ALLERTA PERICOLI INFORMATICI

Parlare ai bambini di Internet: il punto di vista di un bambino

Parlare ai bambini di Internet: il punto di vista di un bambino
Scritto da gestore

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
Google Play
Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
Google Play
Apple Store

Parlare con bambini e adolescenti non è sempre un compito facile – siamo stati tutti adolescenti prima, eh? Quando mi sono avvicinato per la prima volta a Xavier, 14 anni, per parlare di come interagisce con il mondo online, ero piuttosto preoccupato che sarei stato visto come un altro adulto che cercava di ridurre il suo tempo sullo schermo . E, per di più, dovrei spiegare che i suoi pensieri sarebbero stati utilizzati in un post sul blog in occasione della Giornata mondiale dei genitori e della Giornata dei bambini (che si celebra oggi in alcuni paesi), anche se sappiamo tutti che un 14 anni non è più un bambino!

Ma niente di tutto questo era un problema. Durante una videochiamata, ho spiegato a Xavier che questa intervista vuole essere una sorta di inizio di conversazione per genitori e figli sull’uso di Internet e la sicurezza, qualcosa come un punto di partenza per discussioni su un argomento che spesso causa disaccordi, se non accesi litigi, tra genitori e figli.

Intermezzo promozionale ... continua la lettura dopo il box:

Il mondo online fa parte del mondo reale?

Nonostante abbia solo 14 anni, Xavier ha già vissuto in alcuni paesi. Nato in Brasile, si è trasferito in Mozambico, poi in Portogallo e ora vive in Francia. Per questo motivo, mentre la maggior parte dei bambini della sua età ha frequentato forse solo due scuole, Xavier ha attraversato vari sistemi educativi e persino diverse lingue di insegnamento. Ma, soprattutto, ha conosciuto altri ragazzi in tutti questi posti, e si è fatto degli amici ovunque ha vissuto.

Questo è in parte il motivo per cui, ha detto Xavier, le piattaforme di social media sono l’unico modo per lui di tenersi in contatto con gli amici a diverse migliaia di chilometri di distanza, e talvolta anche con i suoi attuali compagni di scuola. “Uso WhatsApp, messaggi diretti anche su TikTok e Discord. Sono davvero timido come persona. Non sono un bravo sms e preferisco le videochiamate,” dice.

“Quindi pensi che la vita online sia la vita reale?” Mi chiedevo. “Sì, fa parte della mia vita. Mi comporto più come la persona che sono realmente”, ha ammesso. Offline, nel frattempo, dice che a volte ha paura di ciò che gli altri pensano di lui. “Non so perché non mi comporto più come me stesso. Ma ci sto lavorando su”.

Un luogo di (auto)scoperta

Quando è iniziato il blocco indotto dalla pandemia, tutti hanno dovuto improvvisamente adattarsi alla separazione fisica dai loro amici e compagni di scuola. In effetti, la scuola a domicilio ha cambiato la vita di tutti i ragazzi, non solo perché un laptop è diventato una necessità quotidiana (non accessibile a tutti). Per i più fortunati, invece, il tempo trascorso davanti agli schermi è diventato un problema minore poiché classi, compiti e intrattenimento erano tutti limitati a pochi metri quadrati. Per i genitori, questa è stata sia una benedizione che un incubo.

Per i bambini, principalmente per quelli nella loro adolescenza come Xavier, potrebbe anche essere diventato un momento silenzioso di scoperta di sé. “Poiché resterei a casa, trascorrevo parte del mio tempo libero giocando ai videogiochi, guardando programmi TV. E anche se sembra davvero brutto, in realtà mi ha aiutato. Mi ha fatto imparare un po’ di più su me stesso e sulla mia personalità. Mentre ero bloccato nella “modalità” online, ho avuto modo di sperimentare e capire nuove cose”.

Ad esempio, ha continuato Xavier, “mi ha aiutato ad avvicinarmi ad anime, fumetti, manga, libri e videogiochi che non sapevo esistessero… Prima mi piaceva la musica che ascoltavo alla radio, ma quando ho iniziato a cercare musica da solo online, ho scoperto che mi piacciono altri tipi di musica come il pop coreano ”.

Per Xavier, questa realtà in cui tutto quel contenuto è online, in cui “anche i nostri idoli sono online” è qualcosa che i genitori potrebbero non capire . Dimenticano, osserva, di avere “la televisione e le riviste, e ora tutto ciò che c’è su Internet”.

I bambini di tutte le generazioni, spiega Xavier, “sono solo curiosi e vogliono trovare cose nuove”, anche se è consapevole dei rischi che Internet ha per i bambini. “A meno che non sia pericoloso o inappropriato per la loro età, i genitori dovrebbero considerare di lasciare che i loro figli esplorino il mondo online con sicurezza e ‘scoprano se stessi’, anche se non senza una certa supervisione. I genitori potrebbero pensare che alcune cose siano scioccanti, perché è qualcosa a cui potrebbero non essere stati abituati, come jeans strappati o stivali grandi! È libertà di espressione. Le persone dovrebbero solo essere in grado di esprimersi”.

La maggior parte dei genitori avrà sentito parlare di Roblox, la piattaforma di gioco che è anche il servizio online preferito di Xavier. “Non è che tu abbia solo un videogioco specifico, però. Roblox è diverso da molte altre piattaforme in quanto è un’app che contiene diversi giochi, e i giochi non sono stati creati da Roblox, ma da veri adolescenti”. Roblox non è solo divertente, ma può anche fornire agli adolescenti alcune basi sulla programmazione e sulla modellazione 3D, il tutto aiutandoli a insegnare l’importanza del lavoro di squadra.

Significa che giochi con altri bambini? “Sì”, rispose Saverio. “Ci sono anche molti altri videogiochi in cui puoi giocare con gli amici. Uno dei giochi a cui gioco, Genshin Impact, è per lo più come il tuo mondo, e in realtà lo stai esplorando, ma a volte anche i tuoi amici possono partecipare”. Ma chi sono esattamente quegli “amici” è, comprensibilmente, la principale preoccupazione di un genitore, gli ho detto, alludendo in parte al “pericolo sconosciuto” online e alla necessità di essere cauti con le persone che i bambini non hanno mai incontrato nella vita reale.

Internet come strumento di studio

“Alcuni genitori potrebbero pensare che i bambini vadano su Internet solo per perdere tempo e che non li aiuti nei loro studi, ma in realtà ci sono così tante informazioni che forse nemmeno i tuoi insegnanti ti danno abbastanza”, afferma Xavier. Tutti i dispositivi sono diventati una fonte di conoscenza quasi illimitata e sono accessibili a quasi tutti, quindi “anche costose calcolatrici professionali possono essere utilizzate su Internet gratuitamente”.

“Internet non è solo una perdita di tempo, è anche un luogo per imparare”, e più della conoscenza scolastica, Internet ha anche “la conoscenza di cui i genitori potrebbero rifiutarsi di parlare. Ci sono argomenti di cui genitori e figli potrebbero essere troppo timidi per parlare e possiamo trovare molte risorse che ci rendono più aperti rispetto ai nostri genitori”. Internet, conclude Xavier, “ci fornisce molte più informazioni di quante i nostri genitori abbiano mai avuto accesso”.

In che modo i genitori possono aiutare i propri figli a rimanere al sicuro online?

Per Xavier, è chiaro che “è responsabilità dei genitori preparare i propri figli al mondo online e supervisionarli online”, sottolineando che lui stesso ha ancora bisogno del consenso dei genitori per giocare e utilizzare le app. Ma le cose non sono sempre lisce tra i due lati del tavolo da pranzo. Per aiutare a risolvere questo problema, Xavier suggerisce con le sue stesse parole questi cinque trucchi per aiutare gli adulti ad affrontare i loro piccoli:

  1. Tieni d’occhio tuo figlio, soprattutto quando inizia a utilizzare Internet per la prima volta. Potrebbero odiarlo e pensare che tu sia la persona peggiore del mondo, ma per il bene della loro stessa sicurezza, tienili d’occhio. Una volta che sono un po’ più grandi, prendi in considerazione l’idea di rilassare alcuni limiti o di lasciargli gradualmente un po’ di libertà.
  2. Conosci le app e i giochi utilizzati da tuo figlio e mostra loro i siti Web che possono utilizzare per trovare informazioni.
  3. Trova il tempo per giocare con i tuoi figli, in questo modo puoi vedere cosa fanno e farete un’attività insieme. In effetti, sii una sorta di “modello” per loro.
  4. Non dire semplicemente ai tuoi figli che non possono usare i social media: questo potrebbe solo spingerli a utilizzare comunque i siti e quel che è peggio, “di nascosto”. Invece, cerca di capire perché e come li usano e spiega loro i rischi.
  5. Configura account sullo stesso social media che usano. Proprio come le Kardashian che tutti seguono.

La conclusione è: “Cerca di esserci, ma dai anche un po’ di libertà. Non essere arrabbiato con noi: se vuoi farci capire qualcosa, devi spiegarla”.

Per approfondire le parole di Xavier (e nel caso non avessimo sottolineato abbastanza questo aspetto), la cosa fondamentale è stabilire un buon rapporto e mantenere aperte le linee di comunicazione con i tuoi figli. Garantire che utilizzino la tecnologia in modo responsabile e rimangano al sicuro online è un compito collaborativo. Potresti non essere in grado di controllare il loro accesso a Internet e le loro abitudini ovunque e 24 ore su 24, 7 giorni su 7, quindi è meglio dotarli delle giuste conoscenze e creare un ambiente in cui possano porre domande liberamente. Ascolta e fornisci loro consigli, assicurandoti che siano anche a conoscenza almeno delle minacce più comuni che devono affrontare online. Tutto ciò contribuirà notevolmente ad aiutarli a evitare cyberbullismo , adescamento , truffe e altri pericoli in agguato online.

Parole finali

Essendo cresciuto in un momento in cui Internet ha iniziato a diventare una parte vitale del mondo moderno, mi riconosco in molte delle parole di Xavier. I numerosi servizi e distrazioni disponibili a portata di mano dei bambini, tuttavia, rendono una grande sfida per i genitori e i tutori legali proteggere i propri figli dai danni. Se fino a qualche anno fa i pericoli erano nelle strade, essere al sicuro ora coinvolge anche gli ambienti online e virtuali: cosa leggono, cosa guardano, con chi parlano.

Alla fine, tuttavia, i bambini stanno crescendo con più abilità e una comprensione delle loro possibilità future ben oltre ciò che è passato per la mente delle generazioni adulte di oggi. Sta a noi, gli adulti, fare la nostra parte e aiutarli a navigare in queste immense risorse. Ma non dimentichiamo che per farlo, dobbiamo ‘integrarci’ in queste tecnologie e servizi per capire come funzionano. E cosa c’è di meglio che imparare insieme ai nostri bambini?

Fonte : https://www.welivesecurity.com/

Rss Feeds:

Pubblica anteprima dei nostri articoli sul tuo sito :

  Inserisci questo codice per mostrare anteprima dei nostri articoli nel tuo sito e proteggi i tuoi navigatori dai rischi informatici

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).