chat cybersex foto minori online

Quindicenne manda foto osé a un uomo in chat, dopo un anno scopre che è suo padre

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
allerta pericoli informatici
app google store allerta pericoli informatici Google Play
app apple store allerta pericoli informatici Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
aiutamisi app
app su google store per avere informazioni utili Google Play
app su apple store per avere informazioni utili Apple Store

Una storia incredibile e altamente preoccupante che rialza l’asticella d’allarme sul cybersex, in particolare con protagonisti i minori. Una ragazzina di 15 anni ha iniziato a chattare con uomo più grande che utilizzava un nickname. Gli ha inviato foto in posa osé e i discorsi sono finiti in poco tempo su tematiche erotiche. Dopo circa un anno hanno deciso di incontrarsi. A quel punto lo choc: l’uomo in questione era suo padre.

La vicenda è stata denunciata nel Bergamasco da una psicologa dall’Associazione genitori antidroga di Pontirolo Nuovo. «Confrontandoci recentemente con una professionista che segue uno sportello psicologico nella Bergamasca – rivela il presidente dell’Aga a Bergamo News – è emerso il caso di una quindicenne che, dopo un anno a scambiarsi via chat messaggi a sfondo erotico con un adulto, ha deciso di incontrarlo scoprendo poi che si trattava di suo padre. Farà molta fatica a superare il trauma subito».

L’allarme sul cybersex è strettamente legato alla crescente dipendenza tra i giovani nell’utilizzo degli smartphone e dei social networks. La protezione che sembra celarsi dietro l’apparecchio elettronico ha favorito la crescita del fenomeno del sesso virtuale soprattutto tra i più giovani. Ma non solo, il problema si estende anche alla droga. «Ormai – aggiunge Coppola – sanno bene che sono  Facebook e Instagram i  luoghi virtuali dove possono incontrare coetanei a cui vendere la droga, senza correre il rischio di andare incontro al pesante aggravio della pena che può comportare l’essere colti a spacciare di fronte a scuole o oratori».

https://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/quindicenne_foto_hot_padre-3982032.html