La tecnologia sta minando la nostra fiducia?


Giugno 14, 2019 Facebook Twitter LinkedIn Google+ ALLERTA PERICOLI INFORMATICI



Allerta Pericoli Informatici : scarica la nostra app e rimani sempre informato :


Servizio di Allerta Pericoli Informatici

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare

La tecnologia sta minando la nostra fiducia?
Gustafsson (Darktrace): se l’essere umano è ancora l’anello debole della sicurezza, l’Intelligenza Artificiale ha la capacità di proteggere l’infrastruttura digitale
Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
numero di 19/06/2019Idee e opinioni

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto

vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

Negli ultimi 200 anni abbiamo assistito al susseguirsi di un turbinio di invenzioni tecnologiche. Gli aeroplani ci hanno permesso di eliminare le distanze, la risonanza magnetica ci ha consentito di esplorare i meccanismi più nascosti del nostro cervello, Internet ha reso tutto più facile da reperire e ora siamo più connessi che mai.
I limiti della nostra vita fisica sono sempre meno definiti, tanto più ci avviciniamo alla realtà virtuale, e la nostra dipendenza dalle app e dai servizi diventa totale. Eppure, tra lo scandalo di Cambridge Analytica e il famoso Panama Papers, nella società moderna si sta rapidamente diffondendo una mancanza di fiducia generale nella tecnologia che diventa un ulteriore punto di forza per i criminali informatici, permettendo loro di realizzare facili guadagni.
Le informazioni riservate di politici e diplomatici, un tempo del tutto al sicuro, oggi vengono estorte ed esposte pubblicamente online e più dettagli segreti rivelano, più gli hacker sono in grado di manipolare l’opinione pubblica.
Un trend pericoloso, che oggi gli Stati stessi tendono a cavalcare. Lo dimostra, ad esempio, il report di Robert Mueller che contiene “prove decisive” di come la Russia abbia interferito nelle elezioni presidenziali americane del 2016, attraverso una campagna coordinata di disinformazione e tramite l’hacking delle email del team elettorale di Hillary Clinton. Oltre a diffondere una generale sfiducia nella capacità delle aziende private di proteggere i dati, questa interferenza calcolata tende a manipolare le opinioni dei singoli cittadini, distruggendo la fiducia nel sistema vero e proprio della democrazia.
Politica a parte, minare la fiducia oggi diventa una questione che ha a che fare sempre più con la vita privata di ogni singolo cittadino; di recente, Singapore è stata vittima di tre gravi data breach in ambito sanitario, l’ultima delle quali ha implicato l’accesso illegale a 800.000 dati personali appartenenti a donatori di sangue. La successione degli attacchi e la loro portata ha alimentato timori crescenti rispetto alla capacità del Paese di proteggere le informazioni sensibili della sua popolazione.
Anche il sistema sanitario nazionale britannico ha subito un violento attacco hacker lo scorso anno ad opera del ransomware Wannacry, a testimonianza della crescente fragilità di servizi critici, sempre più digitalizzati. L’infrastruttura che sostiene i servizi, infatti, è stata anch’essa rivoluzionata dalla tecnologia moderna: in risposta alla crescente consapevolezza e confidenza dei consumatori, la tecnologia ha consentito al settore energetico e a quello delle utility di offrire servizi più affidabili, di migliore qualità e maggiormente sostenibili. Eppure, nel 2015, un sofisticato attacco informatico alla rete elettrica dell’Ucraina ha causato un black-out in tutta Kiev, lasciando i cittadini al buio per oltre 6 ore. In definitiva, è proprio la trasformazione digitale che permea la nostra epoca ad averci traghettato in un’era in cui i rischi informatici per le infrastrutture possono tradursi in effetti tangibili sul mondo fisico.
In un contesto così critico, la diffusione capillare della tecnologia in tutti gli aspetti della società comporta un onere supplementare per gli Stati che devono cercare urgentemente di ricostruire la fiducia dei cittadini nella propria capacità di proteggere i dati e offrire servizi affidabili. Se da una parte l’abitudine pericolosa e diffusa di prendere in considerazione la sicurezza solo a posteriori ha innegabilmente reso più complesse le sfide di sicurezza, la soluzione non può di certo essere il tornare indietro, all’era analogica.
Le sfide della cyber difesa si possono e si devono necessariamente affrontare, e la chiave per farlo è l’innovazione. È tempo di far sì che la tecnologia stessa diventi parte della soluzione e questo può avvenire solo con l’intelligenza artificiale.
L’essere umano, infatti, rimane l’anello debole e il maggiore rischio in termini di sicurezza, per questo gli attacchi di spear-phishing, cioè la pratica di infettare i sistemi tramite l’invio di malware via posta elettronica ai dipendenti meno attenti, continuano a essere il modo più efficace di infiltrarsi in un’organizzazione.
A differenza degli esser umani,l’intelligenza artificiale è sempre attiva: può elaborare serie di dati molto vaste e trarre insight significativi in pochi secondi. In questo modo, l’IA sovrintende alla capacità dei responsabili della sicurezza di rilevare e contrastare alcune delle minacce informatiche più avanzate. Ecco perché dobbiamo affidarci all’intelligenza artificiale, che ha il potere di proteggere l’infrastruttura digitale su cui si basano l’intero sistema sanitario, la democrazia e i servizi critici. L’AI ha già dimostrato, ad esempio, di essere in grado di fermare un attacco ransomware in atto, e lo ha fatto consentendo di rivelare le campagne di spionaggio più sottili promosse da alcune Nazioni, senza che si rendesse necessario l’intervento umano.
Tuttavia, ci vuole tempo perché le persone imparino a fidarsi così tanto della tecnologia da consentire che processi democratici e infrastrutture critiche siano protetti in maniera totalmente autonoma. Per non rischiare che l’IA porti a ulteriori risentimenti e diffidenze, chi innova dovrà prendere atto del percorso che è necessario avviare e integrare nelle tecnologie del futuro delle funzionalità che alimentino la fiducia degli esseri umani negli algoritmi.

In conclusione, anche se l’intelligenza artificiale non è di certo la panacea per tutti i mali della società, ritengo che sicuramente svolgerà un ruolo importante permettendoci di contrastare l’erosione della fiducia nelle nostre istituzioni.
In un futuro non troppo lontano, i sistemi di realtà aumentata combinati con i dispositivi wearable ci permetteranno di partecipare virtualmente alle riunioni delle giunte comunali o ai dibattiti su nuove leggi anche da centinaia di chilometri di distanza. Dispositivi di VR, AR e wearable diventeranno sempre più comuni e offriranno opportunità illimitate ai cittadini per potersi impegnare sempre più a fondo nei processi decisionali della politica.
Dovremmo essere entusiasti di ciò che riserverà il futuro, ricordandoci però che il suo vero potenziale potrà essere sbloccato solo dando il giusto valore alla capacità dell’intelligenza artificiale di risolvere i nostri problemi, permettendole in particolare di ricostruire il clima di fiducia nella tecnologia.

Poppy Gustafsson, Co-CEO di Darktrace
In conclusione, anche se l’intelligenza artificiale non è di certo la panacea per tutti i mali della società, ritengo che sicuramente svolgerà un ruolo importante permettendoci di contrastare l’erosione della fiducia nelle nostre istituzioni.
In un futuro non troppo lontano, i sistemi di realtà aumentata combinati con i dispositivi wearable ci permetteranno di partecipare virtualmente alle riunioni delle giunte comunali o ai dibattiti su nuove leggi anche da centinaia di chilometri di distanza. Dispositivi di VR, AR e wearable diventeranno sempre più comuni e offriranno opportunità illimitate ai cittadini per potersi impegnare sempre più a fondo nei processi decisionali della politica.
Dovremmo essere entusiasti di ciò che riserverà il futuro, ricordandoci però che il suo vero potenziale potrà essere sbloccato solo dando il giusto valore alla capacità dell’intelligenza artificiale di risolvere i nostri problemi, permettendole in particolare di ricostruire il clima di fiducia nella tecnologia.

Poppy Gustafsson, Co-CEO di Darktrace

http://www.businesscommunity.it/m/20190619/idee/la-tecnologia-sta-minando-la-nostra-fiducia.php

Servizio di Allerta Pericoli Informatici

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

I segreti della Truffa online : come smascherare un truffatore

Questa sezione del nostro portale di assistenza sui rischi informatici desidera offrire un aiuto a tutti coloro che sono stati vittima di una truffa online o hanno il sospetto di avere a che fare con un truffatore.

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).

Soluzioni Backup per tutte le esigenze anche con criptazione dati

La nostra società offre un servizio completo per le esigenze di backup di privati ed aziende. Lasciatevi consigliare dai Professionisti del Backup per conservare i vostri dati sempre al sicuro e protetti con le migliori tecnologie a disposizione in ottemperanza dei nuovi decreti in materia di protezione dei dati personali ed in osservanza a tutte le normative europee vigenti, anche con crittografia end-to-end per salvaguardare il valore dei vostri contenuti.

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online



Rss Feeds: