Diffamazione online

Accolto il ricorso contro l’archiviazione del procedimento a carico di un soggetto accusato di diffamazione nei confronti di una persona defunta

Allerta Pericoli Informatici sui Social :
allerta pericoli informatici su facebookallerta pericoli informatici su linkedinallerta pericoli informatici su twitterallerta pericoli informatici su pinterestallerta pericoli informatici su itunes podcast allerta pericoli informatici su telegramallerta pericoli informatici su google news

APP 1 : Allerta Pericoli Informatici
Google Play
Apple Store
APP 2 : AiutamiSi ( tanti servizi gratuiti )
Google Play
Apple Store

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 21209/2017, si è pronunciata su un controversia in tema di diffamazione nei confronti di una persona defunta . In particolare, l’attore aveva sporto querela nei confronti di un soggetto reo, a suo avviso, di aver offeso la memoria di un proprio congiunto, nel frattempo deceduto.

Il Giudice di Pace in prima istanza, aveva disposto l’archiviazione del procedimento. La sentenza era stata impugnata davanti alla Suprema Corte. Il ricorrente, in particolare, eccepiva la violazione del contraddittorio. Il provvedimento era stato infatti emesso nella pendenza del termine per proporre opposizione alla richiesta di archiviazione.

Gli Ermellini hanno ritenuto di aderire a tale doglianza, accogliendo il ricorso in quanto fondato.
La Cassazione ha chiarito che integra una violazione del diritto al contraddittorio il giudice che proceda all’archiviazione anteriormente alla scadenza del termine di dieci giorni previsto per la proposizione di eventuale atto di opposizione.

Inoltre, per il Collegio, è fuor di dubbio che l’obbligo di rispettare il suddetto termine sussista a prescindere dalla fondatezza della richiesta di archiviazione. Ciò anche quando con questa sia stato prospettato, come avvenuto nel caso di specie, che il querelante non sia la persona offesa del reato. Questi, infatti, ha diritto di sottoporre al giudice gli elementi di prova a sostegno della propria pretesa.

Nel caso in esame, peraltro, il ricorrente doveva ritenersi in astratto persona offesa del reato ai sensi dell’art. 597 comma 3 del codice penale.
La disposizione, infatti, prevede due ipotesi distinte per il caso in cui l’offeso sia deceduto prima di aver esercitato il diritto di querela per l’offesa subita, e per quello, diverso, di offesa alla sua memoria.

Nella prima ipotesi, ai prossimi congiunti viene devoluto iure successionis il diritto di presentare la querela non esercitato dal loro congiunto. Ciò in deroga a quanto previsto dalla normativa. Questa, infatti, esclude la trasmissione ereditaria del diritto di querela, ritenuto altrimenti un diritto personalissimo destinato perciò ad estinguersi alla morte del suo titolare.

Nella diversa ipotesi di offesa alla memoria del defunto, invece, i soggetti elencati nell’ultimo capoverso dell’art. 597 vantano iure proprio il diritto di presentare la querela. Essi stessi si qualificano come i soggetti passivi dell’offesa, in quanto titolari dell’interesse a difendere la memoria del loro congiunto.

E’ in quest’ultimo senso, stando agli atti, che nel caso in esame l’attore ha proposto querela nei confronti degli indagati. Quindi, è indubitabile che il giudice non potesse disporre l’archiviazione del procedimento nella pendenza del termine per proporre opposizione.

Diffamazione nei confronti di una persona defunta, il reato sussiste?

Alcuni dei Nostri Servizi più richiesti :

Copia Autentica Pagina Web

Copia Autentica Pagina Web

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di autenticazione o copia conforme con valore legale di una pagina web o di una pagina di un social network per ogni tipo di contenuto ( testi, immagini, commenti, video, audio, tag ... ) che viene acquisito in modalità forense.

Denuncia per diffamazione su internet o sui social

Il nostro studio fornisce un servizio professionale di supporto e raccolta di prove informatiche con valore legale per effettuare una denuncia per diffamazione su internet o sui social network

MONITORAGGIO DELLA REPUTAZIONE ONLINE PERSONALE E AZIENDALE

La nostra società è in grado di offrirvi il Migliore Servizio di Monitoraggio sul web per tutelare la vostra reputazione personale e/o aziendale.

Servizio professionale per la rimozione di recensioni negative

Il nostro studio fornisce un servizio professionale anche di supporto legale per la rimozioni di recensioni online negative, offensive o comunque inappropriate (recensioni negative su tripadvisor, google ...)

I segreti della Truffa online : come smascherare un truffatore

Questa sezione del nostro portale di assistenza sui rischi informatici desidera offrire un aiuto a tutti coloro che sono stati vittima di una truffa online o hanno il sospetto di avere a che fare con un truffatore.

Certificazione Chat WhatsApp anche da Remoto

La certificazione di una chat WhatsApp che conferisce ad un messaggio ricevuto il valore di una prova legale, può essere eseguita anche da remoto da uno studio di informatica forense ( ricordiamo che uno screenshot non è ritenuto una prova valida ai fini legali ).

Soluzioni Backup per tutte le esigenze anche con criptazione dati

La nostra società offre un servizio completo per le esigenze di backup di privati ed aziende. Lasciatevi consigliare dai Professionisti del Backup per conservare i vostri dati sempre al sicuro e protetti con le migliori tecnologie a disposizione in ottemperanza dei nuovi decreti in materia di protezione dei dati personali ed in osservanza a tutte le normative europee vigenti, anche con crittografia end-to-end per salvaguardare il valore dei vostri contenuti.

Estorsione o ricatto sessuale online : cosa fare e cosa non fare

Il nostro studio fornisce un servizio professionale con assistenza legale nei casi di estersione o ricatti online



Rss Feeds: