ALLERTA PERICOLI INFORMATICI

Router dirottati e il tentativo di hacking dell’OMS mettono in evidenza gli ultimi attacchi COVID-19

Router dirottati e il tentativo di hacking dell’OMS mettono in evidenza gli ultimi attacchi COVID-19
Written by gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google news

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
Google Play
Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
Google Play
Apple Store

Le aziende rimangono chiuse in molte grandi città del mondo mentre la pandemia di coronavirus infuria, ma i criminali informatici sono ancora aperti agli affari, poiché continuano a usare la crisi per servire ai loro scopi nefasti. L’ultima raccolta di minacce al coronavirus di oggi, include un tentativo di hacking segnalato contro l’Organizzazione mondiale della sanità, un attacco di dirottamento DNS progettato per diffondere un’app dannosa COVID-19 e una trama bizzarra per diffondere malware tramite una soluzione antivirus digitale.

Il possibile gruppo APT prende di mira l’OMS

Secondo quanto riferito, hacker sofisticati, probabilmente appartenenti a un gruppo internazionale avanzato di minacce persistenti, hanno tentato di hackerare i sistemi dell’Organizzazione mondiale della sanità all’inizio di questo mese.

I colpevoli e il loro preciso motivo sono sconosciuti, ma due fonti senza nome hanno riferito a Reuters che sospettano che l’attore sia un gruppo APT ben noto che si dice sia legato all’Asia orientale e, più precisamente, alla Corea.

Secondo quanto riferito, il CISO dell’OMS Flavio Aggio ha riferito a Reuters che c’è stato un aumento significativo dei tentativi di pirateria informatica contro l’agenzia sanitaria in mezzo alla pandemia di coronavirus; tuttavia, questo particolare incidente non ha avuto successo.

Alexander Urbelis, un esperto di informatica del Blackstone Law Group, è il primo a rilevare l’attività dannosa, dopo aver osservato che gli hacker hanno creato un sito Web dannoso che impersonava il sistema di posta elettronica interno dell’OMS.

In seguito, secondo quanto riferito, Aggio ha confermato che il sito Web fasullo era stato utilizzato nel tentativo di rubare le password ai membri della forza lavoro dell’agenzia. Nel frattempo, Costin Raiu, capo della ricerca e delle analisi globali di Kaspersky, ha riferito che la stessa infrastruttura web è stata recentemente utilizzata per colpire altre organizzazioni sanitarie e umanitarie.

I router sono stati dirottati per fornire falsi avvisi sulle app COVID-19

Secondo quanto riferito, gli attori dannosi stanno dirottando i router domestici e cambiando le loro configurazioni DNS al fine di reindirizzare gli utenti di computer Windows a contenuti dannosi, sotto forma di un falso avviso dell’OMS.

Secondo BleepingComputer , le vittime della campagna hanno osservato che i loro browser web si aprivano da soli e mostravano un messaggio falso che indica loro di scaricare una presunta app di informazioni COVID-19 chiamata “Emergency – COVID-19 Informator” o “COVID-19 Inform App “. In realtà, tuttavia, questa app è in realtà il malware che ruba informazioni noto come Oksi.

Oksi è in grado di rubare dati basati su browser, inclusi cookie, cronologia di Internet e informazioni di pagamento, nonché credenziali di accesso salvate, portafogli di criptovaluta, file di testo, informazioni di compilazione automatica del modulo del browser e database di autenticazione Authy 2FA.

Non è noto come gli aggressori abbiano compromesso i router interessati – che include modelli di D-Link e Linksys – ma i rapporti dicono che alcune vittime hanno lasciato aperte le loro capacità di accesso remoto e hanno anche usato password deboli.

“Questo attacco evidenzia la necessità per le persone di assicurarsi di cambiare il nome utente / la password predefiniti per il router di casa, poiché un certo numero di utenti interessati ha ammesso di avere una combinazione debole o predefinita”, ha affermato Laurence Pitt, direttore della strategia di sicurezza globale di Juniper Networks . La maggior parte dei provider di servizi Internet oggi fornisce router con una configurazione di sicurezza predefinita decente. Sembra che questo attacco abbia preso di mira una certa marca di router, [che] indicherebbe anche che gli utenti hanno lasciato la combinazione admin / password predefinita per accedere al dispositivo. ”

BleepingComputer afferma che il reindirizzamento del sito Web si verifica quando le macchine Windows compromesse utilizzano la loro funzione integrata “Indicatore di stato della connettività di rete (NCSI)” per verificare la connettività Internet. Invece di risolvere l’indirizzo IP Microsoft corretto per eseguire questo controllo, i server inviano l’utente a un sito controllato dagli hacker che visualizza l’avviso.

Gli utenti i cui browser mostrano questo strano comportamento dovrebbero riconfigurare i loro router in modo che ricevano automaticamente i loro server DNS dall’ISP, il rapporto termina.

Sebbene si tratti in gran parte di un problema relativo al router domestico, Justin Jett, direttore dell’audit e della conformità di Plixer, ha affermato che anche le aziende devono essere consapevoli della minaccia, poiché milioni di impiegati lavorano da casa per ridurre l’esposizione al coronavirus.

“… [O] le organizzazioni dovrebbero essere sicure di disporre di una solida infrastruttura VPN per consentire ai lavoratori remoti di connettersi”, ha affermato Jett. “Ciò consentirà ai dipendenti che utilizzano laptop aziendali di connettersi in modo sicuro alla rete aziendale senza utilizzare le impostazioni DNS della rete domestica interna.”

Inoltre, “assicurati di avere configurato l’analisi del traffico di rete nella rete per monitorare le connessioni dei lavoratori remoti che potrebbero essere state colpite dal malware della rete domestica”, ha aggiunto Jett. “Ciò consentirà ai team di rete e di sicurezza di identificare la presenza di malware”.

Bizzarre truffe anti-virus diffondono RAT

In uno dei più strani cyber complotti COVID-19, attori malintenzionati hanno creato un sito Web di truffa che pubblicizza una soluzione anti-virus digitale falsa che le persone possono scaricare sui loro computer per presumibilmente proteggerli dal coronavirus.

Il sito Web, antivirus-covid19 [.], Fa una strana affermazione. “I nostri scienziati dell’Università di Harvard hanno lavorato su uno speciale sviluppo dell’IA per combattere il virus usando un’app di Windows. Il tuo PC ti protegge attivamente dai Coronavirus (Cov) mentre l’app è in esecuzione “, afferma il sito, secondo una società per post di blog di Malwarebytes .

Ma il download di questo programma in realtà infetta gli utenti con il trojan di accesso remoto BlackNET. BlackNET offre molteplici funzionalità agli aggressori, che possono lanciare attacchi DDoS, acquisire screenshot, eseguire la registrazione di chiavi, rubare password salvate e cookie di Firefox, rubare da portafogli Bitcoin, eseguire script e altro.

Il trojan bancario Ginp aggiunge la truffa “Coronavirus Finder” a un sacco di trucchi

Una nuova versione del trojan bancario Ginp – tradizionalmente conosciuta per gli utenti di dispositivi Android infetti e inducendoli a divulgare i dati della loro carta di credito – ha la capacità di inviare alle sue vittime un nuovo richiamo ispirato alla pandemia di coronavirus.

Secondo un nuovo post di Kaspersky , Ginp può ora ricevere un comando per aprire una pagina Web fasulla chiamata “Coronavirus Finder” che afferma di mostrare agli utenti che sono infetti da COVID-19 nella loro area. Ma, naturalmente, c’è un problema: gli utenti devono pagare con i dati della loro carta di credito per ricevere queste informazioni apparentemente vitali.

“Una volta inseriti i dati della tua carta di credito, vanno direttamente ai criminali … e non succede nient’altro”, afferma il post del blog, dell’analista di malware Kasperksy Alexander Eremin. “Non ti addebitano nemmeno questa piccola somma (e perché dovrebbero, ora che hanno tutti i fondi della carta al loro comando?). E, naturalmente, non ti mostrano alcuna informazione sulle persone infette da coronavirus vicino a te, perché non ne hanno. ”

Ginp in gran parte infetta i proprietari di dispositivi Android con sede in Spagna, ma Kaspersky teorizza che quest’ultima versione del malware potrebbe essere potenzialmente utilizzata in una campagna più geograficamente dispersa. “… [T] sua è una nuova versione di Ginp che è taggata ‘flash-2’, mentre le versioni precedenti sono state taggate ‘flash-es12’, afferma Eremin nel post del blog di Kaspersky. “Forse la mancanza di” es “nel tag della versione più recente significa che i criminali informatici intendono espandere la campagna oltre la Spagna”, conclude il rapporto.

Hijacked routers and attempted WHO hack highlight latest COVID-19 attacks

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

I segreti della Truffa online : come smascherare un truffatore

Questa sezione del nostro portale di assistenza sui rischi informatici desidera offrire un aiuto a tutti coloro che sono stati vittima di una truffa online o hanno il sospetto di avere a che fare con un truffatore.

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).

Soluzioni Backup per tutte le esigenze anche con criptazione dati

La nostra società offre un servizio completo per le esigenze di backup di privati ed aziende. Lasciatevi consigliare dai Professionisti del Backup per conservare i vostri dati sempre al sicuro e protetti con le migliori tecnologie a disposizione in ottemperanza dei nuovi decreti in materia di protezione dei dati personali ed in osservanza a tutte le normative europee vigenti, anche con crittografia end-to-end per salvaguardare il valore dei vostri contenuti.

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online



Rss Feeds: