Diffide Legali su WhatApp per tutelare immagini personali

---

Diffida preventiva : diffide Legali su WhatApp ® per tutelare immagini personali non ancora pubblicate.

Il pericolo o il timore che una persona pubblichi nostre foto o foto di nostri figli o che riguardano il nostro mondo personale, senza autorizzazione, è molto elevato. Nello specifico amoroso è sufficiente che una storia d’amore finisca in malo modo che una delle due parti per vendetta potrebbe pubblicare le foto del partner senza il suo permesso ( fenomeno che nei peggiori dei casi vede la pubblicazione di video o foto a luci rosse - revenge porn ). Per questo motivo nasce un servizio economico e veloce per la Tutela delle Immagini Personali tramite diffida preventiva con valore Legale su WhatsApp ®.

 

 

Diffide Legali su WhatApp per tutelare immagini personali


Quello che vi offriamo è un sistema innovativo per tutelare le vostre immagini personali, o dei vostri figli o di nudo che avete condiviso o inviato ad una persona ( ad esempio un nostro ex compagno o una nostra ex compagna) o che sono state sottratte dal vostro telefono o da altro dispositivo o account personale, per richiederne l'immediata cancellazione e/o proibirne la pubblicazione online. Una diffida preventiva molto utile ed importante.


L'unica condizione richiesta per poter procedere è conoscere il numero di cellulare della persona in questione e che questa sia iscritta a WhatsApp ®.


I messaggi inviati su WhatsApp ® hanno infatti valore legale se autenticati con copia autentica ( per approfondimenti click qui https://www.analisiforense.eu/certificazione_chat_whatsapp_da_remoto.php )


Il servizio di Diffida Legale Online preventiva si struttura come segue :


1)            Le prepariamo il testo da inviare citando tutte le normative necessarie, sia per richiedere la cancellazione delle sue foto, sia per annunciare eventuali azioni legali qualora venissero pubblicate sue immagini pubblicamente, con indicazioni sulle pene previste dalla legge italiana e a suo vantaggio l’aggravante di aver già avvisato l’interlocutore che non potrà addure alcuna scusa o non conoscenza dei reati ai quali sarebbe andato incontro ( questo per intimorire maggiormente la persona che riceve il messaggio )
2)            Lei invia il nostro testo su whatsapp ® alla persona in possesso delle sue immagini
3)            Se si attiva la doppia spunta a garanzia che il messaggio è stato letto noi eseguiremo la copia autentica della missiva. In questo modo lei avrà una prova con valore legale di aver informato la persona della sua richiesta di cancellazione e divieto di pubblicazione. La copia autentica verrà fatta da remoto senza bisogno che ci invii il suo cellulare ( è sufficiente una connessione internet ed il suo cellulare con attivo whatsapp ).
4)            Con la copia autentica e la relazione accompagnatoria invieremo a nostra volta il messaggio alla persona da lei indicata sempre su WhatsApp ®. Nel messaggio gli invieremo il link per poter scaricare la copia autentica e faremo riferimento al nostro sito come consulenti esperti di informatica legale che agiscono per suo conto a tutela della sua immagine. Per procedere in tal senso il cliente dovrà compilare un modulo con valore legale nel quale ci conferirà l’incarico.


Onde evitare spiacevoli malintesi qualora il lettore pensasse di poter agire in modo autonomo vi ricordiamo che uno screenshot non ha valore legale e che la diffida online ha un senso solo se eseguita esattamente come indicato nei punti 1,2,3,4 sopra esposti.


###> Richiedi il servizio diffida online [ click qui ] <###

 

APPROPRIAZIONE INDEBITA DI IMMAGINI : Cosa dice la legge ?

Chi pubblica sul proprio (o sull’altrui) profilo social la foto di un soggetto senza aver prima ottenuto da questi l’autorizzazione commette un reato.

La legge parla di diritto all'immagine che si esplica principalmente nel divieto di esporre o pubblicare l'immagine altrui, o qualsiasi rappresentazione delle altrui sembianze, senza il consenso dell'interessato. Nel caso di minori, il consenso spetta ai genitori o comunque agli esercenti la patria potestà. La disciplina relativa all'uso delle immagini altrui è contenuta principalmente nell'art. 10 del codice civile, il quale disciplina l'abuso del diritto all'immagine, nonchè nella legge n. 633/1941 e ss.mm., sulla protezione dei diritti d'autore, ove viene vietano la pubblicazione di immagini o video altrui, in mancanza di preventivo consenso, con riferimento a qualunque tipo di diffusione al pubblico, compresa la pubblicazione in internet o e sul proprio profilo in un social network.

Si parla di violazione del diritto d’autore quando si pubblicano immagini o video realizzati da un altro soggetto che ne è l’autore e il relativo proprietario (un fotografo, un regista, un videoclip musicale appartenente alla relativa etichetta discografica, ecc.).

Si commette, invece, un illecito trattamento di dati personali nell’ipotesi di condivisione di fotografie e filmati in cui sono presenti altri soggetti senza che questi ne abbiano autorizzato la pubblicazione. L’errore che si commette spesso è quello di ritenere che il consenso a farsi fotografare contenga anche il permesso alla pubblicazione del relativo scatto. Nulla di più falso.

Si aggiunga che l’immagine fotografica e’ tutelata da una legge di fondo e dai suoi successivi aggiornamenti: il fatto che la fotografia sia realizzata, diffusa e duplicata con strumenti digitali non sposta di una virgola la sostanza del diritto dell’autore, e dell’illecito di chi ne fa un uso non autorizzato. Semplicemente, il mezzo digitale ha reso piu’ facile e piu’ "produttivo" il furto di immagini, che resta comunque tale. La legge che prevede che chi ha eseguito delle fotografie ne sia, fino a prova contraria, titolare dello sfruttamento, e’ la legge 633/41, aggiornata dal dpr 19/79 e, recentemente, dal Dlgs 154/97. Le implicazioni di questa legislazione sono estese, negli elementi basilari, a tutto il modo, grazie alla Convenzione Internazionale di Berna del 1971. Che si tratti di immagini digitali od analogiche, sono protette, recita la legge, "le opere fotografiche e quelle espresse con procedimento analogo alla fotografia". Ex art. 646, comma 1, c.p., la pena per il delitto di appropriazione indebita è la reclusione fino a tre anni e la multa fino a euro 1.032,00

 

In più a quanto sopra indicato, con la nuove legge in ambito procedurale, è previsto anche uno sprint per l’avvio del procedimento penale, inserendosi ben 4 nuovi reati: – Il delitto di diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso delle persone rappresentate, punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5mila a 15mila euro: la pena si applica anche a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o i video, li diffonde a sua volta per provocare un danno agli interessati. La condotta può essere commessa da chiunque, dopo averli realizzati o sottratti, diffonde, senza il consenso delle persone interessate, immagini o video sessualmente espliciti, destinati a rimanere privati. La fattispecie è aggravata se i fatti sono commessi nell’ambito di una relazione affettiva, anche cessata, ovvero mediante l’impiego di strumenti informatici. – Il reato di deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso, sanzionato con la reclusione da otto a 14 anni. Quando, per effetto del delitto in questione, si provoca la morte della vittima, la pena è l’ergastolo; – Il reato di costrizione o induzione al matrimonio, punito con la reclusione da uno a cinque anni. La fattispecie è aggravata quando il reato è commesso a danno di minori e si procede anche quando il fatto è commesso all’estero da o in danno di un cittadino italiano o di uno straniero residente in Italia; – Violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, sanzionato con la detenzione da sei mesi a tre anni.

 

COME PROCEDERE SE L'IMMAGINE E' GIA' STATA PUBBLICATA ( FURTO DI FOTO )

Le strade da percorrere sono due :

 

1) Se non ci interessa ottenere un risarcimento danni occorre concentrarsi sulla rimozione più veloce possibile dell'immagine che ci è stata rubata. Il nostro studio potrà aiutarvi nelle procedure di cancellazione / rimozione immagini da internet. Potete procedere anche in autonomia con i nostri consigli seguendo la guida per la rimozione immagini da internet o dai social network [ click qui ].

 

2) Se miriamo ad individuare il colpevole o ottenere un risarcimento economico allora è essenziale documentare le prove con valore probatorio. Il nostro studio vi fornisce il servizio di copia autentica pagine web a questa pagina [ click qui ] e il supporto legale per presentare la denuncia. Una volta salvata con valore legale la prova possiamo già richiederne la cancellazione o eliminazione da qualsiasi sito ( privato, social network, blog ... ) grazie al nostro servizio di rimozione contenuti da Internet [ click qui ].

COME VERIFICARE SE QUALCUNO UTILIZZA UNA MIA FOTO SU INTERNET

Se vi occorre una ricerca completa possiamo fare una verifica online tramite l'analisi della vostra reputazione [ click qui per approfondire ].

UNA SEMPLICE RICERCA ONLINE NON SI PUO' PARAGONARE A QUELLA OFFERTA DA UN SERVIZIO PROFESSIONALE COME IL NOSTRO ! SE SIETE INTERESSATI AD UNA RICERCA PIU' AFFIDABILE E TECNICAMENTE PIU' AVANZATA POTETE CONTATTARCI [ click qui ]

IL MOMENTO DELLA DIFFIDA PER IMMAGINI GIA' PUBBLICATE

In alcuni casi, qualora l'immagine ci ritragga insieme ad altre persone su una pagina che non sia lesiva della nostra reputazione, come ad esempio un sito per adulti, è possibile, se ci è concesso di conoscere l'indirizzo del proprietario del sito o pec o abuse email, prima di iniziare un iter processuale cercare la strada del dialogo e diffidarlo dall'utilizzare la nostra foto. La diffida deve essere inviata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite pec.

Prima di inviare qualsiasi comunicazione E' FONDAMENTALE conservare una prova con valore legale dell'accaduto, facendo fare una copia autentica della pagina web [ click qui ]. SE VIENE CANCELLATA L'IMMAGINE DAL SITO NON AVRETE ALCUNA PROVA CHE QUESTA ERA PRESENTE e se utilizzate toni poco cortesi nella diffida, senza avere una copia autentica, potete rischiare una denuncia per accuse infondate ( se l'autore del furto di immagini cancella la foto e dice che non è mai stata pubblicata, senza copia autentica, lo ripetiamo non avete le prove per difendervi ). UNO SCREENSHOT NON HA ALCUN VALORE LEGALE !

 

Se avete bisogno di assistenza per inviare un testo di diffida :

 

Contattateci o per urgenze componete cell. 3771151946

FARE LA DENUNCIA PER FURTO DI UNA FOTO

ECCO COME PROCEDERE PER FARE LA DENUNCIA PER FURTO DI FOTO

Se la diffida al punto precedente non è stata sufficiente o se la gravità del fatto richiede un intervento urgente ecco come procedere con una denuncia per appropriazione indebita di una foto :

 

  • 1) registrarsi l'url o indirizzo o indirizzi web dove l’immagine compare originariamente
  • 2) reperire la data di pubblicazione della foto originale e di quella impropria
  • 3) segnarsi la data nella quale è stato scoperto l'utilizzo non autorizzato della vostra immagine
  • 4) raccogliere le prove della pubblicazione in modo legale, facendoci fare una copia autentica della pagina web [ click qui ] con l'immagine usata impropriamente, fondamentale se volete vi sia riconosciuto un risarcimento economico e vi sia riconosciuto anche il danno per violazione dei diritti di autore. SE VIENE CANCELLATA L'IMMAGINE DAL SITO NON AVRETE ALCUNA PROVA CHE QUESTA ERA PRESENTE. UNO SCREENSHOT NON HA ALCUN VALORE LEGALE !
  • 5) trovare quanti più riferimenti possibili sull'autore dell'abuso. Fare una denuncia per accadimenti sui social conoscendo solo il nickname di un profilo equivale a fare una denuncia verso ignoti e non ha lo stesso valore di portare riferimenti più concreti come il nome e cognome reale dell'autore del crimine ( possiamo effettuare per voi indagini investigative in tale senso ) o il nome del proprietario del dominio nel caso di pubblicazione su sito web proprietario ( tramite i nostri tools possiamo risalire all'identità di ogni proprietario di dominio o richiederne legalmente informazioni all'amministratore ) o l'indirizzo IP dell'autore del furto di immagini tramite il servizio "Ip trovasi : scopri l'indirizzo IP di chi vuoi tu tramite il nostro servizio di investigazione" [ click qui ]
  • 6) recarsi alla polizia postale o dai carabinieri per sporgere denuncia ( sedi della polizia postale in italia click qui )

 

SEGNALARE L'ABUSO ALL'AMMINISTRATORE DEL SITO e AL SUO PROVIDER ( se disponibile il record nel database di registrazione dei domini )

Se la pubblicazione della foto riguarda un dominio web occorre sapere che ogni dominio web non ha solo un proprietario ma anche un amministratore ed un provider. La segnalazione di abuse al provider ed una lettera all'amministratore del dominio spesso da sole possono risolvere il problema in tempi più brevi di una denuncia. Onde evitare spiacevoli situazioni vi ricordiamo che le comunicazioni email vanno inviate rispettando dei canoni specifici di certificazione che dimostrino l'avvenuto invio.

 

Se necessitate di assitenza per la compilazione dei moduli :

 

Contattateci o per urgenze componete cell. 3771151946

 

Sei stato diffamato su Facebook ? Scopri come fare denuncia raccogliendo le prove con valore legale

Vai a questa pagina per scoprire come raccogliere le prove di una diffamazione su facebook con valore legale [ click qui ]


Domande ?

Se avete domande saremo lieti di potervi rispondere :

 

Contattateci