Come ci stiamo preparando alla nuova normativa europea in materia di protezione dei dati


maggio 11, 2018 Facebook Twitter LinkedIn Google+ Notizie Informatiche


By Claudio L’anno scorso abbiamo parlato dell’impegno di Google nell’adeguarsi al nuovo Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali (GDPR), in tutti i servizi che forniamo nell’Unione europea. Stiamo lavorando per adeguarci al nuovo regolamento da diciotto mesi e, prima che la nuova legge entri in vigore, vogliamo fornirvi un aggiornamento su alcuni passi importanti che abbiamo compiuto.Stiamo aggiornando la nostra attuale Policy sulla Privacy per rendere più semplice la comprensione del tipo di informazioni che raccogliamo e del perché lo facciamo. Abbiamo migliorato la navigazione e l’organizzazione della policy per rendere più facile la vostra ricerca; vi abbiamo fornito spiegazioni dettagliate sulle nostre prassi, utilizzando anche un linguaggio più chiaro e abbiamo aggiunto maggiori informazioni in merito alle opzioni a vostra disposizione per gestire, esportare ed eliminare dati dai nostri servizi. La policy ora comprende anche video e immagini esplicativi, perché una descrizione visiva può essere di più semplice comprensione rispetto al solo testo. Abbiamo anche reso più semplice accedere alle vostre impostazioni per la privacy direttamente dalla policy, per aiutarvi a prendere decisioni su come gestire la vostra privacy. Stiamo sì facendo svariati passi perché sia più facile comprendere le nostre policy, ma è importante sottolineare che nulla cambia riguardo alle vostre attuali impostazioni o al modo in cui le vostre informazioni vengono trattate. Continuerete ad avere un controllo granulare sui dati che condividete con noi durante l’utilizzo dei nostri servizi, ma con spiegazioni più chiare. La nostra policy aggiornata è già disponibile e la segnaleremo tramite e-mail a tutti i nostri utenti individualmente. Ogni giorno, quasi 20 milioni di persone in tutto il mondo accedono ad Account personale, la pagina che riunisce tutti i diversi modi in cui è possibile rivedere le impostazioni di sicurezza, privacy e le impostazioni sugli annunci pubblicitari del vostro account Google. Nell’ambito dei nostri sforzi per adeguarci al GDPR, abbiamo migliorato sia i controlli sia la chiarezza delle informazioni presenti in Account personale, per far sì che gli utenti siano maggiormente informati su come e perché vengono raccolti i loro dati. Nell’area Account personale, potete:Utilizzare Gestione Attività per scegliere quali attività vengono salvate nel vostro account Google. Offriamo semplici controlli On/Off per gestire la cronologia delle posizioni, le attività web e app, la cronologia delle ricerche YouTube e altro ancora su tutti i dispositivi su cui siete loggati nel vostro account.Visualizzare o eliminare dati (tra cui la cronologia delle ricerche, quella delle posizioni o della navigazione su web e molto altro) dai nostri servizi utilizzando l’area Le mie attività. Perché possiate facilmente consultare le vostre attività online, abbiamo realizzato strumenti che consentono di cercare per argomento, data e prodotto. Potete eliminare in modo permanente specifiche attività, intere giornate o settimane di attività che non desiderate siano associate al vostro account. Fare il Controllo di Sicurezza o il Controllo Privacy per accertarvi che il vostro account sia sicuro e che le impostazioni sulla privacy selezionate siano quelle che fanno al caso vostro. Di recente abbiamo aggiunto un’opzione per ricevere più frequentemente gli avvisi che ricordano di eseguire il Controllo Privacy. Gestire o disattivare gli annunci che vedete su Google, siti web e app utilizzando gli strumenti Impostazione Annunci e Disattiva Annunci, entrambi recentemente aggiornati. Abbiamo anche aggiunto ulteriori informazioni su come e perché determinati annunci sono personalizzati e, nei prossimi mesi, continueremo a semplificare ulteriormente l’interfaccia di questi strumenti. Ottenere tramite Google Dashboard una chiara panoramica di tutti i prodotti Google che utilizzate e dei dati ad essi associati. Recentemente abbiamo reso la dashboard più mobile-friendly, così è più facile da utilizzare su diversi dispositivi.Migliore portabilità dei datiDa quando è stato lanciato nel 2011, le persone in tutto il mondo hanno utilizzato lo strumento Scarica i tuoi dati per esportare i dati da prodotti come Google Foto, Drive, Calendar, Google Play Music e Gmail, esportandoli tanto sul proprio computer quanto su servizi di archiviazione come OneDrive, Dropbox e Box. Stiamo migliorando e ampliando ulteriormente questa funzione, includendo altri servizi Google, aggiungendo nuovi controlli contestuali sui dati e creando anche una nuova impostazione che aiuti le persone a pianificare l’esportazione dei dati su base regolare.Sebbene ormai da diversi anni consentiamo alle persone di scaricare i dati dai nostri servizi, il GDPR incoraggia le aziende a rendere possibile il trasferimento diretto dei dati, laddove possibile, da un servizio all’altro, ad esempio da Google Foto ad un altro servizio di foto. Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo recentemente dato vita al Data Transfer Project su GitHub, fornendo un codice open source ancora ai primi stadi che, nel tempo, sarà utile ad ogni sviluppatore che voglia offrire la possibilità di trasferire in modo semplice i dati direttamente da un servizio a uno alternativo (o viceversa). Consenso dei genitori e migliori strumenti online per i bambini Secondo le nuove regole, le aziende devono ottenere il consenso dei genitori per trattare i dati dei loro figli in determinate circostanze. Al fine di ottenere tale consenso e per assicurarci che genitori e figli abbiano gli strumenti adeguati per gestire le proprie esperienze online, renderemo disponibile in Europa Family Link, già disponibile in vari paesi nel mondo. Attraverso Family Link i genitori possono creare un account Google per i propri figli e devono fornire il consenso per alcuni trattamenti dei dati dei figli. Family Link consente anche ai genitori di impostare alcune regole di base sul dispositivo Android dei figli, come ad esempio approvare o bloccare app, tenere d’occhio il tempo passato davanti allo schermo o bloccare da remoto il dispositivo dei propri figli. Abbiamo in programma di ampliare, con il tempo, le funzionalità di Family Link, lavorando a stretto contatto con i genitori e associazioni per la protezione dei minori . Supportare le nostre aziende clienti e partner Il GDPR crea nuovi obblighi per Google e per qualsiasi impresa che fornisca servizi alle persone nell’Unione Europea, inclusi i nostri partner in tutto il mondo: inserzionisti, publisher, sviluppatori e clienti di Cloud. Abbiamo lavorato con loro per prepararci al 25 maggio, consultandoci con le autorità, associazioni della società civile, accademici, associazioni di settore altri ancora. Per i nostri partner pubblicitari, abbiamo specificato come cambieranno le nostre policy pubblicitarie quando entrerà in vigore il GDPR. Chiediamo già ai publisher di ottenere il consenso dei loro utenti per l’utilizzo della nostra tecnologia pubblicitaria sui loro siti e app in base alla legislazione vigente, ma ora abbiamo aggiornato tale requisito per allinearlo con quelli definiti dal GDPR. Lavoriamo, inoltre, a stretto contatto con i nostri partner nel mondo publisher per fornire una gamma di strumenti che consentano loro di raccogliere il consenso degli utenti e abbiamo realizzato una soluzione per i publisher che desiderano mostrare annunci non personalizzati, utilizzando quindi solo informazioni legate al contesto. Per i nostri clienti cloud, abbiamo aggiornato i termini per il trattamento dei dati per G Suite e Google Cloud Platform (GCP) e fornito informazioni dettagliate ai clienti in merito al nostro approccio alla portabilità dei dati, alle notifiche di eventuali data incident, sulla nostra infrastruttura e su audit e certificazioni di terze parti, tra le altre cose. Per maggiori informazioni, visitate il blog di Google Cloud Platform. Potenziamento del nostro programma di privacy compliance Nell’ultimo decennio, Google ha creato un solido programma per adeguarsi alle normative in tema di privacy a livello globale, accettando consigli dalle autorità privacy di tutto il mondo. In tutta l’azienda ci sono dei team dedicati di ingegneri ed esperti in materia di compliance che si occupano a tempo pieno di privacy, assicurando che nessun prodotto Google venga lanciato senza una revisione completa della privacy. Inoltre, abbiamo ulteriormente migliorato il nostro programma sulla privacy, migliorando i processi di revisione del lancio dei prodotti e documentando in modo più completo il trattamento dei dati, in linea con i requisiti di responsabilità del GDPR. Questa è una fotografia di quello che abbiamo fatto sino ad ora per essere pronti per il 25 maggio 2018. Tuttavia, il nostro impegno per adeguarci al GDPR, e i diritti che esso dà alle persone, continueranno anche dopo questa data. A mano a mano che i nostri prodotti evolveranno, continueremo a migliorare il nostro programma sulla privacy e le protezioni che offriamo agli utenti. Il nostro obiettivo è quello di avere gli standard più alti possibili in tema di privacy e sicurezza dei dati e di dare ai nostri utenti e partner il pieno controllo dei loro dati. Scritto da: William Malcolm, Director, Privacy Legal, EMEA

Fonte: http://feedproxy.google.com/~r/GoogleItaliaBlog/~3/iSp_dpgnkm0/come-ci-stiamo-preparando-alla-nuova.html