2,4 milioni di richieste di cancellazione ricevute da Google in Europa da quando c’è la legge su diritto all’oblio


marzo 1, 2018 Facebook Twitter LinkedIn Google+ Notizie sulla Privacy e rischi Informatici,Privacy


La norma, in vigore nell’Unione Europea, prevede che i cittadini possano chiedere al motore di ricerca di cancellare i risultati in cui il loro nome compare associato a pagine della loro vita personale che vogliono siano dimenticate, in particolare in merito a condanne penali ormai assolte la cui notizia potrebbe inficiare la ripresa di una vita normale.

Leggi anche: La Ue si sveglia sulla privacy e impone le sue regole a Facebook, Gmail, Whatsapp, Skype

In base ai dati rilasciati da Google, nel documento “Three years of the right to be forgotten” risulta che, dal 2016, ossia da quando si registra questo tipo di operazione, a oggi  Google ha ricevuto 2,4 milioni di richieste di cancellazione.

Nel report presentato da Google è presente anche la ripartizione dei gruppi che hanno presentato più richieste: i privati cittadini sono titolari del 90% di tutte le richieste e francesi, tedeschi e britannici sono titolari, sommati, del 50% del totale delle domande di oblio.

La top ten dei Paesi Ue per richieste di cancellazione. Google
Le imprese, i funzionari governativi e le personalità pubbliche hanno presentato meno del 7% delle richieste; Google, dal canto suo, ha dato seguito al 43% delle richieste, ravvisandone gli estremi di correttezza. Per intenderci: il diritto all’oblio non riguarda tutto quello che vogliamo venga dimenticato e che non ci piace del nostro passato, ma solo precise categorie di informazioni che possono essere lesive della nostra reputazione e delle nostra vita attuale.

“Abbiamo identificato due categorie dominanti di richieste – spiegano dal motore di ricerca -: le informazioni personali trovate su social media e sui siti di directory e le informazioni sulla storia legale e professionale riportate dalle agenzie di stampa e dalle pagine governative“.

Il report (tra le righe del quale si legge una certa insoddisfazione di Google nel seguire i dettami dell’UE in fatto di privacy e oblio) è stato rilasciato non a caso a poche settimane dall’entrata in vigore, il prossimo 25 maggio, del nuovo Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali e soprattutto a poche ore dalla prima sentenza inglese in fatto di diritto all’oblio. L’Alta Corte di Londra sarà chiamata a decidere se un truffatore condannato abbia diritto o meno a chiedere la cancellazione della sua storia giudiziaria dalla rete.

2,4 milioni di richieste di cancellazione ricevute da Google in Europa da quando c’è la legge su diritto all’oblio