ALLERTA PERICOLI INFORMATICI Dati Personali e Privacy

Come preparare e proteggere la tua eredità digitale : cosa accadrà alla tua presenza digitale dopo la tua morte

Come preparare e proteggere la tua eredità digitale : cosa accadrà alla tua presenza digitale dopo la tua morte
Scritto da gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
allerta pericoli informatici
app google store allerta pericoli informatici Google Play
app apple store allerta pericoli informatici Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
aiutamisi app
app su google store per avere informazioni utili Google Play
app su apple store per avere informazioni utili Apple Store

Gli eventi recenti mi hanno spinto a pensare di creare una guida mentre preparo il mio mondo digitale in modo che, se mi accade qualcosa di inaspettato, quelli che mi lascio alle spalle saranno meno stressati quando si tratta della mia eredità digitale.

Gli elementi importanti di un’impronta digitale possono includere, ma non sono limitati a, conti finanziari, fotografie di famiglia, raccolte musicali e playlist fino ai social media e agli account di posta elettronica. Alcuni fornitori di servizi potrebbero avere un’ampia gamma di servizi: ad esempio, Google potrebbe fornire e-mail, foto e spazio di archiviazione su cloud, mentre Spotify potrebbe memorizzare le tue playlist preferite. L’accesso ai dati o la gestione degli account online potrebbe essere importante sia a breve termine: per informare le persone su una situazione, sia a lungo termine: per garantire che non vadano persi dati importanti necessari a coloro che ti lasci alle spalle. Se, come nella mia situazione, archivi documenti importanti e fotografie di famiglia nel cloud: quando passi, altri potrebbero aver bisogno di accedere, ed eventualmente gestire, questo archivio in modo che le cose possano essere affrontate e i ricordi catturati nelle foto siano preservati.

Non sono mai stato un utente avido di app di social media diverse da LinkedIn e Twitter, e quindi solo per scopi aziendali, quindi la mia impronta potrebbe essere molto più leggera rispetto all’utente tipico. Tuttavia, ho un account relativamente inutilizzato su Facebook e Instagram, quindi ci sono considerazioni per assicurarmi che siano presi in considerazione nel modo giusto. Una delle considerazioni chiave è se vuoi che i tuoi profili sui social media vengano memorizzati o cancellati, o lasciare questa decisione ad altri dopo la tua morte. Le azioni suggerite di seguito potrebbero non coprire tutti i servizi o account, ma dovrebbero costituire un buon punto di partenza per fare i preparativi necessari per garantire che i tuoi dati continuino a vivere, che i tuoi cari possano ottenere l’accesso necessario o che il tuo diritto all’oblio sia rispettato.

Mettere in ordine i tuoi affari digitali

Nomina un esecutore testamentario digitale. È pratica comune nominare un esecutore testamentario, qualcuno di fiducia che si prende cura di proprietà, finanze e beni e li distribuisce secondo i vostri desideri. Il mondo di oggi significa che potresti anche aver bisogno di un esecutore testamentario digitale che si occupi e gestisca le risorse digitali, eliminando, convertendo, scaricando e gestendo account e profili. Allo stesso modo in cui elenchi le risorse finanziarie importanti, potresti voler elencare le risorse digitali e quali sono le tue istruzioni specifiche per ciascuna, in modo che non ci sia confusione o disaccordo tra le persone che lasci indietro. Attualmente, non tutti gli stati o paesi riconoscono lo status legale di un esecutore testamentario digitale, ma dimostra i desideri precisi del defunto e si spera che sarebbe rispettato dalle aziende ove consentito dalla legge.

Affidare a una persona le informazioni necessarie per accedere a un servizio o a dei dati può essere imperativo in alcuni casi. Ad esempio: se detieni una criptovaluta in un portafoglio digitale, sarebbe difficile, o impossibile, per l’esecutore o un beneficiario del tuo patrimonio accedervi senza conoscere la chiave privata personale. È stimato da Coin Metrics che si presume che almeno 1,5 milioni di bitcoin siano persi per una serie di motivi, inclusa la morte, che equivale a oltre 16 miliardi di dollari in una sola criptovaluta. Non è consigliabile memorizzare i dettagli della chiave privata in un testamento, poiché questo potrebbe diventare un documento pubblico dopo la morte. Sia che tu condivida le password e il PIN con una persona cara, le annoti e le conservi in ​​una cassetta di sicurezza, o distribuisca parti diverse della chiave a un gruppo di amici: è chiaro che devi fare i preparativi anticipati in modo che eventuali beni detenuti in criptovaluta può essere trasferito ai tuoi beneficiari.

Un’altra opzione è utilizzare un gestore di password per creare un unico repository in cui sono archiviate le credenziali dell’account. Questa opzione ha il vantaggio di consentire la generazione di password estremamente complesse (e quindi sicure), poiché viene rimossa la necessità di ricordarle tutte; tutto quello che devi ricordare è un’unica password molto forte per sbloccare il gestore delle password. È anche una protezione contro i keylogger, poiché non possono monitorare qualcosa che non viene digitato. Alcuni gestori di password includono una varietà di opzioni tra cui la creazione di un piano familiare, un vault di file che fornisce a ogni utente un luogo sicuro in cui archiviare documenti e informazioni importanti e un varietà di opzioni per il recupero della password se necessario.

C’è qualcosa in comune tra la maggior parte dei fornitori di servizi sulla documentazione che richiedono di essere presentata quando si informa che qualcuno è passato; per il richiedente, questi includono: procura, certificato di nascita, testamento o lettera di successione. Dovranno essere presentati anche i documenti ufficiali che convalidano la morte, come un certificato di morte o un collegamento a un necrologio. Di seguito sono riportati alcuni esempi di informazioni richieste e opzioni offerte da alcuni dei servizi più popolari e alcuni collegamenti utili.

  • Facebook ti consente di nominare un contatto legacy; questo dà alla persona nominata la possibilità di memorizzare l’account e pubblicare un messaggio finale. Il contatto precedente può anche eliminare eventuali post di tributi indesiderati, rimuovere tag, rispondere a richieste di amicizia, richiedere l’eliminazione dell’account e simili. Fai attenzione, però, perché possono anche vedere tutti i post che hai scritto anche se contrassegnati come “Solo io” nelle impostazioni sulla privacy. Le istruzioni per assegnare un contatto legacy su Facebook sono disponibili qui . L’altra opzione è richiedere la cancellazione dell’account – nota, anche se una volta cancellato, l’accesso non potrà mai essere riottenuto; i dettagli per effettuare una richiesta di cancellazione possono essere trovati qui .
  • Curiosamente, Instagram, che è di proprietà di Facebook, non ti consente di nominare un contatto legacy. L’account può essere memorizzato o cancellato con moduli online separati che devono essere completati e includono la necessità di fornire la prova della morte, come un certificato di morte. Se la richiesta è di eliminare l’account, deve essere presentata da un parente stretto che dovrà fornire la prova della loro relazione e della loro autorità. Anche se la guida non afferma che un esecutore digitale può inviare questa istruzione, spero che gli venga concesso questo privilegio; può dipendere dalla legislazione locale che riconosce questo status.
  • Google adotta un approccio diverso e utilizza un gestore account inattivo; l’impostazione predefinita è di tre mesi con notifica al titolare dell’account un mese prima tramite SMS a un numero di telefono preregistrato e un’e-mail. Il periodo di attesa di inattività può essere impostato a 3, 6, 12 o 18 mesi, anche questo estende il periodo di notifica fino a tre mesi prima. Il passo successivo è selezionare chi avvisare se non si è risposto una volta raggiunto il periodo di inattività e decidere a quali dati e servizi dare loro accesso; l’elenco è lungo. La persona designata riceverà una notifica tramite e-mail e la sua identità verrà convalidata utilizzando l’autenticazione a più fattori tramite un numero di telefono predefinito. Avranno quindi la possibilità di scaricare una copia dei dati selezionati. L’ultimo passaggio è decidere se eliminare gli account, inclusi i contenuti pubblici come i video di YouTube.Account Manager inattivo offre molte opzioni ed è il più completo a cui ho assistito mentre scrivevo questo post sul blog.
  • LinkedIn offre la possibilità di rimuovere un account segnalandolo e fornendo prove documentate simili a quelle di Instagram. In modo divertente, un’informazione richiesta è il datore di lavoro più recente, che probabilmente sarebbe elencato sul profilo LinkedIn pubblico del defunto.
  • Twitter fornisce questo modulo di disattivazione dell’account .
  • Snapchat offre solo la cancellazione dell’account tramite questo modulo .

Questo è un argomento delicato, specialmente durante una pandemia, e spero che ti spinga a prendere in considerazione l’idea di intraprendere alcune azioni per fare un piano, nominare un esecutore testamentario digitale, preselezionare contatti ereditari e di inattività o discutere con l’avvocato di famiglia. Sebbene possa essere un argomento imbarazzante, una discussione diretta con familiari, amici intimi o colleghi potrebbe rivelarsi la linea di condotta più efficace. L’importante è fare qualcosa piuttosto che non fare niente.

Fonte  : https://www.welivesecurity.com/2020/08/19/how-to-prepare-and-protect-your-digital-legacy/

Intermezzo promozionale ... continua la lettura dopo il box: