ALLERTA PERICOLI INFORMATICI

Un nuovo bug in Microsoft Windows potrebbe consentire agli hacker di installare facilmente un rootkit

Un nuovo bug in Microsoft Windows potrebbe consentire agli hacker di installare facilmente un rootkit
Written by gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
Google Play
Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
Google Play
Apple Store

I ricercatori di sicurezza hanno rilevato un punto debole senza patch nella tabella binaria della piattaforma Microsoft Windows (WPBT) che interessa tutti i dispositivi basati su Windows a partire da Windows 8 che potrebbe essere potenzialmente sfruttato per installare un rootkit e compromettere l’integrità dei dispositivi.

“Questi difetti rendono ogni sistema Windows vulnerabile ad attacchi facilmente realizzabili che installano tabelle fraudolente specifiche del fornitore”, hanno affermato i ricercatori di Eclypsium in un rapporto pubblicato lunedì. “Queste tabelle possono essere sfruttate da aggressori con accesso fisico diretto, con accesso remoto o attraverso le catene di approvvigionamento del produttore. Ancora più importante, questi difetti a livello di scheda madre possono ovviare a iniziative come Secured-core a causa dell’uso onnipresente di ACPI [Advanced Configuration and Power Interfaccia] e WPBT.”

Intermezzo promozionale ... continua la lettura dopo il box:

WPBT, introdotto con Windows 8 nel 2012, è una funzionalità che consente al “firmware di avvio di fornire a Windows un binario della piattaforma che il sistema operativo può eseguire”.

In altre parole, consente ai produttori di PC di puntare a un eseguibile portatile firmato o ad altri driver specifici del fornitore che fanno parte dell’immagine ROM del firmware UEFI in modo tale che possa essere caricato nella memoria fisica durante l’inizializzazione di Windows e prima dell’esecuzione qualsiasi codice del sistema operativo.

L’obiettivo principale di WPBT è consentire a funzionalità critiche come il software antifurto di persistere anche in scenari in cui il sistema operativo è stato modificato, formattato o reinstallato. Ma data la capacità della funzionalità di avere tale software “attaccato al dispositivo indefinitamente”, Microsoft ha avvertito di potenziali rischi per la sicurezza che potrebbero derivare da un uso improprio di WPBT, inclusa la possibilità di distribuire rootkit su macchine Windows.

“Poiché questa funzionalità offre la possibilità di eseguire in modo persistente il software di sistema nel contesto di Windows, diventa fondamentale che le soluzioni basate su WPBT siano il più sicure possibile e non espongano gli utenti di Windows a condizioni sfruttabili”, osserva il produttore di Windows nella sua documentazione. “In particolare, le soluzioni WPBT non devono includere malware (cioè software dannoso o software indesiderato installato senza un adeguato consenso dell’utente).”

La vulnerabilità scoperta dalla società di sicurezza del firmware aziendale è radicata nel fatto che il meccanismo WPBT può accettare un binario firmato con un certificato revocato o scaduto per aggirare completamente il controllo di integrità, consentendo così a un utente malintenzionato di firmare un binario dannoso con un già disponibile certificato scaduto ed eseguire codice arbitrario con privilegi kernel all’avvio del dispositivo.

In risposta ai risultati, Microsoft ha consigliato di utilizzare un criterio Windows Defender Application Control (WDAC) per controllare strettamente quali file binari possono essere eseguiti sui dispositivi.

L’ultima divulgazione segue una serie separata di risultati nel giugno 2021, che ha coinvolto una serie di quattro vulnerabilità – chiamate collettivamente BIOS Disconnect – che potrebbero essere utilizzate come arma per ottenere l’esecuzione remota all’interno del firmware di un dispositivo durante un aggiornamento del BIOS, evidenziando ulteriormente la complessità e sfide coinvolte nella protezione del processo di avvio.

“Questa debolezza può essere potenzialmente sfruttata tramite più vettori (ad es. accesso fisico, remoto e catena di approvvigionamento) e tramite più tecniche (ad es. bootloader dannoso, DMA, ecc.)”, hanno affermato i ricercatori. “Le organizzazioni dovranno prendere in considerazione questi vettori e utilizzare un approccio a più livelli alla sicurezza per garantire che tutte le correzioni disponibili vengano applicate e identificare eventuali potenziali compromessi per i dispositivi”.

Fonte : https://thehackernews.com

Rss Feeds:

Pubblica anteprima dei nostri articoli sul tuo sito :

  Inserisci questo codice per mostrare anteprima dei nostri articoli nel tuo sito e proteggi i tuoi navigatori dai rischi informatici

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).