per la divulgazione dei dati.
3. Dopo aver ricevuto la richiesta da un’altra Parte, la Parte richiesta deve prendere tutte le
misure appropriate per conservare rapidamente i dati specificati in base alla propria legge
nazionale. Per rispondere ad una tale richiesta, la doppia incriminazione non è richiesta
come condizione per provvedere alla conservazione.
4. Una Parte che richiede la doppia incriminazione come condizione di procedibilità per
rispondere ad una richiesta di mutua assistenza per la perquisizione o altro simile mezzo di
accesso, per il sequestro o altro strumento similare, o per la divulgazione dei dati
immagazzinati può, riguardo a reati diversi da quelli definiti in base agli articoli da 2 a 11
della presente Convenzione, riservarsi il diritto di rifiutare la richiesta di conservazione in
base al presente articolo, nei casi in cui ha ragione di ritenere che, al momento della
divulgazione, la condizione della doppia incriminazione non possa realizzarsi.
5. Inoltre, una richiesta di conservazione può essere rifiutata solo se:
a. la richiesta è relativa ad un reato che la Parte richiesta considera un reato politico
o un reato connesso ad un reato politico; o
b. la Parte richiesta ritenga che l’esecuzione della richiesta possa recare pregiudizio
alla propria sovranità, alla sua sicurezza, all’ordine pubblico o ad altri interessi essenziali.
6. Qualora la Parte richiesta ritenga che la conservazione non assicurerà la disponibilità in
futuro dei dati o comprometterà la confidenzialità o pregiudicherà in altro modo le indagini
della Parte richiedente, essa deve prontamente informare la Parte richiedente che dovrà
decidere se la richiesta vada comunque eseguita.
7. Tutte le conservazioni effettuate a seguito di una richiesta di cui al paragrafo 1 devono
essere disponibili per un periodo non inferiore a sessanta giorni, al fine di permettere alla
Parte richiedente di effettuare una richiesta per la perquisizione o altro simile mezzo di
accesso, per il sequestro o altro strumento analogo, o per la divulgazione dei dati. A seguito
25
del ricevimento di tale richiesta, i dati dovranno continuare ad essere conservati in attesa
della decisione su tale richiesta

Articolo 30
Divulgazione rapida di dati di traffico conservati
1. Qualora, nel corso dell’esecuzione di una richiesta effettuata sulla base dell’articolo 29 per
conservare dati sul traffico relativi ad una specifica comunicazione, la Parte richiesta scopra
che un service provider di un altro Stato sia coinvolto nella trasmissione della
comunicazione, la Parte richiesta deve rapidamente trasmettere alla Parte richiedente una
quantità sufficiente di dati concernenti il traffico che consenta di identificare il service
provider e la via attraverso la quale la comunicazione fu effettuata.
2. La divulgazione di dati di traffico di cui al paragrafo 1 può essere rifiutata solo se:
a. la richiesta riguarda un reato che la Parte richiesta consideri un reato politico o un
reato connesso ad un reato politico; o
b. la Parte richiesta ritenga che l’esecuzione della richiesta possa recare pregiudizio
alla propria sovranità, alla sua sicurezza, al proprio ordine pubblico o ad altri interessi
essenziali.

TITOLO II
MUTUA ASSISTENZA RELATIVA AI POTERI D’INDAGINE

Articolo 31
Mutua assistenza concernente l’accesso a dati informatici immagazzinati
1. Una Parte può richiedere ad un’altra Parte la perquisizione o altro simile mezzo di
accesso, il sequestro o altro strumento simile, o la divulgazione dei dati immagazzinati
attraverso un sistema informatico situato nel territorio della Parte richiesta, inclusi i dati che
sono stati conservati in base all’articolo 29.
2. La Parte richiesta soddisfa la richiesta attraverso gli strumenti internazionali, gli accordi e
le legislazioni alle quali si fa riferimento all’articolo 23, e conformandosi alle disposizioni del
presente capitolo.
3. La richiesta deve essere soddisfatta al più presto possibile quando:
a. vi è motivo di ritenere che i dati relativi siano particolarmente a rischio di perdita o
modificazioni; o
b. gli strumenti, gli accordi e le legislazione di cui al paragrafo 2 prevedano una
cooperazione rapida.

26

Articolo 32
Accesso transfrontaliero a dati informatici immagazzinati
con il consenso o quando pubblicamente disponibili
Una Parte può, senza l’autorizzazione di un’altra Parte:
a. accedere ai dati informatici immagazzinati disponibili al pubblico (fonti aperte), senza
avere riguardo al luogo geografico in cui si trovano tali dati; o

b. accedere o ricevere, attraverso un sistema informatico nel proprio territorio, dati
informatici immagazzinati situati in un altro Stato, se la Parte ottiene il consenso legale e
volontario della persona legalmente autorizzata a divulgare i dati allo Stato attraverso tale
sistema informatico.

Articolo 33
Mutua assistenza nella raccolta in tempo reale di dati sul traffico
1. Le Parti devono fornire mutua assistenza tra loro nella raccolta in tempo reale di dati sul
traffico, associati a specifiche comunicazioni nel proprio territorio, trasmessi attraverso l’uso
di un sistema informatico. Questa assistenza, soggetta alle disposizioni del paragrafo 2, è
regolata dalle condizioni e dalle procedure previste dal diritto interno.
2. Tutte le Parti devono fornire questa assistenza almeno rispetto ai reati per i quali la
raccolta in tempo reale dei dati sul traffico sarebbe possibile, in ambito interno, in una
situazione analoga.

Articolo 34
Mutua assistenza in materia di intercettazione di dati relativi al contenuto
Le Parti devono fornirsi mutua assistenza nella raccolta o registrazione in tempo reale di dati
relativi al contenuto di specificate comunicazioni trasmesse attraverso l’uso di un sistema
informatico nella misura consentita dai trattati applicabili fra le stesse e dalle leggi interne.

TITOLO III
RETE 24/7

Articolo 35
Rete 24/7
1. Ogni Parte deve designare un punto di contatto disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7,
per assicurare un’assistenza immediata per le indagini relative a reati connessi a sistemi e
27
dati informatici, o per la raccolta di prove in formato elettronico di un reato. Tale assistenza
deve includere la facilitazione o, se il diritto interno e la prassi nazionale lo consentono,
l’applicazione diretta delle seguenti misure:
a. apporto di consigli tecnici;
b. conservazione dei dati in base agli articoli 29 e 30;
c. raccolta di prove, trasmissione di informazioni di carattere giuridico e
localizzazione dei sospetti.

2. a. Il punto di contatto di una Parte deve poter comunicare con il punto di contatto di
un’altra Parte secondo una procedura accelerata.
b. Se il punto di contatto designato da una Parte non dipende dall’autorità della Parte o
delle autorità responsabili per la mutua assistenza internazionale o per l’estradizione, il
punto di contatto dovrà garantire di essere in grado di coordinarsi con quella o con queste
secondo una procedura accelerata.
3. Ogni Parte farà in modo di disporre di personale formato ed equipaggiato al fine di
facilitare le attività della rete.

CAPITOLO IV
DISPOSIZIONI FINALI

Articolo 36
Firma ed entrata in vigore
1. Questa Convenzione è aperta alla firma degli Stati membri del Consiglio d’Europa e degli
Stati non membri che hanno partecipato alla sua elaborazione.
2. Questa Convenzione è soggetta a ratifica, accettazione o approvazione. Gli strumenti di
ratifica, accettazione o approvazione devono essere depositati presso il Segretariato
Generale del Consiglio d’Europa.
3. Questa Convenzione entrerà in vigore il primo giorno del mese successivo alla scadenza
dei tre mesi successivi alla data in cui cinque Stati, compresi almeno tre Stati membri del
Consiglio d’Europa, avranno espresso il loro consenso ad essere vincolati dalla
Convenzione conformemente alle disposizioni dei paragrafi 1 e 2.
4. Nei confronti di ogni Stato firmatario che esprima successivamente il proprio consenso, la
Convenzione entrerà in vigore il primo giorno successivo la scadenza dei tre mesi successivi
la data in cui viene espresso il consenso in conformità alle disposizioni dei paragrafi 1 e 2.

Articolo 37
28
Adesione alla Convenzione
1. Dopo l’entrata in vigore della presente Convenzione, il Comitato dei Ministri del Consiglio
d’Europa, dopo avere consultato gli Stati Contraenti e dopo averne ottenuto il consenso
unanime, può invitare ogni Stato che non sia membro del Consiglio e che non abbia
partecipato alla elaborazione della Convenzione ad aderirvi. La decisione può essere presa
a maggioranza secondo la disposizione dell’articolo 20.d. dello Statuto del Consiglio
d’Europa e con voto unanime dei rappresentanti degli Stati contraenti aventi titolo a sedere
nel Comitato dei Ministri.

2. Nei confronti di tutti gli Stati che abbiano aderito alla Convenzione in base al paragrafo 1.
di cui sopra, la Convenzione entrerà in vigore il primo giorno del mese successivo alla
scadenza dei tre mesi successivi alla data di deposito dello strumento di adesione presso il
Segretariato Generale del Consiglio d’Europa.

Articolo 38
Applicazione territoriale
1. Ogni Stato può, al momento della firma o quando depositi il proprio strumento di ratifica,
accettazione, approvazione o adesione, specificare il territorio o i territori ai quali la
Convenzione si applica.
2. Ogni Stato può, successivamente, attraverso una dichiarazione indirizzata al Segretariato
Generale del Consiglio d’Europa, estendere l’applicazione della Convenzione ad ogni altro
territorio specificato nella dichiarazione. Nell’ambito di tale territorio la Convenzione entrerà
in vigore il primo giorno del mese successivo alla scadenza di un periodo di tre mesi dalla
data di ricevimento della dichiarazione da parte del Segretariato Generale.
3. Ogni dichiarazione effettuata in base ai due precedenti paragrafi può, nell’ambito di ogni
territorio specificato in tale dichiarazione, essere revocata attraverso una notifica indirizzata
al Segretariato Generale del Consiglio d’Europa. La revoca avrà effetto dal primo giorno del
mese successivo alla scadenza di un periodo di tre mesi dalla data di ricevimento di tale
notifica da parte del Segretariato Generale.

Articolo 39
Effetti della Convenzione
1. Lo scopo della presente Convenzione è quello di completare i trattati e gli accordi
multilaterali e bilaterali applicabili esistenti tra le Parti, incluse le disposizioni:
– della Convenzione europea sull’estradizione, aperta alla firma a Parigi, il 13 dicembre
1957 (ETS n. 24);
29
– della Convenzione europea sulla mutua assistenza in campo penale, aperta alla firma
a Strasburgo, il 20 aprile 1959 (ETS n. 30);
– del Protocollo addizionale della Convenzione europea sulla mutua assistenza in
campo penale, aperto alla firma a Strasburgo, il 17 MARZO 1978 (ETS n. 99).
2. Qualora due o più Parti abbiano già concluso un accordo o un trattato sulla materia
trattata dalla presente Convenzione o abbiano in altro modo regolato le proprie relazioni su
tali materie, o dovessero farlo in futuro, esse avranno anche facoltà d’applicare tale accordo
o trattato o regolare le loro relazioni di conseguenza, in luogo della presenta Convenzione.
Tuttavia, qualora le Parti stabiliscano le loro relazioni relative alle materie trattate nella
presente Convenzione in modo diverso, esse dovranno farlo in modo che non sia
incompatibile con l’oggetto e i principi della Convenzione.
3. Niente della presente Convenzione riguarda altri diritti, restrizioni, obbligazioni e
responsabilità di una Parte.

Articolo 40
Dichiarazioni
Attraverso una dichiarazione scritta indirizzata al Segretariato Generale del Consiglio
d’Europa, ogni Stato può, al momento della firma o quando depositi il proprio strumento di
ratifica, accettazione, approvazione o adesione, dichiarare che si riserva la facoltà di
richiedere elementi ulteriori come disposto dagli articoli 2, 3, 6 paragrafo 1 (b), 7, 9,
paragrafo 3 e 27, paragrafo 9 (e).

Articolo 41
Clausola federale
1. Uno Stato federale può riservarsi il diritto di onorare gli impegni assunti in base al capitolo
II della presente Convenzione nella misura in cui siano compatibili con i principi fondamentali
che regolano i rapporti tra il proprio governo centrale e gli Stati membri o altre entità
territoriali simili, a condizione che esso sia in grado di cooperare in base al capitolo III.
2. Quando effettua una riserva in base al paragrafo 1., uno Stato federale non può applicare
i termini di tale riserva per escludere o diminuire sostanzialmente i propri obblighi di cui al
capitolo II. In ogni caso, esso deve dotarsi di mezzi estesi ed effettivi che permettano la
messa in opera delle misure previste da detto capitolo.
3. Nei riguardi delle disposizioni di questa Convenzione la cui applicazione ricade sotto la
competenza di ciascuno Stato membro o di altra entità territoriale simile, che in base al
sistema costituzionale della federazione non sia obbligato a prendere misure legislative, il
governo federale deve informare le autorità competenti di tali Stati delle suddette
30
disposizioni, esprimendo parere favorevole e incoraggiandolo ad assumere iniziative
adeguate per darvi esecuzione.

Articolo 42
Riserve
Con una notifica scritta indirizzata al Segretariato Generale del Consiglio d’Europa, ogni
Stato può, al momento della firma o quando depositi il proprio strumento di ratifica,
accettazione, approvazione o adesione, dichiarare che si avvale della riserva o delle riserve
di cui all’articolo 4, paragrafo 2, articolo 6, paragrafo 3, articolo 9, paragrafo 4, articolo 10,
paragrafo 3, articolo 11, paragrafo 3, articolo 14, paragrafo 3, articolo 22, paragrafo 2,
articolo 29, paragrafo 4 e articolo 41, paragrafo 1. Non sono ammissibili altre riserve.

Articolo 43
Status e cancellazione delle riserve
1. La Parte che abbia formulato una riserva in conformità all’articolo 42 può ritirarla in tutto in
parte inviando una notifica al Segretariato Generale del Consiglio d’Europa. Tale ritiro avrà
effetto dalla data di ricevimento di tale notifica da parte del Segretariato Generale. Qualora
la notifica indichi che il ritiro avrà effetto da una data specifica in essa indicata e tale data è
successiva alla data della notifica, il ritiro ha effetto in tale data.
2. La Parte che abbia fatto una riserva come stabilito all’articolo 42 può ritirarla, in tutto o in
parte, non appena le circostanze lo permettano.
3. Il Segretariato Generale del Consiglio d’Europa può periodicamente domandare alle Parti
che hanno fatto una o più riserve di cui all’articolo 42 le prospettive del ritiro di tali riserve.

Articolo 44
Emendamenti
1. Emendamenti alla presente Convenzione possono essere proposti da ogni Parte e
devono essere comunicati dal Segretariato Generale del Consiglio d’Europa agli Stati
membri del Consiglio d’Europa, agli Stati non membri che hanno partecipato alla sua
elaborazione e ad ogni Stato che vi ha aderito o è stato invitato ad aderirvi in conformità alle
disposizioni dell’articolo 37.
2. Ogni emendamento proposto da una Parte deve essere comunicato al Comitato Europeo
per i Problemi Criminali (CDPC), che dovrà sottoporre al Comitato dei Ministri il proprio
parere su tale proposta di emendamento.
3. Il Comitato dei Ministri deve esaminare l’emendamento proposto e l’avviso espresso dal
Comitato Europeo per i Problemi Criminali (CDPC) e, a seguito di consultazione degli Stati
non membri Parti della presente Convenzione, può adottare l’emendamento.
31
4. Il testo di ogni emendamento adottato dal Comitato dei Ministri in conformità al paragrafo
3. del presente articolo deve essere trasmesso alle Parti per accettazione.
5. Ogni emendamento adottato in conformità al paragrafo 3. del presente articolo entrerà in
vigore il trentesimo giorno dopo che tutte le Parti hanno informato il Segretariato Generale
della loro accettazione.

Articolo 45
Risoluzione dei contrasti
Il Comitato Europeo per i Problemi Criminali (CDPC) deve essere informato della
interpretazione e dell’applicazione della presente Convenzione.
Nel caso di un contrasto tra le Parti sull’interpretazione o applicazione della presente
Convenzione, le Parti stesse si adopereranno per trovare una soluzione attraverso negoziati
o con ogni altro pacifico strumento a loro scelta, inclusa la sottoposizione del contrasto al
Comitato Europeo per i Problemi Criminali, ad un tribunale arbitrale la cui decisione sarà
vincolante per le Parti, o alla Corte Internazionale di Giustizia, come concordato dalle Parti
coinvolte.

Articolo 46
Consultazione delle Parti
1. Le Parti devono, quando occorra, consultarsi periodicamente allo scopo di facilitare:
a. l’effettivo uso e l’esecuzione della presente Convenzione, inclusa l’individuazione
di ogni problema in materia, così come gli effetti di ogni dichiarazione o riserva fatta riguardo
alla presente Convenzione;
b. lo scambio di informazioni sugli sviluppi legislativi, politici o tecnologici riguardanti
la criminalità informatica e la raccolta di prove in formato elettronico;
c. l’esame di eventuali integrazioni o emendamenti della Convenzione.
2. Il Comitato Europeo per i Problemi Criminali (CDPC) deve essere mantenuto
periodicamente informato dei risultati delle consultazioni di cui al paragrafo 1.
3. Il Comitato Europeo per i Problemi Criminali (CDPC) deve, quando occorra, facilitare le
consultazioni di cui al paragrafo 1. e prendere le misure necessarie per assistere le Parti nel
loro sforzo di integrare o modificare la Convenzione. Non oltre un triennio dall’entrata in
vigore della Convenzione, il Comitato Europeo per i Problemi Criminali (CDPC) deve, in
cooperazione con le Parti, procedere ad un riesame di tutte le disposizioni della
Convenzione e, se necessario, consigliare tutte le modifiche opportune.
32
4. Salvi i casi in cui vengano assunte dal Consiglio d’Europa, le spese affrontate per
l’esecuzione delle disposizioni del paragrafo 1. devono essere sostenute dalle Parti nel
modo da esse stabilito.
5. Le Parti devono essere assistite dal Segretariato del Consiglio d’Europa nell’esercizio
delle loro funzioni in base al presente articolo.

Articolo 47
Denuncia
1. Tutte le Parti possono, in ogni momento, denunciare la presente Convenzione attraverso
la notifica al Segretariato Generale del Consiglio d’Europa.

2. Tale denuncia produce effetto a partire dal primo giorno del mese successivo alla
scadenza di un periodo di tre mesi dalla data di ricevimento della notifica da parte del
Segretariato Generale.
Articolo 48
Notificazione
Il Segretariato Generale del Consiglio d’Europa dovrà notificare ad ogni Stato membro del
Consiglio d’Europa, agli Stati non membri che hanno partecipato nell’elaborazione della
presente Convenzione e ad ogni Stato che vi ha aderito o è stato invitato ad aderirvi:
a. tutte le firme;
b. il deposito di tutti gli strumenti di ratifica, accettazione, approvazione o adesione;
c. ogni data di entrata in vigore della presente Convenzione in base agli articoli 36 e 37;
d. ogni dichiarazione fatta in base all’articolo 40 o ogni riserve fatte in conformità all’articolo
42;
e. ogni altro atto, notifica o comunicazione relativa alla presente Convenzione.

In fede i sottoscritti, debitamente autorizzati a tal fine, hanno firmato la presente
Convenzione .

Fatta a Budapest, il 23 novembre 2001, in inglese e francese, entrambi i testi egualmente
autentici, in unica copia che dovrà essere depositata negli archivi del Consiglio d’Europa. Il
Segretariato Generale del Consiglio d’Europa dovrà trasmettere copia certificata ad ogni
Stato membro del Consiglio d’Europa, agli Stati non membri che hanno partecipato
all’elaborazione della presente Convenzione e ad ogni Stato invitato ad aderirvi.

 


 

E’ stata ratificata, con Legge 18 marzo 2008, n. 48 pubblicata in Gazzetta Ufficiale 4 aprile 2008, n. 80, la Convenzione di Budapest 23 novembre 2001 del Consiglio d’Europa sulla criminalità informatica, il primo accordo internazionale riguardante i crimini commessi attraverso internet o altre reti informatiche, con l’obiettivo di realizzare una politica comune fra gli Stati membri, attraverso l’adozione di una legislazione appropriata, che consenta di combattere il crimine informatico in maniera coordinata.

Detta legge introduce importanti modifiche al Codice penale, al Codice di procedura penale, al D.lgs. 231/2001 (sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche) e al cd. Codice della Privacy.

Legge 18 marzo 2008, n. 48

“Ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla criminalità informatica, fatta a Budapest il 23 novembre 2001, e norme di adeguamento dell’ordinamento interno”
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 80 del 4 aprile 2008 – Supplemento ordinario n. 79

 

Capo I

RATIFICA ED ESECUZIONE

Art. 1.

(Autorizzazione alla ratifica)

1. Il Presidente della Repubblica è autorizzato a ratificare la Convenzione del Consiglio d’Europa sulla criminalità informatica, fatta a Budapest il 23 novembre 2001, di seguito denominata «Convenzione».

Art. 2.

(Ordine di esecuzione)

1. Piena e intera esecuzione è data alla Convenzione, a decorrere dalla data della sua entrata in vigore in conformità a quanto disposto dall’articolo 36 della Convenzione stessa.

Capo II

MODIFICHE AL CODICE PENALEE AL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

Art. 3.

(Modifiche al titolo VII del libro secondo del codice penale)

1. All’articolo 491-bis del codice penale sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo periodo, dopo la parola: «privato» sono inserite le seguenti: «avente efficacia probatoria»;

b) il secondo periodo è soppresso.

2. Dopo l’articolo 495 del codice penale è inserito il seguente:
«Art. 495-bis. – (Falsa dichiarazione o attestazione al certificatore di firma elettronica sull’identità o su qualità personali proprie o di altri). – Chiunque dichiara o attesta falsamente al soggetto che presta servizi di certificazione delle firme elettroniche l’identità o lo stato o altre qualità della propria o dell’altrui persona è punito con la reclusione fino ad un anno».

Art. 4.

(Modifica al titolo XII del libro secondo del codice penale)

1. L’articolo 615-quinquies del codice penale è sostituito dal seguente:

«Art. 615-quinquies. – (Diffusione di apparecchiature, dispositivi o programmi informatici diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico o telematico). – Chiunque, allo scopo di danneggiare illecitamente un sistema informatico o telematico, le informazioni, i dati o i programmi in esso contenuti o ad esso pertinenti ovvero di favorire l’interruzione, totale o parziale, o l’alterazione del suo funzionamento, si procura, produce, riproduce, importa, diffonde, comunica, consegna o, comunque, mette a disposizione di altri apparecchiature, dispositivi o programmi informatici, è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa sino a euro 10.329».

Art. 5.

(Modifiche al titolo XIII del libro secondo del codice penale)

1. L’articolo 635-bis del codice penale è sostituito dal seguente:

«Art. 635-bis. – (Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici). – Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque distrugge, deteriora, cancella, altera o sopprime informazioni, dati o programmi informatici altrui è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da sei mesi a tre anni.

Se ricorre la circostanza di cui al numero 1) del secondo comma dell’articolo 635 ovvero se il fatto è commesso con abuso della qualità di operatore del sistema, la pena è della reclusione da uno a quattro anni e si procede d’ufficio».

2. Dopo l’articolo 635-bis del codice penale sono inseriti i seguenti:
«Art. 635-ter. – (Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o comunque di pubblica utilità). – Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque commette un fatto diretto a distruggere, deteriorare, cancellare, alterare o sopprimere informazioni, dati o programmi informatici utilizzati dallo Stato o da altro ente pubblico o ad essi pertinenti, o comunque di pubblica utilità, è punito con la reclusione da uno a quattro anni.

Se dal fatto deriva la distruzione, il deterioramento, la cancellazione, l’alterazione o la soppressione delle informazioni, dei dati o dei programmi informatici, la pena è della reclusione da tre a otto anni.
Se ricorre la circostanza di cui al numero 1) del secondo comma dell’articolo 635 ovvero se il fatto è commesso con abuso della qualità di operatore del sistema, la pena è aumentata.

Art. 635-quater. – (Danneggiamento di sistemi informatici o telematici). – Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, mediante le condotte di cui all’articolo 635-bis, ovvero attraverso l’introduzione o la trasmissione di dati, informazioni o programmi, distrugge, danneggia, rende, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici altrui o ne ostacola gravemente il funzionamento è punito con la reclusione da uno a cinque anni.

Se ricorre la circostanza di cui al numero 1) del secondo comma dell’articolo 635 ovvero se il fatto è commesso con abuso della qualità di operatore del sistema, la pena è aumentata.

Art. 635-quinquies. – (Danneggiamento di sistemi informatici o telematici di pubblica utilità). – Se il fatto di cui all’articolo 635-quater è diretto a distruggere, danneggiare, rendere, in tutto o in parte, inservibili sistemi informatici o telematici di pubblica utilità o ad ostacolarne gravemente il funzionamento, la pena è della reclusione da uno a quattro anni.

Se dal fatto deriva la distruzione o il danneggiamento del sistema informatico o telematico di pubblica utilità ovvero se questo è reso, in tutto o in parte, inservibile, la pena è della reclusione da tre a otto anni.
Se ricorre la circostanza di cui al numero 1) del secondo comma dell’articolo 635 ovvero se il fatto è commesso con abuso della qualità di operatore del sistema, la pena è aumentata».

3. Dopo l’articolo 640-quater del codice penale è inserito il seguente:
«Art. 640-quinquies. – (Frode informatica del soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica). – Il soggetto che presta servizi di certificazione di firma elettronica, il quale, al fine di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto ovvero di arrecare ad altri danno, viola gli obblighi previsti dalla legge per il rilascio di un certificato qualificato, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa da 51 a 1.032 euro».

Art. 6.

(Modifiche all’articolo 420 del codice penale)

1. All’articolo 420 del codice penale, il secondo e il terzo comma sono abrogati.

Art. 7.

(Introduzione dell’articolo 24-bis del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231)

1. Dopo l’articolo 24 del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, è inserito il seguente:

«Art. 24-bis. – (Delitti informatici e trattamento illecito di dati). – 1. In relazione alla commissione dei delitti di cui agli articoli 615-ter, 617-quater, 617-quinquies, 635-bis, 635-ter, 635-quater e 635-quinquies del codice penale, si applica all’ente la sanzione pecuniaria da cento a cinquecento quote.

2. In relazione alla commissione dei delitti di cui agli articoli 615-quater e 615-quinquies del codice penale, si applica all’ente la sanzione pecuniaria sino a trecento quote.
3. In relazione alla commissione dei delitti di cui agli articoli 491-bis e 640-quinquies del codice penale, salvo quanto previsto dall’articolo 24 del presente decreto per i casi di frode informatica in danno dello Stato o di altro ente pubblico, si applica all’ente la sanzione pecuniaria sino a quattrocento quote.
4. Nei casi di condanna per uno dei delitti indicati nel comma 1 si applicano le sanzioni interdittive previste dall’articolo 9, comma 2, lettere a), b) ed e). Nei casi di condanna per uno dei delitti indicati nel comma 2 si applicano le sanzioni interdittive previste dall’articolo 9, comma 2, lettere b) ed e). Nei casi di condanna per uno dei delitti indicati nel comma 3 si applicano le sanzioni interdittive previste dall’articolo 9, comma 2, lettere c), d) ed e)».

Capo III

MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE E AL CODICE DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003, N. 196

Art. 8.

(Modifiche al titolo III del libro terzo del codice di procedura penale)

1. All’articolo 244, comma 2, secondo periodo, del codice di procedura penale sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «, anche in relazione a sistemi informatici o telematici, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l’alterazione».

2. All’articolo 247 del codice di procedura penale, dopo il comma 1 è inserito il seguente:

«1-bis. Quando vi è fondato motivo di ritenere che dati, informazioni, programmi informatici o tracce comunque pertinenti al reato si trovino in un sistema informatico o telematico, ancorché protetto da misure di sicurezza, ne è disposta la perquisizione, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l’alterazione».
3. All’articolo 248, comma 2, primo periodo, del codice di procedura penale, le parole: «atti, documenti e corrispondenza presso banche» sono sostituite dalle seguenti: «presso banche atti, documenti e corrispondenza nonché dati, informazioni e programmi informatici».

4. All’articolo 254 del codice di procedura penale sono apportate le seguenti modificazioni:

a) il comma 1 è sostituito dal seguente:
«1. Presso coloro che forniscono servizi postali, telegrafici, telematici o di telecomunicazioni è consentito procedere al sequestro di lettere, pieghi, pacchi, valori, telegrammi e altri oggetti di corrispondenza, anche se inoltrati per via telematica, che l’autorità giudiziaria abbia fondato motivo di ritenere spediti dall’imputato o a lui diretti, anche sotto nome diverso o per mezzo di persona diversa, o che comunque possono avere relazione con il reato»;

b) al comma 2, dopo le parole: «senza aprirli» sono inserite le seguenti: «o alterarli».

5. Dopo l’articolo 254 del codice di procedura penale è inserito il seguente:
«Art. 254-bis. – (Sequestro di dati informatici presso fornitori di servizi informatici, telematici e di telecomunicazioni). – 1. L’autorità giudiziaria, quando dispone il sequestro, presso i fornitori di servizi informatici, telematici o di telecomunicazioni, dei dati da questi detenuti, compresi quelli di traffico o di ubicazione, può stabilire, per esigenze legate alla regolare fornitura dei medesimi servizi, che la loro acquisizione avvenga mediante copia di essi su adeguato supporto, con una procedura che assicuri la conformità dei dati acquisiti a quelli originali e la loro immodificabilità. In questo caso è, comunque, ordinato al fornitore dei servizi di conservare e proteggere adeguatamente i dati originali».
6. All’articolo 256, comma 1, del codice di procedura penale, dopo le parole: «anche in originale se così è ordinato,» sono inserite le seguenti: «nonché i dati, le informazioni e i programmi informatici, anche mediante copia di essi su adeguato supporto,».

7. All’articolo 259, comma 2, del codice di procedura penale, dopo il primo periodo è inserito il seguente: «Quando la custodia riguarda dati, informazioni o programmi informatici, il custode è altresì avvertito dell’obbligo di impedirne l’alterazione o l’accesso da parte di terzi, salva, in quest’ultimo caso, diversa disposizione dell’autorità giudiziaria».
8. All’articolo 260 del codice di procedura penale sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1, dopo le parole: «con altro mezzo» sono inserite le seguenti: «, anche di carattere elettronico o informatico,»;

b) al comma 2 è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Quando si tratta di dati, di informazioni o di programmi informatici, la copia deve essere realizzata su adeguati supporti, mediante procedura che assicuri la conformità della copia all’originale e la sua immodificabilità; in tali casi, la custodia degli originali può essere disposta anche in luoghi diversi dalla cancelleria o dalla segreteria».

Art. 9.

(Modifiche al titolo IV del libro quinto del codice di procedura penale)

1. All’articolo 352 del codice di procedura penale, dopo il comma 1 è inserito il seguente:

«1-bis. Nella flagranza del reato, ovvero nei casi di cui al comma 2 quando sussistono i presupposti e le altre condizioni ivi previsti, gli ufficiali di polizia giudiziaria, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l’alterazione, procedono altresì alla perquisizione di sistemi informatici o telematici, ancorché protetti da misure di sicurezza, quando hanno fondato motivo di ritenere che in questi si trovino occultati dati, informazioni, programmi informatici o tracce comunque pertinenti al reato che possono essere cancellati o dispersi».
2. All’articolo 353 del codice di procedura penale sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 2 sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «e l’accertamento del contenuto»;

b) al comma 3, primo periodo, le parole: «lettere, pieghi, pacchi, valori, telegrammi o altri oggetti di corrispondenza» sono sostituite dalle seguenti: «lettere, pieghi, pacchi, valori, telegrammi o altri oggetti di corrispondenza, anche se in forma elettronica o se inoltrati per via telematica,» e dopo le parole: «servizio postale» sono inserite le seguenti: «, telegrafico, telematico o di telecomunicazione».

3. All’articolo 354, comma 2, del codice di procedura penale, dopo il primo periodo è inserito il seguente: «In relazione ai dati, alle informazioni e ai programmi informatici o ai sistemi informatici o telematici, gli ufficiali della polizia giudiziaria adottano, altresì, le misure tecniche o impartiscono le prescrizioni necessarie ad assicurarne la conservazione e ad impedirne l’alterazione e l’accesso e provvedono, ove possibile, alla loro immediata duplicazione su adeguati supporti, mediante una procedura che assicuri la conformità della copia all’originale e la sua immodificabilità».

Art. 10.

(Modifiche all’articolo 132 del codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196)

1. Dopo il comma 4-bis dell’articolo 132 del codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, sono inseriti i seguenti:

«4-ter. Il Ministro dell’interno o, su sua delega, i responsabili degli uffici centrali specialistici in materia informatica o telematica della Polizia di Stato, dell’Arma dei carabinieri e del Corpo della guardia di finanza, nonché gli altri soggetti indicati nel comma 1 dell’articolo 226 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, di cui al decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271, possono ordinare, anche in relazione alle eventuali richieste avanzate da autorità investigative straniere, ai fornitori e agli operatori di servizi informatici o telematici di conservare e proteggere, secondo le modalità indicate e per un periodo non superiore a novanta giorni, i dati relativi al traffico telematico, esclusi comunque i contenuti delle comunicazioni, ai fini dello svolgimento delle investigazioni preventive previste dal citato articolo 226 delle norme di cui al decreto legislativo n. 271 del 1989, ovvero per finalità di accertamento e repressione di specifici reati. Il provvedimento, prorogabile, per motivate esigenze, per una durata complessiva non superiore a sei mesi, può prevedere particolari modalità di custodia dei dati e l’eventuale indisponibilità dei dati stessi da parte dei fornitori e degli operatori di servizi informatici o telematici ovvero di terzi.

4-quater. Il fornitore o l’operatore di servizi informatici o telematici cui è rivolto l’ordine previsto dal comma 4-ter deve ottemperarvi senza ritardo, fornendo immediatamente all’autorità richiedente l’assicurazione dell’adempimento. Il fornitore o l’operatore di servizi informatici o telematici è tenuto a mantenere il segreto relativamente all’ordine ricevuto e alle attività conseguentemente svolte per il periodo indicato dall’autorità. In caso di violazione dell’obbligo si applicano, salvo che il fatto costituisca più grave reato, le disposizioni dell’articolo 326 del codice penale.
4-quinquies. I provvedimenti adottati ai sensi del comma 4-ter sono comunicati per iscritto, senza ritardo e comunque entro quarantotto ore dalla notifica al destinatario, al pubblico ministero del luogo di esecuzione il quale, se ne ricorrono i presupposti, li convalida. In caso di mancata convalida, i provvedimenti assunti perdono efficacia».

Art. 11.

(Competenza)

1. All’articolo 51 del codice di procedura penale è aggiunto, in fine, il seguente comma:

«3-quinquies. Quando si tratta di procedimenti per i delitti, consumati o tentati, di cui agli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quater.1, 600-quinquies, 615-ter, 615-quater, 615-quinquies, 617-bis, 617-ter, 617-quater, 617-quinquies, 617-sexies, 635-bis, 635-ter, 635-quater, 640-ter e 640-quinquies del codice penale, le funzioni indicate nel comma 1, lettera a), del presente articolo sono attribuite all’ufficio del pubblico ministero presso il tribunale del capoluogo del distretto nel cui ambito ha sede il giudice competente».

Art. 12.

(Fondo per il contrasto della pedopornografia su internet e per la protezione delle infrastrutture informatiche di interesse nazionale)

1. Per le esigenze connesse al funzionamento del Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia sulla rete INTERNET, di cui all’articolo 14-bis della legge 3 agosto 1998, n. 269, e dell’organo del Ministero dell’interno per la sicurezza e per la regolarità dei servizi di telecomunicazione per le esigenze relative alla protezione informatica delle infrastrutture critiche informatizzate di interesse nazionale, di cui all’articolo 7-bis del decreto-legge 27 luglio 2005, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155, è istituito, nello stato di previsione del Ministero dell’interno, un fondo con una dotazione di 2 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2008.

2. Agli oneri derivanti dal presente articolo, pari a 2 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2008, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2008-2010, nell’ambito del fondo speciale di parte corrente dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2008, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero della giustizia.
3. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Capo IV

DISPOSIZIONI FINALI

Art. 13.

(Norma di adeguamento)

1. L’autorità centrale ai sensi degli articoli 24, paragrafo 7, e 27, paragrafo 2, della Convenzione è il Ministro della giustizia.

2. Il Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro della giustizia, individua il punto di contatto di cui all’articolo 35 della Convenzione.

Art. 14.

(Entrata in vigore)

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

http://www.parlamento.it/parlam/leggi/08048l.htm

Servizio di Allerta Pericoli Informatici

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

I segreti della Truffa online : come smascherare un truffatore

Questa sezione del nostro portale di assistenza sui rischi informatici desidera offrire un aiuto a tutti coloro che sono stati vittima di una truffa online o hanno il sospetto di avere a che fare con un truffatore.

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).

Soluzioni Backup per tutte le esigenze anche con criptazione dati

La nostra società offre un servizio completo per le esigenze di backup di privati ed aziende. Lasciatevi consigliare dai Professionisti del Backup per conservare i vostri dati sempre al sicuro e protetti con le migliori tecnologie a disposizione in ottemperanza dei nuovi decreti in materia di protezione dei dati personali ed in osservanza a tutte le normative europee vigenti, anche con crittografia end-to-end per salvaguardare il valore dei vostri contenuti.

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online



Rss Feeds: