I consigli di Google e Microsoft per evitare furti e malware : da password ad antivirus, le regole della cybersicurezza


Febbraio 5, 2019 Facebook Twitter LinkedIn Google+ ALLERTA PERICOLI INFORMATICI



Allerta Pericoli Informatici : scarica la nostra app e rimani sempre informato :


Servizio di Allerta Pericoli Informatici

Password sicure e antivirus aggiornati, prudenza nel pubblicare e nell’usare connessioni pubbliche a internet, attenzione agli sconosciuti e a ciò su cui si clicca. In occasione del Safer Internet Day, Google e Microsoft hanno diffuso alcuni consigli sulla sicurezza online. Ecco il decalogo per evitare i rischi della rete.

La prima regola è usare una password efficace e diversa per ogni account (quella dell’email non deve essere uguale a quella della banca o di Instagram). Per ricordarla, si può usare una password composta da una sequenza di caratteri significativa per l’utente e uguale per tutti gli account (ad esempio “1#A#M”), unita ad altri caratteri che variano in base al sito, ad esempio la parola “blu” per Facebook (“1#A#Mblu”).

Tra le misure di sicurezza è consigliato dotarsi di un programma antivirus, che va costantemente aggiornato così come gli altri software, dalle app ai sistemi operativi di computer e telefoni. Sul fronte delle app, è bene scaricarle solo da fonti ufficiali, come l’App Store di Apple e il Play Store di Google.

Fondamentale è tenere sempre a mente che le azioni compiute online possono avere conseguenze anche offline. Ciò significa che è bene evitare di diffondere online informazioni personali come l’indirizzo di casa, ma evitare anche di offendere, per non rischiare accuse di ingiuria o diffamazione. Va inoltre ricordato che ciò che si pubblica difficilmente scompare dalla rete (impossibile essere certi che nessuno abbia fatto lo screenshot di una foto o un commento).

D’altro canto, l’utente stesso potrebbe dimenticare la password e perdere così l’accesso a ciò che ha pubblicato. Per questo occorre impostare un numero di telefono o una mail di recupero. Le richieste di contatto degli sconosciuti vanno respinte, perché potrebbero provenire da un un criminale informatico. E va fatta attenzione a dove si clicca, perché un link innocente come un gioco può scaricare malware su smartphone o pc. Attenzione, infine, anche alle reti wi-fi pubbliche: non sono sicure, quindi meglio non usarle per condividere informazioni riservate.

Da password a antivirus, le regole della cybersicurezza

Servizio di Allerta Pericoli Informatici

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

I segreti della Truffa online : come smascherare un truffatore

Questa sezione del nostro portale di assistenza sui rischi informatici desidera offrire un aiuto a tutti coloro che sono stati vittima di una truffa online o hanno il sospetto di avere a che fare con un truffatore.

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).



Rss Feeds: