ALLERTA PERICOLI INFORMATICI Rimuovi recensioni negative

Il tribunale australiano ordina a Google di identificare un utente anonimo dietro ad una recensione negativa : decisione “rivoluzionaria”

Il tribunale australiano ordina a Google di identificare un utente anonimo dietro ad una recensione negativa : decisione “rivoluzionaria”
Scritto da gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
allerta pericoli informatici
app google store allerta pericoli informatici Google Play
app apple store allerta pericoli informatici Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
aiutamisi app
app su google store per avere informazioni utili Google Play
app su apple store per avere informazioni utili Apple Store

Il tribunale australiano ordina a Google di identificare coloro che si nascondono dietro alle recensioni negative subite da un dentista :

  • La sentenza potrebbe avere implicazioni per l’anonimato di Internet.
  • Inizialmente Google ha rifiutato di separarsi dalle informazioni in suo possesso su un recensore negativo.
  • Il tribunale ha constatato l’esistenza di un ricorso per diffamazione nei confronti della persona che ha pubblicato la recensione.

L’amore dei netizen (un netizen, chiamato più raramente anche cybercitizen, è una persona che partecipa attivamente alla vita di Internet, contribuendo e credendo fermamente nella libertà di espressione tramite questo mezzo) per le recensioni negative potrebbe subire una battuta d’arresto se i paesi di tutto il mondo adottino la sentenza di un tribunale australiano che chiede a Google di identificare il critico di un dentista. Di solito, i potenziali clienti saltano prima ai commenti negativi per farsi un’idea della reputazione di un’azienda. Il velo di anonimato che offre il mezzo consente ai clienti insoddisfatti di pubblicare recensioni negative, spesso spietate. La maggior parte degli utenti li ama più dei commenti positivi.

Il dott. Matthew Kabbabe, uno specialista dello sbiancamento dei denti a Melbourne, ha chiesto l’ordinanza del tribunale per poter denunciare il revisore per diffamazione. Ha affermato che l’utente “CBsm 23” aveva danneggiato la sua attività dicendo agli altri di “STARE LONTANO” da una procedura criticata come “estremamente imbarazzante e scomoda”, secondo un rapporto della BBC.

La sentenza costringerebbe il colosso tecnologico statunitense a separarsi dai dettagli del recensore e fungere da precedente in casi simili in Australia e anche al di fuori del paese. L’ordine potrebbe anche essere citato in casi che coinvolgono altre piattaforme di social media come Facebook, Twitter, Instagram e WhatsApp, suggeriscono gli esperti.

Google aveva precedentemente difeso la sua politica di consentire recensioni negative sul suo sito.

L’ordine chiede a Google di trasmettere a Kabbabe tutti i dettagli personali quali nomi, numeri di telefono, metadati di posizione e indirizzi IP collegati all’account. In base al diritto internazionale, le persone possono chiedere documenti alle parti estere di cui hanno bisogno per un caso giudiziario.

Google aveva precedentemente respinto le richieste del dentista di rimuovere la recensione dannosa o di condividere informazioni sul suo autore. Tuttavia, il giudice Bernard Murphy ha scoperto che Kabbabe aveva motivo di perseguire un caso di diffamazione. Il tribunale ha stabilito che Google “avrebbe avuto o avrebbe avuto il controllo di un documento o di una cosa che avrebbe aiutato ad accertare quella descrizione del potenziale rispondente”.

Decisione “rivoluzionaria”
L’avvocato di Kabbabe ha descritto la sentenza come “rivoluzionaria” e l’ha descritta come una vittoria per le piccole imprese. Google ha avuto il dovere di prestare attenzione fornendo una piattaforma per messaggi potenzialmente diffamatori, ha affermato l’avvocato. “Se sei là fuori a cercare di nascondere l’anonimato, anche tramite VPN, penso che il sistema giudiziario stia recuperando terreno ora e ci sono modi e mezzi per ottenere tali informazioni”, ha affermato Mark Stanarevic secondo la Australian Broadcasting Corporation.

Gli osservatori della rete osservano che Google è sempre stato riluttante a rimuovere le recensioni negative in passato, ma era obbligato quando sono intervenuti i tribunali. I casi di diffamazione relativi alle recensioni online potrebbero indurre la soppressione dei diritti dei consumatori e della libertà di parola, secondo quanto riferito dall’azienda con sede a Mountain View, California, l’anno scorso.

Intermezzo promozionale ... continua la lettura dopo il box:

https://www.ibtimes.com/australian-court-orders-google-identify-those-behind-negative-reviews-dentist-2922231

DESIDERI RIMUOVERE UNA RECENSIONE NEGATIVA ?

Approfondisci e Contatta Informatica in Azienda [ click qui ]