ALLERTA PERICOLI INFORMATICI Truffe online : come difendersi

Vuoi capire se è un truffatore? Ecco 10 metodi semplici per scoprirlo

Vuoi capire se è un truffatore? Ecco 10 metodi semplici per scoprirlo
Scritto da gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
allerta pericoli informatici
app google store allerta pericoli informatici Google Play
app apple store allerta pericoli informatici Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
aiutamisi app
app su google store per avere informazioni utili Google Play
app su apple store per avere informazioni utili Apple Store

Vuoi capire se il tuo interlocutore è un truffatore?
La prima cosa da fare è… leggere l’articolo davvero ironico ma molto utile di Massimo Cappanera che ci racconta i 10 metodi più utilizzati :

1. “Pagami sulla postepay di mia moglie/zia/vicina di casa brasiliana perché la mia l’ha mangiata il cane.
2. “Purtroppo non posso consegnarti l’oggetto di persona perché sono allergico ai raggi gamma del sole e non posso uscire dalla cantina…”
3. “Mi sono trasferito in Costa d’Avorio/Marocco/qualunque altro paese…”
4. “Ti ho pagato! Uhm, però c’è una tassa per sbloccare il bonico, dannato governo!”
5. “Per pagarti/spedirti la merce, devi mandarmi il tuo documento. Ecco il mio…”
6. “Non posso farti un’altra foto dell’oggetto perché…uhm…è contro la mia religione”
7. “Lo compro! Allora, ti mando 10 euro in contanti in busta chiusa, poi appena li ricevi ti
faccio un bonico del resto”
8. “Ecco l’IBAN, pagami con bonico, è sicuro per tutti e due!”
9. “L’oggetto è disponibile! Sia per te, che per te, che per te…per tutti!”
10. “Sono interessatissimo, rispondimi alla mia email privata…”

Potete leggere l’articolo sul blog di Massimo Cappanera [ click qui ]