Sicurezza informatica Sicurezza Informatica Report

INTERNET E POLITICA 6 Condivisioni I cyber attacchi costano 400 miliardi, l’Europa affila le armi

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google newsallerta pericoli informatici su flickr

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
allerta pericoli informatici
app google store allerta pericoli informatici Google Play
app apple store allerta pericoli informatici Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
aiutamisi app
app su google store per avere informazioni utili Google Play
app su apple store per avere informazioni utili Apple Store

Quattrocento miliardi di euro: tanto costano all’economia mondiale, ogni anno, i cyber attacchi. Per questo è importante una strategia di sicurezza e di difesa che non può essere confinata alle frontiere nazionali.

E per questo l’Europa è al lavoro per dotarsi di strumenti sempre più efficaci e capaci di fronteggiare una sfida in continua evoluzione.

“Il Cybersecurity Act è una proposta della Commissione europea per creare un nuovo sistema di certificazione della sicurezza di prodotti e dei servizi digitali” e rafforzare il ruolo dell’Enisa (l’Agenzia dell’Ue per la sicurezza delle reti e dell’informazione), ha spiegato Beatrice Covassi, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione, aprendo l’evento ‘Il Cybersecurity Act: strategia europea e priorità dell’Italia’, nell’ambito del mese della sicurezza informatica in Europa.

“In un mondo interconnesso – ha aggiunto – tutto è un possibile obiettivo di cyberattacchi, comprese le infrastrutture critiche come per esempio luce e acqua” e l’Europa “è a macchia di leopardo, con una serie di punti di debolezza”.

L’obiettivo è quello di approvare la nuova normativa entro la fine della presidenza di turno austriaca e, nel prossimo bilancio Ue per il periodo 2021-2027, ha detto ancora Covassi, saranno investiti due miliardi di euro nel settore della cybersicurezza. I dati forniti dal’Unione europea sono allarmanti.

Nell’ultimo anno l’80 per cento delle imprese europee ha subito almeno un incidente legato alla cybersicurezza e in alcuni Stati membri i reati informatici costituiscono il 50% di tutti i reati commessi.

Per dare un’idea dell’entità del problema, basta ricordare che nel maggio 2017 oltre 150 Paesi e più di 230 mila sistemi sono stati colpiti dall’attacco ‘Wannycry’ con gravi ripercussioni su servizi essenziali connessi a internet come per esempio ospedali e soccorsi in ambulanza.

“La cybersicurezza non è un concetto da relegare agli addetti ai lavori perché è diventata uno dei temi fondanti nel nostro mondo”, ha sottolineato Nunzia Ciardi, direttore del servizio di Polizia Postale e delle Comunicazioni.

“In termini di protezione delle infrastrutture critiche l’Italia è tra i primi al mondo. Parlare di questo significa parlare di protezione del Sistema Paese”, ha rilevato, ma “la cybersicurezza non può essere realizzata su base nazionale” e “la normativa europea può essere un validissimo supporto”.

Intermezzo promozionale ... continua la lettura dopo il box:

(Il Faro online)

I cyber attacchi costano 400 miliardi, l’Europa affila le armi