ALLERTA PERICOLI INFORMATICI

Come condividere gli abbonamenti dei maggiori servizi online come netflix, spotify, amazon …

Come condividere gli abbonamenti dei maggiori servizi online come netflix, spotify, amazon …
Written by gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google news

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
Google Play
Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
Google Play
Apple Store

Il mondo digitale è fatto di servizi. I servizi sono disponibili tramite abbonamento, e gli abbonamenti sono collegati a degli account. Ma non tutti vogliono iscriversi e pagarne molti, soprattutto se si può prendere in prestito l’account di un amico o di un parente. Ma si può fare per davvero? Cerchiamo di capire a chi possiamo “prestare” contenuti sui servizi più popolari e a quali condizioni. E cosa succede se cherchiamo di aggirare le regole.

Come condividere il vostro abbonamento Netflix
Come condividere il vostro abbonamento Spotify
Come condividere il vostro abbonamento Amazon Prime
Come condividere il vostro abbonamento YouTube TV
Come condividere i vostri abbonamenti Apple
Come condividere giochi su Steam
Come condividere il vostro abbonamento Hulu
Perchè dovreste evitare di condividere password

Come condividere il vostro abbonamento Netflix

Potete condividere il vostro abbonamento Netflix con la famiglia, anche con un piano base. Per farlo, dovrete creare profili separati sul vostro account, fino ad un massimo di cinque, e selezionare l’opzione bambini come richiesto.

Di default, per accedere a uno qualsiasi dei profili è necessaria solo la password del vostro account; tuttavia, è possibile proteggere un profilo per adulti (oltre a bloccare la creazione di un nuovo profilo) con un codice PIN aggiuntivo di quattro cifre per bloccare l’accesso ai bambini.

Secondo il piano base, non è possibile utilizzare il servizio su più dispositivi contemporaneamente, quindi dovrete fare a turno. Inoltre, è possibile scaricare film e spettacoli su un solo dispositivo. Invece, i piani Standard e Premium consentono di guardare i contenuti rispettivamente su due e quattro dispositivi e lo stesso vale anche per il download.

Secondo le condizioni d’uso, la password può essere trasferita solo ai membri della stessa famiglia. In pratica, tuttavia, molti utenti condividono il loro account Netflix con parenti, amici, colleghi e altro ancora.

Anche se la gestione di Netflix tende a chiudere un occhio, ogni tanto l’azienda sostiene di aver preso dei provvedimenti. Per essere sicuri, attenetevi alle regole; e se condividete il vostro account con persone esterne al vostro nucleo famigliare, almeno tenete gli occhi (e le orecchie) aperti.

Come condividere il vostro abbonamento Spotify

Spotify offre un piano Premium Family che permette a tutta la famiglia di usufruire del servizio. Non c’è bisogno di condividere la password e Spotify ne vieta addirittura la pratica. I membri della famiglia aderiscono all’abbonamento generale su invito, e ognuno ha il proprio account.

È possibile condividere l’abbonamento a Spotify con un massimo di sei familiari. Tutti devono vivere nello stesso indirizzo e, diversamente da Netflix, Spotify è più propenso a indagare se ha il sospetto di qualche irregolarità. Un paio d’anni fa, la compagnia ha iniziato a tenere sotto controllo i potenziali trasgressori, chiedendo conferma dell’indirizzo, comprese le coordinate GPS precise. Anche se alla fine questo passaggio è stato sospeso, l’accordo con l’utente stabilisce ancora l’obbligo di indicare il luogo di residenza su Google Maps.

Come condividere il vostro abbonamento Amazon Prime

Amazon consente anche di condividere un account a pagamento con la famiglia utilizzando Amazon Household. Come per Spotify, i membri della famiglia si uniscono su invito e ognuno ha il proprio account.

Possono entrare a far parte di Amazon Household fino a sei persone. Tuttavia, possono iscriversi solo due adulti per famiglia, gli altri quattro devono essere adolescenti (13-17 anni) o bambini (12 anni e meno), le cui opzioni sono fortemente limitate. Ad esempio, i ragazzi possono fare acquisti, ma gli adulti devono approvare l’ordine. I bambini non possono assolutamente spendere soldi e i loro contenuti (libri, film, giochi, ecc.) sono scelti dai genitori.

Ciò significa che non è possibile condividere Amazon Prime con i propri amici. Un’altra restrizione è che se si rimuove un adulto da Amazon Household, entrambi dovrete aspettare 180 giorni prima di poter entrare in un altro Amazon Household. Questo dà all’azienda una migliore possibilità di gestire i trasgressori senza dover rintracciare la posizione.

Come condividere il vostro abbonamento YouTube TV

Google, come molte aziende, vieta la condivisione delle password. Su YouTube TV, invece, è possibile creare un gruppo familiare con un massimo di cinque persone per utilizzare il servizio senza costi aggiuntivi. L’opzione è disponibile solo per i residenti negli Stati Uniti.

I gruppi familiari possono essere creati da persone dai 18 anni in su che non sono già membri di un altro gruppo familiare. Inoltre, è possibile accedere a YouTube utilizzando il proprio account Google, non G Suite. È possibile condividere un abbonamento con un massimo di cinque membri della famiglia, che devono anche avere un account Google e non essere in nessun altro gruppo familiare e chee devono avere almeno 13 anni. Per i bambini più piccoli, c’è un YouTube Kids separato, che è gratuito.

I non residenti negli Stati Uniti possono condividere un abbonamento su YouTube Premium, che è più costoso ma dà accesso non solo alla TV, ma anche a YouTube Music e YouTube Kids senza pubblicità. In alcuni paesi (Bielorussia, Venezuela, Israele, Islanda, Slovenia, Corea del Sud) questa opzione non è disponibile.

Tutti i membri del gruppo devono vivere sotto lo stesso tetto. Per essere certi di che viviate insieme, Google chiede il vostro codice di avviamento postale o l’accesso alla posizione del dispositivo al momento dell’iscrizione e afferma di effettuare controlli ogni mese.

Per quanto riguarda la visualizzazione simultanea, siete limitati a tre dispositivi. Si noti che se un utente guarda YouTube TV su un tablet e un televisore contemporaneamente, contano come due streaming diversi.

Come condividere il vostro abbonamento Apple

La vostra libreria multimediale Apple può essere condivisa anche con la famiglia. Un gruppo familiare può comprendere fino a sei persone di qualsiasi età (per i bambini sotto i 13 anni è necessario prima creare un Apple ID per bambini). Tuttavia, gli abbonamenti generali non sono disponibili sui dispositivi con iOS 7 o OS X Mavericks (o versioni precedenti). Inoltre, non è possibile far parte di due gruppi contemporaneamente e se improvvisamente avete bisogno di passare a una nuova famiglia virtuale, Apple consente di farlo solo una volta all’anno.

Potete concedere ai membri del gruppo familiare l’accesso ai vostri abbonamenti e ai vostri acquisti, condividere con loro i vostri piani e la vostra posizione e aiutarli a trovare i dispositivi smarriti. Prendete nota delle restrizioni: libri, musica, film e programmi televisivi possono essere scaricati su non più di dieci dispositivi, di cui cinque possono essere computer (questa regola non si applica alle app); e in secondo luogo, alcuni contenuti non sono disponibili in tutti i Paesi e regioni, quindi se qualcuno della vostra famiglia vive all’estero, ad esempio, potreste non essere in grado di condividere gli acquisti con loro.

Inoltre, non è possibile condividere con i membri della famiglia abbonamenti individuali e studenti, acquisti su app e determinati programmi, o elementi che qualcuno del gruppo familiare ha nascosto dalla lista degli acquisti. Nonostante, questi ultimi rimarranno sui dispositivi se già scaricati.

Va specificato che l’organizzatore del gruppo familiare paga tutti gli acquisti. Per evitare che i bambini abusino del portafoglio dei genitori, Apple vi permette di impostare l’opzione Chiedi di acquistare per evitare che vengano effettuati acquisti a vostra insaputa. Naturalmente, potete offrire ad amici adulti, o a chiunque altro, ma solo se vi sentite molto generosi. Potete anche rimuovere qualcuno dal gruppo di famiglia per il quale non volete più pagare l’abbonamento.

Come condividere giochi su Steam

Non potete condividee il vostro account di Steam ma potete condividere i giochi. Per questo, è necessario abilitare la condivisione di librerie in famiglia. I vostri amici e familiari avranno accesso alla vostra collezione e potranno giocare con i loro personaggi. In altre parole, potranno immergersi quasi completamente nel processo di gioco, quasi, perché agli ospiti non è permesso acquistare contenuti scaricabili (mappe aggiuntive, oggetti di gioco, skin, ecc.).

Le condizioni d’uso consentono di condividere la propria libreria con un massimo di cinque persone che dispongono di un proprio account Steam, che potranno utilizzare i propri giochi su dieci dispositivi da voi autorizzati. E non devono nemmeno vivere allo stesso indirizzo.

Tuttavia, Steam non consiglia di condividere la vostra libreria con estranei: se qualcuno viene sorpreso a barare o ad abusare del servizio mentre utilizza i vostri giochi, potrebbe esservi vietato o impedito di condividere nuovamente la vostra collezione.

Vale la pena di tenere a mente alcune altre sfumature. In primo luogo, non potete condividere parzialmente la vostra libreria. O tutto o niente. Secondo, i giochi che richiedono chiavi di attivazione o abbonamenti di terze parti non sono soggetti alle regole della condivisione della libreria familiare. Terzo, un gioco condiviso può essere eseguito da una sola persona alla volta, dando la priorità al suo proprietario.

Come condividere il vostro abbonamento Hulu

Il servizio video Hulu è disponibile solo per i residenti negli Stati Uniti. Inoltre, è possibile pagare l’abbonamento solo con una carta di credito americana, oppure tramite PayPal o Venmo. Per chi può utilizzare il servizio, si possono creare fino a sei profili per i parenti all’interno di un unico account. Inoltre, Hulu vi permette di accedere da un numero illimitato di dispositivi, ma di guardare i film su due soli dispositivi alla volta. Se si tenta di effettuare lo streaming da un terzo schermo, il servizio visualizza un messaggio di errore.

Se queste restrizioni non sono adatte a voi, allora potreste optare per il pacchetto Hulu + Live TV, molto più costoso, che vi permette di guardare i film da un numero qualsiasi di dispositivi contemporaneamente a un costo aggiuntivo. È vero, per alcuni tipi di contenuti, come le serie HBO, c’è ancora un limite (fino a cinque dispositivi alla volta). E in ogni caso, i computer e le TV devono essere tutti all’interno della rete domestica, che vi sarà chiesto di specificare al momento della connessione al piano Live TV. Hulu fa un’eccezione per un massimo di tre dispositivi mobili, a patto che si colleghino alla rete domestica almeno una volta al mese.

I normali piani Hulu e Live TV coprono solo lo streaming online, e con le inserzioni pubblicitarie. Il servizio offre gli stessi piani senza pubblicità, il che consente, tra l’altro, di scaricare i film e di guardarli offline. Queste opzioni sono più costose, naturalmente. Con un tale abbonamento, è possibile scaricare fino a 25 film su cinque dispositivi alla volta, ma è necessario guardarli in 30 giorni, e alcuni contenuti premium non sono generalmente scaricabili.

Condividere il servizio con la famiglia o gli amici significa dire loro il vostro nome utente e la vostra password, perché  l’utente dispone semplicemente dell’accoun, il che è un altro motivo per non condividere il vostro abbonamento Hulu al di fuori di un gruppo controllato. Qualsiasi utente che si connetta all’account (ad eccezione dei bambini, che hanno profili speciali) ha accesso alle impostazioni dell’account, anche se i vostri dati di pagamento sono nascosti.

Come evitare di condividere gli account

Anche se molti servizi vietano la condivisione delle password e altri la consentono ma solo con la famiglia, gli utenti spesso usano gli account di amici, colleghi e altri. Secondo un sondaggio condotto da Zebra Insurance negli Stati Uniti, il 79% degli utenti ha dato la propria password a una persona con la quale non convive.

Questo può essere un problema. Ad esempio, si potrebbe essere bannati dal servizio per aver violato i termini di utilizzo. Oppure un amico che pensavate fosse affidabile potrebbe decidere di aggiornare il vostro abbonamento (a vostre spese). E se usate una sola password per diversi servizi, non solo potranno guardare i programmi televisivi, ma avranno anche accesso ad altre risorse, ad esempio le vostre e-mail o i vostri messaggi sui social media. Senza contare che un completo estraneo potrebbe intercettare la password durante la sua condivisione.

Pertanto, sconsigliamo vivamente di condividere le vostre password con altri. Né si dovrebbe mai comprare la password di qualcun altro; potrebbe essere rubata, nel qual caso il vero proprietario dell’account probabilmente ripristinerà l’accesso, lasciandovi nei guai. È meglio utilizzare invece le opzioni legittime fornite da ogni servizio.

https://www.kaspersky.it/blog/sharing-accounts-safely/22428/

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

I segreti della Truffa online : come smascherare un truffatore

Questa sezione del nostro portale di assistenza sui rischi informatici desidera offrire un aiuto a tutti coloro che sono stati vittima di una truffa online o hanno il sospetto di avere a che fare con un truffatore.

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).

Soluzioni Backup per tutte le esigenze anche con criptazione dati

La nostra società offre un servizio completo per le esigenze di backup di privati ed aziende. Lasciatevi consigliare dai Professionisti del Backup per conservare i vostri dati sempre al sicuro e protetti con le migliori tecnologie a disposizione in ottemperanza dei nuovi decreti in materia di protezione dei dati personali ed in osservanza a tutte le normative europee vigenti, anche con crittografia end-to-end per salvaguardare il valore dei vostri contenuti.



Rss Feeds: