ALLERTA PERICOLI INFORMATICI

LinkedIn e Twitter sono i principali social media utilizzati come fonti di notizie

LinkedIn e Twitter sono i principali social media utilizzati come fonti di notizie
Written by gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
Google Play
Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
Google Play
Apple Store

Ormai è un dato assodato: il giornalismo deve fare i conti con l’era social. È quanto emerge con chiarezza dalla seconda ricerca di L45 rispetto alle dinamiche professionali di chi opera nell’informazione.

L’agenzia di comunicazione specializzata nella gestione della reputazione di aziende e top manager ha consultato duecentoquattro giornalisti economico-finanziari, che hanno risposto a otto domande su come la rete e i social media influiscano sul loro lavoro. Le interviste sono state effettuate lungo il corso di quattro mesi, da giugno a ottobre 2019.

Intermezzo promozionale ... continua la lettura dopo il box:

I dati più immediati che emergono dalla ricerca evidenziano che:

·      Il 98,6% dei giornalisti svolge ricerche online in fase di preparazione degli articoli. La gestione della reputazione online aziendale diventa parte integrante delle attività di media relation.

·      Gli articoli di altre testate e il sito web aziendale sono le prime fonti online.

·      LinkedIn e Twitter sono i principali social media utilizzati come fonti di notizie.

·      LinkedIn è il social media più utilizzato dai giornalisti per interloquire con i responsabili aziendali.

Tra i principali dati emersi, i giornalisti che consultano fonti online per la preparazione degli articoli sono ormai il 98.6%, con una percentuale del 68,2% che dichiara di utilizzarle “spesso” o “sempre”.

Le prime fonti online sono gli articoli di altre testate (75,5%%), che scavalcano in vetta alla graduatoria i siti web aziendali (69%). Si riafferma anche il ruolo dei social media (39%) e delle enciclopedie online (20,5%).

Il 94,1% dei giornalisti intervistati dichiara di utilizzare i social media per lavoro (+2% rispetto alla prima ricerca). Facebook è ancora in cima alla classifica con il 55,9%, a fronte però di un calo del  -3,4% in confronto alla precedente rilevazione.

Per quanto riguarda la ricerca di notizie, i più diffusi risultano essere LinkedIn (43,8%) e Twitter (27,6%).

Nella comunicazione tra giornalisti, è ancora Facebook a dominare lo scenario con il 61,7%, dato in incremento del 22%. Avanzano LinkedIn (al 23,8%, +7,4% rispetto alla prima ricerca) e Instagram (da zero a +9,8%), a fronte di un crollo di Twitter (4,7%, con un calo di -22,7%).

Il social media più utilizzato dai giornalisti per interloquire con i responsabili aziendali è invece ancora LinkedIn (85,9%), sul quale è presente l’87,9% degli intervistati.

La ricerca è stata presentata ieri in una tavola rotonda presso gli uffici italiani di LinkedIn a Milano, con la partecipazione di Moreno Ferrario, Head of Sales Large Enterprise LinkedIn Italia, e con il commento del giornalista Marco Giovannelli, presidente di ANSO (Associazione Nazionale Stampa Online) e Direttore di varesenews.it, e di Simone Guzzardi, partner e managing director L45, moderati da Luca Villani, Presidente di L45 e partner di The Van Group.

Simone Guzzardi, partner e managing director di L45: “La quasi totalità dei giornalisti, alcuni in maniera sistematica altri solo in occasioni specifiche, utilizza ormai la rete per ricercare informazioni in fase di preparazione degli articoli. È interessante notare come gli articoli già pubblicati siano la prima fonte online di informazione.

La gestione della rassegna stampa sul proprio sito e dell’indicizzazione degli articoli diventa quindi cruciale. La prima azione di media relation diventa la cura della propria identità digitale, dal sito corporate, alle pagine social media aziendali, ai profili delle spokesperson di riferimento, a Wikipedia, sino a tutto ciò che totalmente o in parte è controllabile della digital foot print aziendale.”

Sempre più social con LinkedIn in testa

Rss Feeds:

Pubblica anteprima dei nostri articoli sul tuo sito :

  Inserisci questo codice per mostrare anteprima dei nostri articoli nel tuo sito e proteggi i tuoi navigatori dai rischi informatici

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).