ALLERTA PERICOLI INFORMATICI Smart working

Smart working e cybersecurity, quali minacce? Cambia il modo di lavorare delle aziende : i dipendenti lavorano da casa ed accedono da remoto

Smart working e cybersecurity, quali minacce? Cambia il modo di lavorare delle aziende : i dipendenti lavorano da casa ed accedono da remoto
Written by gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google news

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
Google Play
Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
Google Play
Apple Store

Un weekend è bastato a generare panico e a far chiudere temporaneamente scuole e attività commerciali. Il coronavirus ha creato condizioni di isolamento, limitando gli spostamenti casa-lavoro e frammentando i diversi team aziendali.

Smart working a causa dell’emergenza
Costretta così una buona parte del nord Italia lontana dal proprio posto di lavoro, alcuni lavoratori si sono visti obbligati a sospendere le normali attività lavorative; ma in moltissimi altri casi, invece, si è creato il presupposto per testare una nuova metodologia lavorativa: lo smart working.

Sebbene già molte aziende permettano ai propri dipendenti delle giornate di lavoro da remoto, l’ultima settimana di febbraio 2020 ha visto espandersi a macchia d’olio il fenomeno del lavoro agile, permettendo a tanti di continuare con le proprie mansioni senza dover necessariamente recarsi in ufficio.

Fino a questo momento, infatti, l’Italia si attestava tra i meno propensi in Europa a sfruttare questa modalità lavorativa: meno del 5% dei lavoratori lavoravano in maniera stabile od occasionale da casa. Ma una situazione del genere non può certo essere transitoria, per questo le aziende dovrebbero prendere seriamente in considerazione l’idea di organizzarsi permettendo a maggior personale di lavorare da casa.

Gli strumenti digitali necessari per ottimizzare questo processo sono sicuramente connessi alle necessità che ogni attività lavorativa implica.
Ma, in linea generale, adottare dei mezzi utili all’organizzazione generale favorirà il flusso lavorativo e permetterà a tutti i dipendenti di svolgere senza ostacoli i propri compiti.

Gli strumenti per favorire lo smartworking
Innanzitutto occorre lavorare sul miglioramento della performance della rete informatica e organizzativa su cui si basa l’azienda. Mediante un IT assessment è possibile analizzare e scannerizzare la struttura digitale alle fondamenta di tutto il flusso lavorativo, individuando le problematiche connesse sia all’ambiente hardware quanto software, ottimizzando le risorse, eliminando eventuali elementi inutili e favorendo il corretto funzionamento del sistema IT.

Un secondo tool altamente sfruttabile sono le piattaforme condivise: esse sono ottimi mezzi attraverso le quali scambiarsi con facilità e sicurezza i documenti e i file.

Questo tipo di ambiente potrebbe essere anche concretizzato decidendo di creare app ibride per mobile, di modo da facilitare ulteriormente la connessione tra i lavoratori e stimolare la comunicazione.

Per questo, anche l’adozione di veri e propri social network pensati ad hoc potrebbe essere un’alternativa valida, creando uno spazio comune anche online dove potersi ritrovare e riunire in maniera più immediata, pratica e gestibile anche a distanza.

In questi casi, nel momento di progettazione e sviluppo del progetto è necessario tener sempre presente chi saranno gli utilizzatori finali dello strumento: conoscere i bisogni e le necessità dei lavoratori favorirà la realizzazione di un tool davvero di supporto, intuitivi e facili da utilizzare.

Smart working e cybersecurity: quali minacce?
Un occhio di riguardo dovrebbe poi essere riservato alla sicurezza: il coronavirus ha infatti messo alla prova non solo la sicurezza in termini di salute umana, ma anche la sicurezza e lo stato di salute dei dati aziendali.

Le minacce sono tanto interne quanto esterne all’azienda, e riguardano la sicurezza sia dei dispositivi che delle reti e dei dati che vengono coinvolti.

Questa emergenza ha infatti amplificato a livello mondiale l’accesso dall’esterno ai dati proprietari, spingendo i lavoratori ad utilizzare reti domestiche per continuare l’attività lavorativa e moltiplicando di conseguenza il rischio di una loro possibile violazione. È il fenomeno del cosiddetto BYOD (Bring Your Own Device), ossia dell’utilizzo dei dispositivi personali per scopi aziendali.

La struttura connessa tanto allo smart working quanto a quella più generale dell’azienda in rete, implica che si acceda dall’esterno al sistema e alla rete aziendale, coinvolgendo dispositivi propri dei lavoratori non necessariamente sicuri (e fuori dal controllo dell’azienda).

Gli attaccanti sfruttano diverse strade per ottenere quell’accesso non autorizzato ai dispositivi mobili, ma tanto funzionale a danneggiare il sistema: applicazioni infette, reti Wi-Fi pubbliche con bassi livelli di sicurezza, piuttosto che attacchi di phishing e messaggi dannosi.

Quali rischi?
Il rischio è davvero dietro l’angolo, anche in quelle circostanze a cui spesso di da poco pesa: un sito dannoso o che appare come legittimo ma che è in realtà compromesso da un codice malevolo.

Anche le dinamiche di collegamento smartphone-computer, sia per motivi di ricarica sia per trasferimento di contenuti, può essere determinante nel passaggio di minacce dannose per la sicurezza dei dati archiviati o per i quali si ha accesso.

Tutto ciò genera rischi di cyber attacchi da parte di terze parti con possibili obiettivi di sottrarre dati e richiedere un riscatto per rilasciarli. Questo fenomeno costa oggi alle aziende in media 42 milioni di dollari.

Il fenomeno dello smart working è una pratica che sarà sempre più richiesta e praticata negli anni a venire, perciò questo è il momento più opportuno per le aziende di convertire questa crisi in un’opportunità al fine di essere preparati a un futuro sempre più digital e interconnesso. Per evitare problemi costosi (soprattutto in ottica di security), è opportuno investire in metodologie di rinnovamento che leghino la formazione alla protezione.

Smart working e cybersecurity, quali minacce?

 

Il Coronavirus cambia il modo di lavorare delle aziende

I governi e le aziende di tutto il mondo stanno incoraggiando sempre di più lo smart working nel tentativo di rallentare la diffusione di COVID-19, noto anche come Coronavirus. Nei contesti in cui questo è possibile le aziende stanno concedendo a più persone di lavorare da remoto e riteniamo che questa, per le organizzazioni, possa essere un’ottima opportunità per riesaminare le misure di sicurezza dell’accesso da remoto ai propri sistemi. Utilizzare i dispositivi al di fuori dell’infrastruttura di rete aziendale e collegarli a nuove reti e a reti WIFI, contribuisce ad aumentare i rischi legati alla sicurezza. Per ridurre la possibilità di incorrere in questo tipo di problemi Kaspersky raccomanda di:

 

Fornire una VPN ai dipendenti per consentirgli di connettersi in modo sicuro alla rete aziendale
Proteggere con un software di sicurezza appropriato tutti i dispositivi aziendali, inclusi laptop e dispositivi mobili (ad esempio, consentendo di cancellare i dati dai dispositivi di cui è stato denunciato lo smarrimento o il furto, separando i dati personali e quelli di lavoro e limitando le applicazioni che possono essere installate).
Effettuare sempre gli aggiornamenti di sistemi operativi e applicazioni
Limitare i diritti di accesso delle persone che si collegano alla rete aziendale
Assicurarsi che il personale sia consapevole dei pericoli derivanti dalla risposta a messaggi non richiesti.
“Raccomandiamo alle aziende di essere particolarmente vigili in questo momento. Tutte le organizzazioni dovrebbero garantire un accesso sicuro anche da remoto e dovrebbero assicurarsi, attraverso una chiara comunicazione, che i propri dipendenti siano consapevoli dei possibili rischi informatici in cui possono incorrere lavorando da casa. Oltre ad un notevole aumento dei dipendenti in smart working, abbiamo rilevato anche diversi casi di criminali informatici che cercano di sfruttare il virus nascondendo file dannosi in documenti che sembrano essere collegati al Coronavirus. Considerato l’approccio opportunistico da parte dei criminali informatici e tenuto conto dell’aumento di accessi da remoto da parte dei dipendenti, le aziende dovrebbero prestare molta più attenzione alla sicurezza della propria rete”, ha dichiarato David Emm, principal security researcher di Kaspersky.

Coronavirus sul web

Le tecnologie di rilevamento Kaspersky hanno rilevato file dannosi che si presentavano come documenti relativi al coronavirus. I file dannosi scoperti si presentavano sotto forma di file pdf, mp4 e docx e avevamo come oggetto proprio il coronavirus. Al contrario di quanto realmente contenuto nei file, il nome dato ai documenti suggeriva che si trattasse di istruzioni video su come proteggersi dal virus, aggiornamenti sulla minaccia e persino procedure di rilevamento del virus. In realtà, questi file contenevano diverse minacce tra cui Trojan e worm, in grado di distruggere, bloccare, modificare o copiare i dati, oltre ad interferire con il funzionamento dei computer o delle reti di computer.

“Il coronavirus, una notizia che sta occupando le prime pagine di tutti i media in questi giorni, è già stato utilizzato come esca dai criminali informatici. Finora abbiamo osservato solo 10 file unici ma, come spesso succede con argomenti di interesse generale, prevediamo che questa tendenza possa crescere. Tenuto conto che si tratta di un tema che sta generando grande preoccupazione tra le persone di tutto il mondo, siamo certi che rileveremo sempre più malware che si nascondono dietro a documenti falsi sulla diffusione del coronavirus”, ha commentato Anton Ivanov, malware analyst di Kaspersky.

Kaspersky sul Coronavirus e il lavoro da remoto

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

I segreti della Truffa online : come smascherare un truffatore

Questa sezione del nostro portale di assistenza sui rischi informatici desidera offrire un aiuto a tutti coloro che sono stati vittima di una truffa online o hanno il sospetto di avere a che fare con un truffatore.

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).

Soluzioni Backup per tutte le esigenze anche con criptazione dati

La nostra società offre un servizio completo per le esigenze di backup di privati ed aziende. Lasciatevi consigliare dai Professionisti del Backup per conservare i vostri dati sempre al sicuro e protetti con le migliori tecnologie a disposizione in ottemperanza dei nuovi decreti in materia di protezione dei dati personali ed in osservanza a tutte le normative europee vigenti, anche con crittografia end-to-end per salvaguardare il valore dei vostri contenuti.

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online



Rss Feeds: